Apple /

Cosa manca all’iPad Pro per sostituire un laptop?

Cosa manca all’iPad Pro per sostituire un laptop?

19 Novembre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Secondo le dichiarazioni di Tim Cook l’ultimo modello di iPad di Apple può sostituire un laptop e mira, soprattutto nelle aziende a farlo. Nella realtà non lo è completamente e per un’azienda forse dovrebbe disporre di un sistema operativo come quello dei Mac. Forse l’unica vera soluzione per competere con il sistema operativo multipiattaforma di Windows e i suoi tablet-PC o 2-in.1.

Le vendite di iPad sono in calo da mesi e tutti si atetndono che l’iPad Pro le rilanci in grande stile. Molte delle speranze o scommesse sulla nuova piattaforma sono legate alla sua destinazione di scopo, la competizione, o meglio la sostituzione di laptop. Meglio se Windows e meno bene se nella versione Mac.

L’arrivo di Windows 10 e la trasformazione tattile dei display dei laptop ha reso i sistei 2-in-1 molto popolari tra il pubblico affezionato a Microsoft e al suo sistema operativo. Tutti sono concordi nel testimoniare la maggiore usabilità e facilità d’uso, soprattutto se il dispositivo usato è il nuovo Surface Book. L’approccio di Microsoft al mercato tablet sembra essere stato quello giusto e senza gli errori fatti con i prodotti smartphone. Il gradimento del mercato per il SurFace nella versione Pro e Book è determinato dalla sua produttività e dalla capacità, da parte di Microsoft, di garantire il rapporto prezzo-qualità del prodotto. Cosa che in passato l’azienda non aveva fatto procurando numerose fughe da Windows verso altre tipologie di piattaforme e dispositivi.

Ora che l’iPad Pro è nei punti vendita ed è svanita la spinta marketing che è sempre legata al momento di lancio di un prodotto, molti si interrogano sulla sua effettiva capacità a sostituire un laptop. Obiettivo che non pare raggiungibile semplicemente perché dispone di uno schermo più grande.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

Fortunatamente per Apple, i suoi fan fidelizzati, procederanno all’acquisto del nuovo iPad semplicemente dopo aver visto qualche video YouTube o altre comunicazioni marketing in rete. Se leggessero qualche recensione tecnica forse potrebbero dilazionare nel tempo la loro decisione finale. Non perché il prodotto non sia di qualità ma perché la sua produttività, senza pennino e tastiera, andrebbe ben verificata.

Rispetto all’offerta di Windows 10 di Microsoft, quella di Apple sconta ancora la coesistenza di due sistemi operativi diversi, uno per i laptop Mac e l’altro per i dispoitivi mobili come iPhone e iPad. Il fatto che iOS sia la piattaforma dell’iPad significa che non può offrire le stesse prestazioni del sistema operativo OSX del Mac. Ad esempio quali sarebbero le performance nell’uso di applicazioni come Photoshop di Adobe? Se questa è la realtà non si capisce perché Tim Cook abbia venduto il concetto marketing della sostituibilità di un laptop con un iPad Pro. Si comprenderebbe invece la scelta di un consumatore verso un SurFace Book per le sue capacità in termini di produttività e per le sue prestazioni da PC grazie a Windows 10 e al suo software applicativo, anche di tipo aziendale. Si comprenderebbe anche la scelta del consumatore per un nuovo Mac al posto del nuovo iPad.

Se ciò fosse vero Apple potrebbe avere difficoltà a far ripartire le vendite di iPad. E verrebbe smentita la visione, resa pubblica da Tim Cook, sulla debolezza del SurFace come dispositivo che cerca di fare tutto e nel farlo non ci riesce. Una visione smentita nei fatti dalle numerose recensioni positive che il SurFace Book ha ricevuto per le sue innovazioni e novità nel campo del personal computing.

Quando Apple ha rilasciato il suo iPad molti utilizzatori di laptop Windows si sono dotati della tavoletta di Apple, oggi è difficile pensare che lo facciano soprattutto se il dispositivo Windows in possesso è un 2-in-1.  Se così fosse verrebbe meno per Apple un elemento forte di competizione con Microsoft. Unica soluzione per Apple continuare a migliorare e innovare l’iPad Pro per trasformarlo in un reale sostituto del laptop Windows e del Surface Book. Ma forse la sola soluzione vincente è di unificare le due piattaforme di sistema operativo. Cosa che Apple per il momento non sembra essere disponibile a fare molto presto.

Nel frattempo sarà molto interessante osservare l’andamento delle vendite per scoprire quanto la nuova strategia di Microsoft possa risultare vittoriosa.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


dualcrossmedia.com

web media, service, cross media web consultancy, info graphics, Seo, marketing 3.0

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Systech Srl

Nata nel 1994, Systech è una azienda specializzata nella progettazione e nello...

Vai al profilo

Mobile App

Mobile app offre una serie completa di apps per tablet e smartphone B2B e B2C, la sua b.u...

Vai al profilo