Samsung /

Samsung Gear VR: la soluzione per non guardare alla realtà di questi giorni?

Samsung Gear VR: la soluzione per non guardare alla realtà di questi giorni?

23 Novembre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
E se la soluzione migliore per dimenticare gli attentati di Parigi e le paure legate al terrorismo di Daesh fosee di proiettarsi nel futuro tramite soluzioni di realtà virtuale? Grazie alle nuove tecnologie di vita simulata in ambienti immersivi e multimediali si potrebbe proiettare se stessi in ambienti simulati di mondo reale e immaginare i mondi che vorremmo. Sarebbero vite artificiali ma dotate di tutti i sensi con cui siamo soliti esperire il mondo.

Tra le numerose soluzioni di realtà virtuale disponibili, ora si può aggiungere anche quella di Samsung proposta con ul suo nuovo Galaxy Gear VR. Un prodotto che mette insieme hardware, software e contenuti permettendo di sperimentare la realtà virtuale a tutti e non più soltanto a sviluppatori, personale tecnico o fanatici della realtà virtuale e del gioco digitale.

Molte soluzioni di realtà virtuale aspirano a diventare un prodotto diffuso e alla portata di tutti. Grazie alla collaborazione con Oculus, oggi di proprietà di Facebook, Samsung può puntare a creare nuove esperienze a cui l’utente non possa rinunciare. E’ l’obiettivo di Gear VR, la soluzione con cui Samsung si muove sul mercato dei prodotti tecnologici da indossare, oggi alla sua terza versione. La prima versione aveva bisogno di un Galaxy Note 4 e non era ancora alla portata di tutti i consumatori, quella che ha da poco raggiunto gli scaffali di molti punti vendita aspira ad esserlo e non solo per utenti abituati al gioco online e alle realtà virtuali digitali.

 

A renderlo un prodotto per le masse è il suo prezzo limitato destinato a generare l’interesse ma soprattutto la voglia di provarlo. Chi usa prodotti Android può prendere seriamente in considerazione l’popportunità di farlo. Il Gaer VR ha bisogno per funzionare di un dispositivo Samsung con piattaforma Android come i Galaxy S6, S6 Edge, S6 Edge+ o il Note 5.

Il dispositivo di Samsung non dispone dello stesso numero di applicazioni di cui può essere dotato un prodotto come Oculus o quelli legati al mondo Windows, ma è una soluzione di Realtà Virtuale potente e sperimentabile da tutti. Funziona via Bluetooth e non prevede alcuna seria o difficoltosa configurazione.

Per un utilizzo esperienziale delle molte realtà virtuali offerte da applicazioni e giochi bisogna dotarsi di un controller  (60 dollari) e di una adeguata e comoda cuffia audio. Il dispositivo per la realtà virtuale, predisposto per ospitare uno dei dispositivi cellulari Samsung, è leggero  e anche con lo smartphone incorporato non viene percepito come epsante o fastidioso. Il dispositivo è stato pensato anche per utenti che fanno uso di occhiali. Grazie ai sensori di cui è dotato, guriscopio e accelerometro, il cervello diventa il primo controller con cui muoversi all’interno dei mondi virtuali percependoli come se fossero reali. Le lenti di cui è dotato il Gear VR danno l’impressione di esperienze immersive a 360 gradi aumentando la percezione di realtà delle esperienze virtuali.

Le lenti sono sintonizzate (puntano) sullo schermo dello smartphone incorporato e devono essere mantenute sempre pulite in modo da garantirne il funzionamento e potenziali distorsioni causate dalla polvere.

Il Gear si collega al telefono attraverso una connessione microUSB e richiede una qualche abilità dell’utente nell’adattare e connettere dispositivi diversi. Per la navigazione virtuale si usa un trackpad collocato sul lato del Gear e usabile attraverso interazioni tattili. Il touchpad della nuova versione del dispositivo è migliorata rispetto a quelle precedenti ma per esperienze più reali e immersive è necessario dotarsi di un controller esterno con cui sarà possibile navigare in libertà dentro le numerose esperienze virtuali possibili.

Il successo del nuovo Gear è destinato a essere determinato dalle applicazioni disponibili e utilizzabili sul dispositivo.  Samsung e Oculus hanno realizzato un prodotto di qualità nel mettere a disposizione attraverso il dispositivo contenuti solitamente disponibili sono su piattaforme PC o Windows ma a fare la differenza saranno nuove applicazioni e nuove idee che nascono dalle comunità di sviluppatori.

Per cominciare l’utente può cominciare a giocare con il dispositivo traendo vantaggio dai giochi disponibili sullo store di Oculus come ad esempio VR Karts, Land’s End o Bandit SixSalvo.

Per saperne di più, anche sulle applicazioni disponibili suggeriamo di visiatre la pagina dedicata al prodotto di Samsung.

Per chi fosse interessato quello che segue è il video promozionale del prodotto.

 

 


Sul tema delle tecnologie indossabili suggeriamo l'e-book di Carlo Mazzucchelli Il diavolo veste tecno:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo

Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo

Digitelematica srl

Digitelematica è una software house già attiva in ambienti tradizionali (MF, As...

Vai al profilo

di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo