Apple /

Quale futuro per Apple Watch

Quale futuro per Apple Watch

19 Giugno 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Lo schermo da polso dello Watch di Apple introduce novità interessanti nelle modalità di interazione con la tecnologia mobile e ora anche indossabile. Si aggiunge ai numerosi schermi che già abitano la nostra vita e fanno da tramite tra noi e il mondo, tra noi e l’informazione, la lettura, la scrittura e molto altro. Il suo futuro però non è già scritto! A determinarlo saranno le scelte del consumatore.

Il nuovo prodotto tecnologico indossabile di Apple ha suscitato molto interesse ed è narrato come il dispositivo che potrebbe creare e dare slancio al mercato delle tecnologie wearable. Non basta però la buona valutazione dei media, l’entusiasmo degli estimatori o il fatto che sia un marchio dell’azienda di Steve Jobs, per determinarne il successo e la diffusione. La decisione di acquistarlo passerà al vaglio del suo processo decisionale e scelta finale la sua effettiva utilità e produttività, due caratteristiche non percepite da tutti come reali e concrete.

L’analisi di quanto Apple Watch sia effettivamente utile e produttivo va fatta pensando in primo luogo ad un consumatore nel ruolo di professionista o lavoratore alla ricerca di strumenti più efficaci per svolgere in modo più semplice le loro attività quotidiane, professionali, tecniche, e commerciali.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

La produttività non sempre è garantita da prodotti che come Apple Watch cercano di fare troppe cose insieme. La ricchezza di funzionalità rischia di aumentare la complessità del dispositivo, di ridurne la facilità d’uso e di diminuire la sua versatilità con una conseguente minore efficienza e produttività per l’utente finale. Un esempio di quanto possa essere complicato Apple Watch è la presenza di due bottoni fisici che fanno cose diverse a seconda di come vengono premuti. Complicato appare a molti lo schermo delle APP. Il tentativo di riunire in uno spazio ristretto un numero elevato di micro-icone ha prodotto un buon risultato, peccato che molti utenti hanno dita troppo grosse per riuscire a interagire adeguatamente con il display e le sue icone.

Il secondo potenziale problema di Watch nasce al momento dalle applicazioni disponibili. Molte di esse non sono ottimizzate per lo strumento e aggiungono complicazione ad un ambiente nuovo con cui l’utente deve ancora fare esperienza. Le funzionalità aggiuntive finiscono così per aggiungere complessità e creare confusione che non aiutano la perseveranza nell’uso del dispositivo e la sua produttività. L’ambiente di sviluppo messo a disposizione da Apple permetterà comunque agli sviluppatori di dare concretezza alla loro creatività e di implementare APP sempre più adeguate al nuovo strumento e alle nuove versioni che arriveranno.

 

Fonte: www.wareable.com

Il futuro di Apple Watch così come di tutti i numerosi gadget indossabili dipenderà molto da quanto verranno percepiti come oggetti da vestire perché capaci di dare forma e rappresentazione a vari stili di vita. Mentre i braccialetti tecnologici indossabili hanno da tempo trovato un pubblico ampio e un consumo di massa che va oltre il genere, il reddito e le specificherà demografiche del consumatore, Apple Watch è un oggetto costoso, non per tutti e neppure particolarmente adatto per un pubblico di genere femminile. Sembra essere stato creato pensando a manager d’azienda di genere maschile e con abitudini e stili di vita maschili.

E’ presto per fare una valutazione sul successo dell’Apple Watch. A fine anno i numeri delle vendite serviranno a fare una prima riflessione che servirà anche per misurare l’andamento del mercato delle tecnologie indossabili, dato in costante crescita ma ancora nella necessità di provare concretamente la sua effettiva potenzialità e capacità attrattiva.


*Spunti tratti da articoli di Techrepublic

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Systech Srl

Nata nel 1994, Systech è una azienda specializzata nella progettazione e nello...

Vai al profilo

Italia Multimedia

Italia multimedia, web agency a Milano, progetta, disegna e realizza Siti Web, Portali...

Vai al profilo

Francesco De Simone

Mobile Developer Android/iOS Freelance !

Vai al profilo

Digital E Srl

Digital E da più di 20 anni è una delle maggiori società nel campo dell'education e...

Vai al profilo