Apple /

Apple Watch: non tutto luccica come dovrebbe!

Apple Watch: non tutto luccica come dovrebbe!

13 Luglio 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I dati sono sempre malandrini, le interpretazioni faziose, la realtà sempre sfuggente. In base ai dati di vendita raccolti la maggior parte degli analisti esprime opinioni negativi sullo Watch di Apple. I dati forniti da Apple però potrebbero non essere quelli reali!

Mentre l’iPhone continua a macinare successi, fatturati e profitti, Apple Watch sembra già essere indirizzato su una china calante. Lo dicono i dati delle vendite negli Stati Uniti e numerosi rapporti pubblicati da analisti e osservatori di mercato. I dati sono molt ballerini perché indicano nel trimestre valori molto diversi, da tre a sei milioni. Questi dati sono anche resi incerti dalla resistenza di Apple a farli conoscere, anche per motivi fi tipo competitivo.

Le vendite di Apple Watch dipendono da molte variabili quali il numero ancora limitato di nazioni in cui è stato reso disponibile, la spasmodica attesa che ha caratterizzato un numero elevato di early adopter e innovatori e la novità del prodotto. Dopo un boom di vendite inziale ora molti analisti evidenziano un crollo generalizzato nelle vendite che ha portato alcuni di essi a decretare l’allarme sul nuovo prodotto e sulla sua capacità di mantenere le aspettative di successo previste.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

I dati analizzati sono quelli del mercato americano, un mercato nel quale nel mese di giugno sono stati venduti 2000 Apple Watch al giorno, due terzi dei quali nel modello entry-level. Le stime delle vendite calcolate dagli analisti di mercato vanno dai 3,9 milioni di Deutsche Bank, ai 3,5 di BMO Capital, ai 3 milioni di Pac Crest.

 

Che il mercato non sarebbe stata una passeggiata facile per un prodotto tecnologico indossabile come Apple Watch lo si prvedeva. Nonostante la grande campagna marketing e di awareness atta da Apple. Il  mercato deve ancora trovare motivazioni forti all’acquisto per un prodotto che ha funzionalità simili a quelle di uno smartphone, che costa molto e che è in competizione con un iPhone 6 che continua a vendere moltissimo e ad attrarre i soldi delle tasche dei consumatori limitandone la capacità di spesa per altri prodotti.

Probabilmente a Apple poco importa l’andamento attuale dello Watch. Ciò che conta è il flusso di guadagno continuo e esponenziale che proviene dall’iPhone e il fatto che il mercato cominci a conoscere il suo orologio intelligente. In ogni caso al termine dell’anno 2015, le vendite di Apple Watch saranno molto superiori a quelle di qualsiasi altro prodotto simile in circolazione.

Le note di molti analisti sembrano confermare la validità del detto di Shakespeare. “molto rumore per nulla”. I dati che contano sono quelli di fine anno e non quelli del trimestre o dei tempi delle indagini. I numeri finali saranno condizionati da cosa faranno i consumatori. I Millennial continueranno probabilmente a preferire lo smartphone, perché dopo aver tolto l’orologio dal polso non vedono alcuna ragione valida per rimettercelo. I Baby Boomers, se dispongono dei budget necessari, preferiranno sempre un orologio costoso e di marca, analogico e poco digitale. Le altre generazioni probabilmente sono candidate più di altre all’acquisto di uno Watch ma prima devono capire se e quanto serva veramente.

 

Fonte: money.cnn.com


comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo

WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo