Apple /

L’afasia di Apple e i nuovi racconti dei concorrenti

L’afasia di Apple e i nuovi racconti dei concorrenti

18 Marzo 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Se ogni marchio o prodotto è un racconto, Apple da un po’ di tempo è diventata afasica. Cala il valore delle azioni e si diluisce la trama del racconto di una epopea che ha fatto la storia. Tutto a vantaggio di altre storie e di altri racconti, della concorrenza!

Un interessante articolo di pubblicato sul giornale inglese The Guardian richiama l’attenzione sull perduta capacità di Apple di comunicare nuove storie e di saper catturare l’attenzione dei consumatori con nuove storie APP(L)ealing.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

In realtà non è che le storie di Apple siano completamente sparite. Ad esempio sono ancora forti di significati e di interesse per un pubblico vasto quelle dell’iPad. Il problema è che le storie in circolazione ed emergenti sono sempre più spesso quelle dalla concorrenza. In particolare ad essere diventata brava a costruire storie condivise è Samsung, ora nella fase di rilascio del suo nuovo Galaxy S IV con l’ultima versione di sistema operativo Android.

Di fronte all’attivismo della concorrenza, la Apple post-Steve Jobs, sembra essersi messa sulla difensiva e manifestare una difficoltà nel replicare attraverso campagne pubblicictarie, aprole e nuove storie alle iniziative della concorrenza.

Per dare valore alla propria analisi l’autore dell’articolo ricorda slogan di Apple che hanno fatto la storia e che hanno colonizzato  la mente di molti consumatori come ‘I'm a Mac, You're a PC ( per dileggiare la Microsoft), "Think different.", "It just works". Oggi i racconti del management della Apple si stano riempiendo di parole scontate quali ‘incredibile’, ‘fantastico’, ‘il meglio di’, ecc.

Per sostenere la sua tesi il giornalista del Guardian ha analizzato la ricorrenza di alcune parole nelle comunicazioni relative alla valutazione dei titoli della Apple in borsa.

La conclusione è che quando le parole usate diventano ripetitive, vuote, iperboliche, l’ascoltatore rischia di perdere la sua capacità di ascolto e la fiducia in chi quelle parole utilizza.  Apple ha perso il controllo della sua narrazione e in questo modo ha permesso ad altri di affermare la loro.

Se conoscete l’inglese potete leggere l’intero articolo qui.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


AnguriaLab

Mobile Apps & WebApps for agencies and companies. Reusable and flexible components...

Vai al profilo

B p 2 srl

Dal 2001 Bp 2 offre la piu ampia scelta di software gestionale online per le aziende e la...

Vai al profilo

Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

Fingerlinks

Siamo una startup tecnologica estremamente dinamica. Ci occupiamo di system...

Vai al profilo