Amazon /

Amazon prenderà il posto di Google?

Amazon prenderà il posto di Google?

30 Settembre 2011 Carlo Bongiovanni
SoloTablet
Carlo Bongiovanni
share
Google sta perdendo Android, ed Amazon prenderà il suo posto, grazie al Market ed al nuovo Kindle Fire

Tralasciando un attimo le battaglie per i diritti software, Google ha sempre detto che Android è aperto e libero. Per "certi" versi questo è vero: chiunque, sia esso un individuo o un'azienda, può andare sulla homepage dell'Android Open Source Project, scaricare il codice sorgente, ed usarlo dove preferisce.

Nella pratica il poter costruire e vendere un dispositivo compatibile ad Android è molto difficile, e parecchio diverso che nella teoria. Per prima cosa, Honeycomb non è stato mai reso open-source (i repository pubblici di Android arrivano fino a Gingerbread). Per non parlare del fatto che i diritti sui brevetti dei dispositivi Android hanno praticamente rimpiazzato i costi di licenza: non si può utilizzare Android liberamente su un dispositivo commerciale senza attrarre l'attenzione dei legali Microsoft.

Ma infine, Android è molto svalutato come piattaforma per l'utente consumatore, se non si ha la "benedizione" di Google per diffondere il proprio prodotto. Se non si appartiene alla OHA (Open Handset Alliance), si perdono tutti quei servizi che gli utenti si aspettano di ottenere automaticamente da un dispositivo Android, come Google Maps, GMail, ed il Market ufficiale. E' apparso evidente da molto tempo che un ecosistema facilmente accessibile di applicazioni terze sia la chiave per un prodotto di successo. Molti produttori di tablet hanno provato a realizzare un market alternativo ma in realtà, quando il successo è misurato in centinaia di migliaia di titoli, non esiste nessun reale concorrente.

Ma potrebbe esistere?

Quando l'Amazon Appstore ha debuttato a Marzo di quest'anno in seguito ad una lunga serie di test con gli sviluppatori di apps, è stato immediatamente evidente che l'azienda ha avuto la possibilità di sfidare il dominio del Market ufficiale di Android in una maniera con cui nessun'altro prima ci era riuscito. Innanzitutto Amazon può contare sul suo marchio, sinonimo di successo per via di essere il più grande rivenditore online di prodotti. E' riuscita a creare accordi commerciali con AT&T che in America ha il suo potere. Inoltre ha sempre realizzato iniziative diverse che hanno attirato utenti verso il suo Market, ad esempio con la nota promozione "un'app gratuita al giorno".

All'inizio, ho pensato come avranno pensato tutti, che l'Appstore di Amazon non fosse che un modo per racimolare qualche soldino, buttandosi nel mercato delle apps. Invece adesso, hanno preso il controllo dell'oggetto che ha garantito finora il successo a Google. Creando un Market alternativo con oltre 15k apps e con il supporto della community che la segue, Amazon non ha più bisogno di Google. E' qui arriva l'idea più rivoluzionaria che Jeff Bezos ha avuto: il Kindle Fire che diventerà il più grande ed il più popolare tra tutti i tablets Android finora creati. E avverrà senza Google, senza Andy Rubin, ma con il proprio Appstore Market.

Amazon adesso sta per impadronirsi di uno dei più grandi successi di Google: Android. Il Fire è un tablet diverso: non è stato costruito per essere un sostituto del computer, ma per essere un consumatore di servizi.

Sicuramente non compete con nessun altro tablet Honeycomb sul mercato attualmente, ma questo non vuol dire che non possa essere questa la direzione che prenderà Amazon in futuro, migliorando le caratteristiche tecnologiche del suo prodotto. Certo sembra strano a tutti, ma se già Google, partendo da un motore di ricerca è riuscita a creare un telefono che ha rivoluzionato il mondo intero, perchè non dovrebbe riuscirci Amazon, che è già il più potente rivenditore di prodotti in tutto il mondo.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Digital E Srl

Digital E da più di 20 anni è una delle maggiori società nel campo dell'education e...

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Temovo

Siamo un’azienda italiana che guarda al business in maniera internazionale. Ci...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo