Produttori /

Twitter non cinguetta più?

Twitter non cinguetta più?

27 Luglio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
E’ probabile che molti non abbiano compreso le potenzialità di Twitter o che l’azienda non sia stata in grado di spiegarlo. La piattaforma di microblogging che ha fatto la fortuna di molti politici cinguettanti sembra incapace di superare la crisi in un mercato competitivo e sempre più dominato dai MiPiace di Facebook e da altre applicazioni percepite più trendy dalla maggioranza dei consumatori.

Anche il secondo trimestre 2016 è stato avaro di risultati e deludente per Twitter. Non certamente corrispondente agli sforzi fatti dal management negli ultimi tempi per rilanciare la piattaforma riposizionandola. Neppure un piccolo aumento di nuovi utenti ha permesso di limitare i danni. Dopo una crescita del 3% la popolazione di Twitter è ora attestata su 313 milioni di utenti attivi al mese, ancora pochi per un rilancio dell’azienda e per garantirne nuovamente il successo.

La crisi è evidenziata da un costante calo nelle inserzioni pubblicitarie che si è fermato a 607 milioni di dollari, poco lontano dai 613 previsti ma che ha condizionato la percezione degli investitori e portato a un calo borsistico del 10% del titolo dell’azienda.

Il calo pubblicitario è stato spiegato da Twitter con l’aumento della concorrenza nel mercato delle applicazioni sociali per l’accaparramento di budget sempre limitati e dalla difficoltà a rimanere in un mercato di fascia alta garantendo elevati standard di qualità nel ritorno sugli investimenti pubblicitari. Il mercato social non è più ritenuto strategico e Twitter guarda ora con attenzione al mercato del video come una nuova opportunità. Con l’obiettivo di intercettare l’audience crescente di contenuti video, Twitter ha deciso di espandere la sua piattaforma futura offrendo nuove funzionalità per gli inserzionisti in modo che possano verificare con maggiore cura e misurare i risultati ottenuti attraverso i loro investimenti su Twitter.

Il numero di 313 milioni di utenti attivi è elevato e pone Twitter ancora tra le piattaforme più utilizzate ma non è nulla rispetto al miliardo e mezzo di utilizzatori di Facebook. La reputazione della Marca non sembra essere sufficiente a ripianare i costi crescenti e rilanciare la piattaforma sul mercato. Lo ha evidenziato anche una indagine condotta dall’azienda che ha mostrato quanto il logo di Twitter sia noto al grande pubblico ma anche quanto sia grande l’ignoranza sulla sua reale ed efficace utilità e su come fare ad usarlo in modo efficiente e completo. A mostrare grande  ignoranza sono stati anche gli utilizzatori abituali che continuano a vedere Twitter come un altro social network da usare per connettersi ad altre persone e non comprendono l’utilità del micro-blogging. In parte anche perché, secondo il campione intervistato, pochi hanno cosa da raccontare e meno ancora da condividere ogni giorno cinguettando.

I risultati dell’indagine serviranno ora per un riallineamento e una migliore pianificazione delle attività di marketing di Twitter ma suonano anche come un campanello di allarme preoccupante per un’azienda che sta sul mercato da 10 anni e non ha capito per tempo che la sua audience non capiva quello che veniva loro comunicato…

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

Fingerlinks

Siamo una startup tecnologica estremamente dinamica. Ci occupiamo di system...

Vai al profilo

Marialuisa Moro, scrittrice

Una restauratrice di quadri, una tela con il ritratto del marito scomparso che la...

Vai al profilo

ePERFECTMAGAZINE

eMAGAZINE - " cose che non leggi altrove" il FREE magazine che ti racconta di arte, moda...

Vai al profilo