Tecnopillole /

Il vero volto di Facebook

Il vero volto di Facebook

19 Gennaio 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
PILLOLE TECNOLOGICHE - Con due miliardi di utenti Facebook (il muro delle facce) è l'esperimento sociale più importante mai fatto di tipo sociale, economico, tecnologico, culturale e politico. Il nostro ruolo in questo esperimento è di uccellini in una voliera o di pesciolini in un garnde acquario.

Facebook come Google, Amazon e Apple (iTunes) hanno trasformato la Rete in uno spazio nel quale sperimentare e trarre profitto da modelli di monetizzazione incentrati sulla raccolta, sull'analisi e sull'utilizzo di dati e informazioni personali a semplici scopi marketing e commerciali.

Manuale teorico-pratico per evitare di farsi prendere all’amo dai media digitali e tecnologici, da chi li ha creati e li gestisce, per sapere distinguere la luce delle stelle da quella delle lampare, per non fare la fine del pesce di nome Wanda e per diventare tutti abili anguille capaci di vincere qualsiasi resistenza, di cambiare, risalire, filtrare e stare a galla.

Chi frequenta il social network di Facebook ha tratto dalle sue funzionalità benefici e vantaggi ma ne ha pagato e ne paga  in prezzo in termini di mancato rispetto della privacy e della riservatezza ma anche di rispetto della libertà individuale. Una piattaforma aperta non è automaticamente più libera. La possibilità di disporre a piacimento di una pagina web non è sintomatico di affermazione della propri identità. Ogni utente per Facebook è un semplice produttore di informazioni e come tale viene trattato come semplice massa.

Il fatto di poter esprimere apprezzamenti e valutazioni con un semplice MiPiace e di condividere qualsiasi cosa non si traduce sempre in felicità ma è anzi frequentente il risultato della ricerca di contatto e di una relazione sociale possibile con l'obiettivo di sfuggire all'isolamento e alla solitudine.

Anche le conversazioni online offrono nuve opportunità di relazione e interazione ma distolgono da conversazioni più importanti come quelle che si realizzano faccia a faccia, caratterizzate dal saper parlare e non solo cinguettare o postare, dall'empatia, dalla capacità di concentrazione e attenzione e dalla capcità di gestire le proprie solitudini e inquietudini personali.

Facebook e i social network non sono per questo motivo resposnabili diretti degli effetti da essi prodotti. Non sono il male così come non lo è la tecnologia anche se ha perso la sua neutralità. Il vero problema è l'uso che ne facciamo per viever le nostre esperienze e per capire il mondo nel quale viviamo. Se si delega lo sguardo e la comprensione del mondo ad una piattaforma tecnologica non si si covrà poi stupire delle eventuali conseguenze...

Per approfondimenti sul tema:

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Orefice

Società di sviluppo app per mobile android

Vai al profilo

ePERFECTMAGAZINE

eMAGAZINE - " cose che non leggi altrove" il FREE magazine che ti racconta di arte, moda...

Vai al profilo

AteneoWeb S.r.l.

AteneoWeb è un circuito di Professionisti (dottori commercialisti, consulenti del...

Vai al profilo