Amazon /

Un display nell'evoluzione prossima futura di Echo

Un display nell'evoluzione prossima futura di Echo

30 Novembre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Echo (in italiano ECO) non è solo una ninfa delle montagne mitologiche greche, ma anche un prodotto di successo di Amazon. Alla prima, votata al pettegolezzo, la moglie di Zeus per gelosia tolse l'uso della parola condannandola a ripetere solo le ultime parole udite. Al secondo Amazon potyrebbe limitare l'uso della parola vestendolo di uno schermo. Echo è un gadget tecnologico che ha cambiato il mercato degli assistenti personali aprendo nuove strade all'uso dell'intelligenza artificiale sposata a Bot, Chatbot e dispositivi o algoritmi dotati di parola. Il 2016 è stato l'anno di svolta dei Bot/Chatbot e potrebbe terminare con una evoluzione di Echo molto interessante, l'aggiunta della interfaccia tattile. Un ritorno all'indietro?

Secondo alcune indiscrezioni di stampa (Bloomberg) l'evoluzione prossima ventura di Echo prevede l'arrivo di un display che faciliterà l'accesso ai contenuti e l'interazione con il dispositivo. Se confermata la scelta di Amazon è destinata a fare un pò di rumore perchè potrebbe essere letta come una diminuzione di uno strumento nato per essere fondamentalmente vocale con l'obiettivo di eliminare una interazione tattile o attraverso scrittura e lettura di testi, notizie, eventi a calendario, ecc. Una scelta dubbia anche da un punto di vista commerciale anchese probabilmente motivata da un cambiamento di destinazione d'uso e di posizionamento del prodotto sul mercato.

Il grande vantaggio di Echo è la sua interfaccia Alexa che, molto più attrezzata vocalmente della Eco mitologica, non si limita a ripetere in modo pappagallesco le ultime parole ma è in grado di dialogare e conversare vocalmente con interlocutori umani per informarli di un appuntamento, di una chiamata o per ricordare loro attività o impegni giornalieri. E' una forma di interazione percepita come naturale e come tale in grado di fare risparmiare tempo e fatica semplificando la vita.

L'aggiunta di uno schermo sembra un di più non necessario ma ovviamente Amazon pensa in modo diverso, forse con l'obiettivo di rivolgersi a audience differenti, come ad esempio giovani nativi digitai che amano la musica e/o i video e vogliono potere scorrere le loro playlist per organizzarle, selezionarle ed eseguirle in base alle esigenze del momento. Un esercizio che potrebbe essere più complicato interagendo a voce con un assistente tecnologico che non è detto possegga tutte le capacità cognitive e linguistiche necessarie per fornire un servizio di ascolto ottimale.

I primi analisti che hanno preso la notizia per valida commentandola stanno comunque condividendo pareri negativi perchè l'aggiunta di una interfaccia tattile rischierebbe di indebolire l'oggetto Alexa e il suo ambiente senza fornire valore aggiunto a chi ha deciso di acquistare un dispositivo Echo per la sua casa o ufficio. E' come se Amazon ammettesse che Alexa non sia ancora perfetta per una interazione vocale e attraverso un linguaggio naturale. Senza contare che la proliferazione di schermi è tale da non suggerirne altri. L'introduzione di un display potrebbe far percepire al consumatore l'immaturità dell'offerta tecnologica ritardando l'adozione di nuovi comportamenti e abitudini nell'interagire con i gadget tecnologici. Qualcosa di simile  a quanto è successo con il tablet quando l'aggiunta della tastiera ha finito per portare alle preferenze attuali per i dispositivi 2-in-1 e alla minore propensione all'acquisto di un tablet puro.

Non c'è solo Echo. Tanti piccoli e potenti assistenti personali crescono, come Otto di Samsung

La specificità di Echo rispetto ad altri assistenti personali come Siri o Cortana è stata quella di avere dato un corpo fisico ad Alexa nella forma del dispositivo conico creato da Amazon. Se Echo si dotasse di un display diventerebbe molto più simile a Siri che già oggi è dotato del display di un dispositivo iOS.

Per ora la notizia è una semplice indiscrezione e non è detto che trovi riscontro nelle scelte finali di Amazon. La notizia merita comunque l'attenzione da parte di tutti coloro che guardano con interesse alla evoluzione degli assistenti personali come macchine dotate di intelligenza artificiale e di capacità linguistiche paragonabili a quelle umane per una interazione che nel tempo potrebbe diventare predominante su tutti i dispositivi tecnologici.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MSG applicationconsulting

Vai al profilo

PowerSoftware

App for lifestyle of people !

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

Unified Communication

Unified Communication è un’azienda italiana leader nel mercato europeo del...

Vai al profilo