Apple /

Headset per la Realtà Virtuale: i progetti di Apple

Headset per la Realtà Virtuale: i progetti di Apple

07 Maggio 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Apple celebra il primo trimestre 2018 per le vendite di iPhone X (16 milioni di unità), lo smartphone più venduto e che ha superato anche il Galaxy S9 di Samsung. Nel frattempo è impegnata in un progetto di Realtà Virtuale che prevede il rilascio di un prodotto entro il 2020.

Che Apple fosse interessata alla Realtà Virtuale come mercato lo si sapeva da tempo. Alcune dichiarazioni recenti di Tim Cook confermano l'interesse e gli investimenti per un progetto che dovrebbe portar sul mercato, entro il 2020, un prodotto di Realtà Virtuale e di Realtà Aumentata e che utilizzerà tecnologie sviluppate direttamente da Apple. Una buona notizia per tutte le aziende che stanno investendo da tempo in questo ambito e che potrebbero trarre vantaggio dal traino che il Brand Apple potrebbe regalare loro facendo crescere l'interesse dei consumatori per una tipologia di prodotti al momento ancora molto di nicchia.

Le previsioni di vendita dei dispositivi headset per la Realtà Virtuale si attestano poco sopra i venti milioni di unità ma già entro il 2022 le unità vendute annualmente potrebbero essere più di 120 milioni. Un mercato da 10 miliardi di dollari a cui molte aziende tecnologiche non hanno alcuna intenzione di rinunciare. A partire da Facebook e poi forse anche da Google.

Il fatto che ad oggi non esista ancora una proposta Apple non è casuale. Apple è famosa per preparare nel tempo i suoi nuovi prodotti e per lanciarli nel momento ritenuto più favorevole per le condizioni di mercato, aspettative dei consumatori e maturità delle tecnologie da usare. In base alle indiscrezioni emerse Apple starebbe usando tecnologie di propria creazione per assemblare un prodotto headset di Realtà Virtuale/Realtà Aumentata wireless e assistito da un device esterno equipaggiato delle risorse ncessarie a garntire prestazioni e capacità computazionale. Una soluzione non integrata che potrebbe avere dei vantaggi sul lungo termine permettendo ad esempio di cambiare la componente visuale dell'headset senza sostituire il box esterno ma anche di poter contare su una batteria con capacità e prestazioni maggiori. Lo svantaggio potrebbe consistere nella trasmissione wireless tra i due dispositivi che potrebbe richiedere frequenze e larghezza di banda non facili da garantire.

Oculus Go di Facebook è un dispositivo integrato e completamente portabile, l'accessorio esterno di Apple potrebbe limitare la portabilità del suo headset ma Apple potrebbe anche puntare su una soluzione mista che prevede anche l'uso del dispositivo senza il device esterno.

Se e quando arriverà sul mercato il dispositivo di Realtà Virtuale di Apple dovrà confrontarsi con i prodotti di aziende che già da tempo sono sul mercato con loro prodotti come Facebook (il recente Oculus Go) e HTC, Samsung (GearVR) e Google (Daydream) ma anche società come Qualcomm. L'arrivo di Apple in questo mercato ne favorirà lo sviluppo per la capacità del Brand di catturare attenzione e interesse da parte di schiere allargate di utenza e di consumatori.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Unified Communication

Unified Communication è un’azienda italiana leader nel mercato europeo del...

Vai al profilo

Nexus srl

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo

Centrica

Centrica progetta e sviluppa tecnologie innovative nei settori del digital imaging...

Vai al profilo