Microsoft /

Build 2016: il mercato tecnologico secondo Microsoft

Build 2016: il mercato tecnologico secondo Microsoft

01 Aprile 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Molte le novità emergenti dal convegno annuale Build 2016 di Microsoft per gli sviluppatori. Si è parlato dell’aggiornamento di Windows 10 che verrà rilasciato come Anniversary Update, di HoloLens e delle sue funzionalità, di Xbox e molto altro ma l’evento ha permesso a Microsoft di svelare la sua visione del mercato centrata sempre più sui servizi e sulle interfacce utente o ‘bot’ dotate di intelligenza artificiale.

Trovare spazio in un mercato sempre più dominato da pochi protagonisti non è facile neppure per un’azienda come Microsoft, soprattutto se negli ultimi anni il ritardo accumulato e gli errori l’hanno esclusa da quello che continua a essere il mercato più ricco, quello Mobile, delle sue APP e dei suoi ecosistemi.

Build 2016 conferma la limitata propensione di Microsoft a cercare di recuperare terreno in questo mercato ormai dominato dalle piattaforme Android e iOS e l’elevato interesse, sostenuto da investimenti e strategie, a ricercare nuovi spazi vincenti. Spazi che sembrano essere stati identificati da Microsoft in Windows 10 come piattaforma universale, in HoloLens e nella Realtà Virtuale ma soprattutto in nuove interfacce utente di tipo conversazionali, dotate di intelligenza artificiale e capaci forse di definire u

n nuovo livello o piattaforma al di sopra dei sistemi operativi, siano essi di un PC o di un dispositivo mobile.

Le nuove interfacce, chiamate ‘bot’ puntano a sostituirsi alla APP attuali. Per favorirne e incentivarne lo sviluppo, Microsoft ha deciso di mettere a disposizione degli sviluppatori strumenti per integrare funzionalità conversazionali di tipo bot nelle loro applicazioni con l’obiettivo di accelerare la diffusione delle nuove interfacce.

La strategia o visione di Microsoft che emerge da Buil 2016 non è senza sfide e presenta alcune problematicità ma rende evidente la ricerca dell’azienda, simile a quella di altri produttori rimasti fuori dal mercato mobile come Facebook di andare alla ricerca di  nuovi spazi per imporre piattaforme globali capaci di conquistare tempo, risorse e denari dei consumatori. Facebook lo fa con le sua piattaforme di messaggistica, Microsoft ci prova ora con nuove interfacce e con la Realtà Virtuale.

La prima sfida per Microsoft viene da offerte competitive già esistenti e presenti in ecosistemi con una grande base installata e una grande quantità di dati, in prevalenza Mobile. Per diventare di successo i bot di Microsoft dovranno essere capaci di comunicare, conversare e interagire con le piattaforme in uso da parte dei consumatori, oggi prevalentemente dispositivi mobili con sistemi operativi diversi da Windows. Se questi bot saranno abilitati a interagire con piattaforme non Windows, Microsoft deve puntare a convincere gli utenti ad aprire i loro dispositivi e a mettere a disposizione le informazioni in essi contenute. Un’apertura che potrebbe essere impedita dai sistemi operativi per la mancanza di interesse dei produttori Android o iOS a questo tipo di condivisione con piattaforme concorenti.

In termini di prodotti Microsoft sembra puntare su Skype come piattaforma di messaggistica e Cortana come assistente personale dotato di crescente intelligenza artificiale. Questi prodotti hanno già numerosi corrispettivi sul mercato, alcuni dei quali molto competitivi per gli ecosistemi nei quali sono inseriti e per i milioni di utenti che già hanno conquistato. L’elemento vincente per Microsoft sarà riuscire a convincere sviluppatori e aziende a investire nello sviluppo di nuove applicazioni integrate via API alle nuove interfacce utente ma non è detto che questo avvenga, per un problema di costi e di investimenti necessari e per l’inesistenza di standard di mercato. Qualcosa di simile a quanto sta succedendo nel mercato della Realtà Virtuale, mercato sul quale Microsoft sta puntando con la sua piattaforma proprietaria HoloLens.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Digitelematica srl

Digitelematica è una software house già attiva in ambienti tradizionali (MF, As...

Vai al profilo

Synesthesia srl

Synesthesia si occupa di Information Technology da oltre un decennio. Diamo vita alle...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo

Albegor.com

Professionista con lunga esperienza nel settore mobile, fin dalla comparsa sul mercato...

Vai al profilo