Microsoft /

Dalla strategia ai fatti: 18000 posti di lavoro a rischio in Microsoft

Dalla strategia ai fatti: 18000 posti di lavoro a rischio in Microsoft

21 Luglio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Pochi giorni fa il CEO di Microsoft Nadella ha comunicato al mondo le strategie future di Microsoft. Ora è il tempo delle azioni. Una di queste prevede un ridimensionamento della forza lavoro con l’obiettivo di facilitare un passaggio da una cultura aziendale tradizionale e legata al passato ad una innovativa, più aggressiva e rivolta al futuro

Secondo gli analisti a pagare le conseguenze delle strategie e delle scelte di Nadella saranno 18.000 dipendenti che potrebbero vedere il loro posto di lavoro cancellato entro il prossimo anno fiscale. Una scelta obbligata da azienda sotto assedio e ancora troppo focalizzata su Windows come baluardo da difendere in trincea. Trasformare l’azienda non sarà facile e per farlo Nadella ha bisogno di instillare nell’organizazzione una cultura nuova e più aggressiva ma soprattutto focalizzata sulla innovazione.

La riduzione della forza lavoro sarà intorno al 14% del totale, incluso un 50% che interesserà la divisione mobile di Nokia.

Circa 13000 posti di lavoro saranno cancellati immediatamente. Tra questi 1400 posti nella sede centrale di Seattle. A seguire I dipendenti dei laboratori di ingegneria di San Diego della Nokia, delle fabbriche in Ungheria e degli uffucu finlandesi e cinesi. A rischio anche I dipendenti delle sedi di Los Angeles dove risiede la divisione che produce la Xbox.

L’idea alla base della decisione di riduzione della forza lavoro è di ridurre livelli di management sia verticalmente che orizzontalmente con l’obiettivo di accelerare l’operazione e di eliminare ruoli e funzioni duplicate dopo la fusione con Nokia.

Microsoft, il cui sistema operativo Windows domina ancora incontrastato sulla maggioranza dei computer tradizionali, ha perso terreno sul fronte mobile, tablet, smartphone e server nei confronti di Apple, Google e Amazon e è alla ricerca di nuove strategie e iniztive competitive per riconquistare nuove fette di mercato.

Convinto di avere individuato le strategie di crescita adeguate, Nadella, ha bisogno di allineare l’intera organizzazione attraverso un piano ambizioso e doloroso che mira a mutare il clima aziendale e la sua cultura. Puntando su una maggiore focalizzazione, Microsoft punterà maggiormente sugli smartphone, anche Nokia, ma legati alla piattaforma Windows. Nokia dovrà probabilmente abbandonare Android.

Era dal 2009 che Microsoft non operava tagli così consistenti. Allora la riduzione dei posti interessò 5000 dipendenti, il 6% dell’intera forza lavoro aziendale. Da allora molte aziende, assimilabili a Microsoft come aziende IT tradizionali, come HP, IBM, Intel e altre hanno tagliato migliaia di posti di lavoro. Al contrario Google, Amazon e numerose startup hanno continuato a crescere.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


SANMARCO INFORMATICA SPA

Sanmarco Informatica opera nel settore dell'informatica da oltre 20 anni con...

Vai al profilo

D-One Software House

Sviluppo applicazioni personalizzate per iPad e iPhone

Vai al profilo

Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo

SPLTEK

SPLTEK, sviluppo di applicazioni su piattaforma Android

Vai al profilo