Apple /

Nostalgia di Steve Jobs va crescendo!

Nostalgia di Steve Jobs va crescendo!

04 Maggio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I risultati declinanti nelle vendite di iPhone, il calo persistente di quelle dell’iPad e la deludente performance borsistica degli ultimi tempi stanno provocando molte narrazioni, analisi e approfondimenti sui media americani. Molte analisi sono finalizzate a comprendere fenomeni e trend di mercato e ad interpretare le più recenti scelte marketing e commerciali di Apple. I dati recenti su fatturati e profitti indicano che la crescita spettacolare che ha caratterizzato l'iPhone è ormai dietro le spalle. Benchè Apple stia producendo risultati buoni nella vendita di servizi, Mac e anche iPhone, il calo delle vendite di iPhone ha portato molti a chiedersi se Apple potrà ancora sperimentare nuove crescite nel mercato iPhone. Una conseguenza di tutto ciò è l'aumento di narrazioni online che fanno trasparire una grande nostalgia per Steve Jobs ma soprattutto per la sua carica visionaria e innovativa.

La nostalgia è una brutta bestia, soprattutto se riferita a una icona pop come Steve Jobs e alla sua aura di successo e invincibilità. Le performance deludenti del secondo trimestre 2016 alimentano questa nostalgia scaricando su Tim Cook tutta la responsabilità per la situazione attuale e individuando la difficoltà attuale nella sua scarsa capacità visionaria, sostituita da una semplice ma non sufficiente abilità gestionale e operativa.

A Tim Cook viene rimproverata l’incapacità a pensare in modo creativo e laterale per fare emergere nuove idee e visioni capaci di dare forma a nuova innovazione di prodotto e di paradigmi. Per fare questo è necessaria un’altra capacità che era tipica del modo di agire di Steve Jobs. Servirebbe a Tin Cook l’abilità di risolvere i problemi generando nuove idee attraverso l'integrazione di approcci diversi per complessità e dinamicità e abbandonando approcci tradizionali, già sperimentati e ritenuti non più praticabili.

Chi sottolinea l’incapacità visionaria di Tim Cook, arriva a suggerire un cambio di leadership in modo da superare gli approcci convenzionali e poco innovativi che sembrano guidare la sua azione-reazione ai risultati deludenti del trimestre e che sembrano basati più su scelte tattiche che strategiche e di medio-lungo termine. Scelte che comunicano anche una specie di adattamento al ribasso quando Cook indica bei paesi asiatici le nuove opportunità di crescita per la sua azienda. Una indicazione pragmatica e verosimile ma lontana dalla innovazione a cui Steve Jobs aveva abituato l’azienda.

Molti di coloro che criticano Tim Cook riconoscono il suo ruolo importante nella fase di transizione dopo la scomparsa di Steve Jobs ma reclamano un cambio di passo, di approccio o di leader. La scelta è ritenuta urgente per le molte situazioni contingenti che si stanno allineando tutte insieme in modo critico, a partire da un prodotto di grande successo come l’iPhone che dopo quasi dieci anni sembra soffrire per un mercato saturo e maturo e per l’assenza di nuove motivazioni da parte dei consumatori per optare verso un aggiornamento tecnologico che potrebbe rilanciare le vendite.  

L’urgenza è sottolineata anche dal fatto che altre aziende che operano nello stesso mercato tecnologico di Apple sono oggi guidate da leader capaci e visionari come il CEO di Tesla Elon Mus,  Mark Zuckerberg  di facebook o Jeff Bezos di Amazon ma anche Satya Nadella che ha saputo rilanciare Microsoft focalizzando strategie, investimenti intorno a visioni prima ancora che su singoli prodotti.

Tutte le critiche che oggi emergono in molti resoconti giornalistici o analisi di esperti del mercato potrebbero essere vanificate da futuri annunci e scelte strategiche in grado di rilanciare prodotti e immagine di Apple come azienda innovativa.

Gli ambiti dai quali potrebbero venire prossime e possibili soprese sono quelli dell’iPhone trasformato in una potente fotocamera e capace di sostituire le macchine fotografiche digitali in circolazione e quelli della Realtà Virtuale. Al momento però non è possibile fare alcuna previsione e, in assenza di informazioni rubate e anticipazioni, è impossibile dire cosa effettivamente stia bollendo nella pentola dei laboratori di ricerca e sviluppo della Apple.

Se non ci saranno novità importanti e Apple non sarà in grado di portare sul mercato nuovi prodotti innovativi e rivoluzionari è probabile che la comunità dei critici attuali di Tim Cook sia destinata a crescere e a farsi massa potente di pressione per un cambio di leadership.

Nella speranza che l’eventuale successore sia realmente visionario, almeno quanto lo è stato il compianto da tutti Steve Jobs.

 


 

The New York Times - "STEVE JOBS was an enemy of nostalgia. He believed that the future required sacrifice and boldness. He bet on new technologies to fill gaps even when the way was unclear."

 


Il testo in verisone inglese:

Steve Jobs nostalgia is growing!

The results in the declining sales of the iPhone, the continuing decline of the iPad and the disappointing stock market performance of recent times are causing many stories, analysis and in the American media insights. Many studies are aimed at understanding the phenomena and market trends and to interpret the latest marketing and commercial choices of Apple. Recent data on turnover and profits show that the spectacular growth that has characterized the iPhone is now behind us. Though Apple is producing good results in the sale of services, Mac and even iPhone, the decline in iPhone sales has led many to wonder whether Apple can still experience new growth in the iPhone market. One consequence of this is the rise of online stories that they reveal a great nostalgia for Steve Jobs, but especially for its visionary and innovative.

Nostalgia is an ugly beast, especially if it refers to a pop icon like Steve Jobs and his aura of success and invincibility. The disappointing performance of the second quarter 2016 fuel this nostalgia downloading of Tim Cook all responsibility for the current situation and identifying the current difficulties in its poor capacity visionary, replaced by a simple, but not sufficient managerial and operational skills.

Tim Cook is blamed the inability to think creatively and lateral way to bring out new ideas and visions able to give shape to new product innovation and paradigms. To do this you need another typical capacity of action of Steve Jobs, the ability to solve problems by generating new ideas integrating different approaches in their complexity and dynamism and abandoning traditional approaches or already tested and deemed no longer viable.

Who emphasizes the visionary inability to Tim Cook, gets to suggest a change of leadership in order to overcome the conventional and not very innovative approaches that seem to guide his action-reaction to the disappointing results of the quarter and which seem based more on tactical and strategic choices and medium to long term. Choices that communicate also a kind of downward adjustment when Cook beautiful Asian countries indicates the new growth opportunities for his company. A pragmatic and realistic indication but far from innovation that Steve Jobs had used the company.

Many who criticize Tim Cook recognize its important role in the transition after the demise of Steve Jobs but calling for a change of pace, approach or leader. The choice is considered urgent for the many contingencies that are aligning all together in a critical way, starting from a very successful product like the iPhone that after almost ten years seems to suffer from a saturated and mature market and the absence new reasons for consumers to opt for a technological upgrade that could revive sales.

The urgency is also underlined by the fact that other companies operating in the same Apple technology market today are led by capable leaders and visionaries such as Tesla CEO Elon Mus, Mark Zuckerberg of Facebook or Jeff Bezos of Amazon but also that Satya Nadella Microsoft managed to raise focusing strategies, investments around visions even before of individual products.

All critical now emerging in many news reports or analyzes of market experts could be undermined by future announcements and strategic decisions capable of relaunching products and image of Apple as an innovative company.

The areas from which they could be next and possible surprises are those of the iPhone turned into a powerful camera and capable of replacing the digital cameras in circulation and those of Virtual Reality. At the moment, you can not make any forecasts and, in the absence of stolen information and advances, it is impossible to say what actually is boiling in the pot of research and development laboratories of Apple.

If there will be important news and Apple will not be able to bring to market new innovative and revolutionary products it is likely that the community of going critical of Tim Cook is set to grow and to become powerful mass pressure for a change of leadership.

In the hope that the eventual successor is truly visionary, at least as it was the late Steve Jobs by all.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


INGEGNI Tech S.r.l.

INGEGNI Tech sviluppa applicazioni per il mercato mobile, sviluppando progetti per la...

Vai al profilo

MG SoftDroid

Programmatore neofita, realizza App Android indirizzate agli studi prevalentemente...

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo