Amazon /

Il Touch di Kindle, un problema di Android

Il Touch di Kindle, un problema di Android

12 Dicembre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Mentre le vendite dei nuovi kindle vanno alla grande, alcune voci fuori del coro come Nielsen mettono in guardia su un dispositivo che manifesta alcune lacune. Problemi segnalati sono quelli della usabilità, della user experience e del 'touch'. Un problema quest'ultimo che porta alcuni analisti a suggerire alle persone con dita 'grosse' di evitare un tablet/e-reader da sette pollici come il kindle.

Il successo dei modelli Kindle sta generando anche alcune riflessioni critiche legate alla usabilità di un dispositivo da sette pollici, dimensioni che Steve Jobs aveva stigmatizzato come improponibili per un dispositivo touch su cui far scorre e impartire comandi con i polpastrelli delle proprie dita.

Le criticità riguardano soprattutto persone dalle dita grosse e/o grasse e paesi nei quali, come gli Stati Uniti, l'obesità è un fenomeno molto difuso. Questa criticità non viene evidenziata da chi ha optato per l'iPad di Apple.

Il problema è che di questa criticità in realtà non è responsabile Amazon ma Android e il modo con cui il software che gestisce le gestures e il 'touch' è stato integrato nel sistema operativo e ottimizzato per lo specifico hardware di ogni singolo èproduttore. Il problema del 'touch' sulle piattaforme Android è noto da tempo, così come si conosce da tempo la distanza esistente in termini di funzionamento e solidità con il 'touch' più controllato e meglio integrato a livello hardware sviluppato dalla Apple.

In realtà il problema esiste per tutti i tablet da sette pollici ma per tutti la causa non è il dispositivo o la dimensione dello stesso quanto il software, la sua integrazione con il sistema operativo e la componente hardware e l'ottimizzazione fatta su ogni speicifca piattaforma.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Engitel

Engitel è una digital company che si occupa di Web e Mobile sin dal 1995. Realizza...

Vai al profilo

Arsenal S.R.L.

Simulatori e visual simulation immersiva ad elevata interattivita' - con software di...

Vai al profilo