Google /

Google, a rischio il modello Android?

Google, a rischio il modello Android?

24 Agosto 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Dopo l'acquisizione di Motorola Mobility da parte di Google e il suo ingresso sul mercato del mobile con una proposizione hardware, cosa penseranno e faranno gli altri vendor che hanno adottato Andorid per le loro piattaforme? Google ha tutto l'interesse a mantenere aperto Android e a spingere la sua diffuzione su piattaforme eterogenee. Riuscirà a resistere alla tentazione monopolistica e colonizzatrice?

Molti analisti di mercato stanno analizzando l'acquisizione di Motorola Mobility da parte di Google per valutarne le conseguenze sulla piattaforma di sistema operativo Android. Il dubbio infatti è sulla volontà di Google di procedere ad investire e coltivare le partnership attuali con vendor che hanno sposato Android per la loro proposta di dispositivi tablet quali HTC e Samsung in prima fila.  Il dubbio è legittimo vista la vocazione 'colonizzatrice' di Google e la potenza raggiunta in termini finanziari, di copertura del mercato e di proposizione.

La volontà di Google deve comunque superare la percezione dei partner. Google deve in modo concreto comunicare e mostrare lo stesso livello di commitment nel rilasciare e mettere a disposizione dei partner il codice sorgente di Android contemporaneamente all'utilizzo che ne farà internamente. Google deve anche persuadere gli OEM a rimanere fedeli alla piattaforma Android e a non fare scelte strategiche diverse.

Il rischio paventato dagli analisti è la sindrome di Symbian che potrebbe convincere alcuni partner strategici di Google attuali a spostarsi sul mondo Windows ( Windows Phone operating system (OS) ). Al di là delle intenzioni comunicate da Google è facile immaginare che l'acquisto di Motorola Mobility avrà pesanti implicazioni sull'ecosistema globale del Mobile e la sindrome Symbian è uno degli scenari possibili che non è possibile scartare a priori. Questo scenario vedrebbe i partner chiave di Google fare altre scelte per difendersi dalla concorrenza diretta di Google sul loro terreno.

Per ora non ci sono state reazioni megative e i vendor sono alla finestra per valutare il da farsi ma anche in che modo trarre vantaggio dalle scelte di Google. E' indubbio infatti che l'intero ecosistema applicativo Android potrebbe arricchirsi ulteriormente fornendo a chi vi partecipa nuove opportunità di business finora inesplorate.

Quelli che per il momento sembrano contenti sono i consumatori che già hanno scelto ed utilizzano i prodotti di Google, Android tra questi.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MSREI s.r.l

MS REI s.r.l. è un'azienda specializzata nel mondo degli investimenti. Nata come...

Vai al profilo

Nex Mobile Apps

Vai al profilo

Marialuisa Moro, scrittrice

Una restauratrice di quadri, una tela con il ritratto del marito scomparso che la...

Vai al profilo

Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo