Produttori /

Tutti contro Apple, Samsung e Google

Tutti contro Apple, Samsung e Google

10 Marzo 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il mercato dei dispositivi mobili è sempre più una riserva di caccia di tre contendenti: Apple, Samsung e Google. Pochi sono però rassegnati ad un futuro già scritto. Lo si è visto anche al Mobile World Congress 2013 di Barcellona.

Apple e Samsung insieme generano in percentuale la mole maggiore di profitto sul mercato smartphone, Google continua a dominare quello ( 5.2 miliardi di dollari di fatturato) dei motori di ricerca grazie alla sua piattaforma Android e alle APP per quella iOS di Apple. Tutti gli altri seguono a distanze più o meno grandi ma non sembrano rassegnati al predominio attuale.

Che la competizione venga considerata aperta lo si è visto chiaramente al Mobile Woeld Congress di Barcellona. Società come Huawei, ZTE, HTC, LG e Nokia, hanno tutte approfittato della visibilità e risonanza mondiale dell’evento per annunciare, rilasciare o dimostrare/presentare nuovi prodotti smartphone e tablet, a a caccia di nuovi market share.  La competizione sembra essere giocata tutta attraverso l’introduzione di innovazioni tecnologiche come foto-camere a 13 megapixel, processori più veloci e perforanti, schermi più grandi, altoparlanti più potenti e chiari e maggiori opzioni di connettività per apparecchiature TV ed altri dispositivi.

Una semplice analisi di come i concorrenti qui menzionati hanno partecipato al MWC, può servire a delineare scenari e strategie future.  Apple non era resente come azienda ma attraverso migliaia di visitatori dotati di tablet iPad e smartphone iPhone.

 

HTC ha presentato il nuovo HTC One, un prodotto con piattaforma Android elegante e disegnato in modo tale da essere un sicuro e pericoloso contendente dell’iPhone.  Le caratteristiche hardwate e l’eleganza del design, la foto-camera ad alta risoluzione e l’interfaccia utente ne hanno fatto un protagonista durante l’evento. Con l’arrivo dell’HTC One è finita sicuramente la supremazia dell’iPhone, già essa in mora dal Galaxy S di Samsung, in termini di design e di bellezza estetica.

Samsung era presente al MWC con uno stand gigantesco ma non ha fatto alcun annuncio importante.

Huawei ha presentato Ascend P2, un dispositivo dalle prestazioni elevate, con processori quad-core, connettività LTE.

LG ha presentato e dimostrato un LG Optimum G con prestazioni grafiche finora mai viste in modalità HDMI e Ultra HD TV.

ZTE ha annunciato lo smartphone Grand Memo con un processore Snapdragon 800 della Qualcomm e connettività LTE.

Infine Nokia ha presentato il Lunia 520.

Huawei, ZTE, LG e Nokia sono tutte alla ricerca di nuovi market share nello spazio occupato finora da Samsung. Che ci possano riuscire è difficile dirlo ma se il sole si vede dal MWC, Samsung si troverà presto a dover difendere la posizione fin qui conquistata e a farlo sia sul fronte della innovazione che delle politiche di listino.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

Come Apple, anche Google ha deciso di non essere presente fisicamente con uno stand al MWC. Probabilmente l’investimento gigantesco fatto nella sessione precedente è stato considerato più che sufficiente. Soprattutto perché Android era presente ovunque grazie ai molti produttori che lo hanno scelto come sistema operativo per la loro proposizione Mobile.

Gli annunci hardware di molti concorrenti non hanno probabilmente impensierito Google. La concorrenza si è però manifestata sul fronte del sistema operativo con la presentazione di Firefox OS da parte di Mozilla e di Ubunto Touch da parte di Canonical. Nuova concorrenza deriverà anche dalla crescente marginalizzazione e commoditizzazione del sistema operativo nella proposizione commerciale di aziende sempre più determinate ad accaparrarsi porzioni crescenti di utili, oggi appannaggio esclusivo di Google.

A fare la differenza ed a tenere lontana la concorrenza sono gli store delle applicazioni. Nonostante nuovi  investimenti ed iniziative, difficilmente i concorrenti di Apple, e Google saranno in grado di offrire store applicativi con lo stesso numero di applicazioni e di uguale qualità.

In sintesi il Mobile World Congress 2013 ha mostrato quanto sia competitivo il mercato mobile, quanto numerosi siano gli attori in campo, quanto qualitativamente ricchi i vari portafogli d’offerta presenti sul mercato e quanto complicato sarà per Apple, Samsung e Google mantenere invariato l’attuale predominio di mercato e market share.

La battaglia non è solo sulle tecnologie ma anche sui mercati selezionati. Facile prevedere che i tre leader di mercato mantengano la loro posizione predominante dal punto di vista delle vendite. Più difficile che riescano a mantenerla in tutti i mercati e in termini di fatturati e utili.

* Bibliografia: Computerworld

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Unified Communication

Unified Communication è un’azienda italiana leader nel mercato europeo del...

Vai al profilo

Alternative Apps

Alternative Apps design and develop applications for iPhone/iPod and iPad.

Vai al profilo

Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo

Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo