Produttori /

I costi aumentati per la produzione dell’iPhone confermano profitti sempre alti per Apple

I costi aumentati per la produzione dell’iPhone confermano profitti sempre alti per Apple

22 Settembre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
L’arrivo dell’iPhone 7 nei punti vendita mantiene alta l’attenzione dei media sul muovo prodotto di Apple. Alcuni analisti hanno calcolato i costi di produzione evidenziandone l’aumento con la conseguente riduzione di margini per Apple. Confermato in ogni caso un modello di business fondato sul profitto e un prodotto che continua a essere la gallina dalle uova d’oro di Apple.

Secondo uno studio condotto da IHS, i costi di produzione complessivi dell’iPhone 7 e dei materiali usati sono saliti a 224,80 con un aumento di quasi 37 dollari rispetto ai costi di produzione dell’iPhone 6. Entrambi i dispositivi sono venduti nelle loro configurazioni di base a 649 dollari. L’aumento dei costi non mette in crisi il modello di business fondato sul profitto di Apple che continua ad avere margini più elevati di quelli che riesce a generare Samsung  la sua più diretta e agguerrita concorrente.

Il calcolo dei costi di produzione del nuovo dispositivo è stata compiuta analizzando le varie componenti e le novità introdotte in termini di design, display, processori, memoria, batteria. La forma e il design del dispositivo non si discosta di molto dal modello precedente ma il display è stato migliorato per una resa migliore di foto e video. Migliorato è anche il motore aptico dell’interfaccia tattile sia in termini di potenziale lunga durata sia di dinamica funzionale. Dal dispositivo è stato eliminata la connessione jack per auricolari permettendo di alloggiare all’interno una batteria di maggiori dimensioni (con una capacità da 1960mAhr rispetto ai 1715mAh del modello iPhone 6s) e il motore aptico. E’ stata aumentata la densità dello storage permettendo di portare lo storage standard dei due modelli iPhone a 32 GB, un passaggio che ha comportato costi aggiuntivi. L’iPhone 7 vede il ritorno di Intel su piattaforme Apple. E’ stata modificata la struttura dell’antenna del dispositivo spostando tutte le radio-frequenze alle sue estremità. Il dispositivo ha migliorato la sua capacità di resistenza all’acqua e le fotocamere, ora dotate di un dispositivo OIS per la stabilizzazione dell’immagine.

Le novità e gli aggiornamenti tecnologici introdotti spiegano i costi maggiori sostenuti. Un aumento che Apple può tranquillamente permettersi considerando l’elevato margine di cui continua a godere per ogni dispositivo venduto. Per rilanciare l’iPhone e difendere i segmenti di mercato conquistati non sono stati aumentati i prezzi, con l’eccezione del modello Plus. La concorrenza di Android e l’arrivo sul mercato di prodotti Premium e di qualità come i Samsung Galaxy 7 e la percezione di una difficoltà di Appl a mantenere alta l’asticella dell’innovazione hanno spento il successo dell’iPhone evidenziando un declino che non sembra recuperabile neppure con l’arrivo dei nuovi modelli iPhone 7.

Cosa succederebbe se i consumatori, spinti anche dalla disponibilità sul mercato di dispositivi comparabili per qualità, innovazione e funzionalità agli smartphone di Apple, decidessero di non pagare più il prezzo Premium (il modello Plus ha visto il prezzo aumentare di 20 dollari) dell’iPhone che serve a Apple per alimentare il suo modello di business?

Un cambiamento nelle preferenze e nei comportamenti di acquisto porterebbe a una contrazione dei margini di guadagno e forzerebbe Apple a nuove strategie per proteggere, ad esempio chiedendo ulteriori sconti ai produttori di componenti e agli assemblatori (che saranno tentati di ridurre i salari dei loro dipendenti e di aumentare i loro ritmi di lavoro), i profitti attuali. Difficile pensare che possa mettere in discussione un modello di business che l’ha fatta diventare una delle aziende al mondo con la maggiore capitalizzazione.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

GetConnected Srl

GetConnected progetta e sviluppa applicazioni mobile chiavi in mano, partendo...

Vai al profilo

Merlino DreamLab

Merlino Dreamlab, realizza ebook interattivi multimediale per iPad e Tablet...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo