Ricerca

10 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Tutto fermo, anzi no!
Il 2013 è stato l'anno più nero del mercato digitale in Italia. Lo dice Net Consulting che ha valutato in 65,17 miliardi il suo valore, ben al di sotto dei 70 miliardi del 2011. Nel 2014 si ricomincia a crescere, grazie alla rivoluzione tecnologica in corso. Addio PC e non solo!
Si trova in Focus Italia / Segnalazioni dal mercato
Quale sarà il prossimo fenomeno tecnologico?
La narrazione sui dispositivi di personal computing langue e manca di grandi novità. Gli aggiornamenti di Apple e Samsung sono interessanti ma non tali da entusiasmare e coinvolgere le masse di consumatori. Sicuramente non con lo stesso grado di attrattività del PC, del primo laptop, del BlackBerry, dell’iPhone, e dell’iPad. Crea poco interesse anche il destino prossimo venturo del PC. Tablet e smartphone potrebbero a loro volta diventare presto obsoleti.
Si trova in Blog / Tabulario
Spiragli di ripresa per il digitale
Assinform vede il digitale al centro dell’unica strategia possibile per il rilancio del nostro Paese.
Si trova in Focus Italia / Mercato Italiano
Mercato tecnologico: non tutti nel 2016 hanno vinto!
Il 2016 si era presentato come un anno di grandi promesse e novità. In realtà è stato un anno inatteso e per molti sorprendente. Per chi ha subito un attacco hacker è stato anche ricco di sorprese. L'anno sarà sicuramente ricordato per la Brexit, per le Trump Tower con il loro presidente Donald e le notizie false di Facebook ma anche per il tonfo di Samsung a causa dei suoi smartphone esplosivi. Nello standard invece i profitti della cosiddetta banda dei quattro, Apple, Amazon, Google e Facebook.
Si trova in Lifestyle
Quanto conta una clientela crescente e fidelizzata
Nonostante il calo nell’utilizzo del suo social network, evidenziato dal -22% del terzo trimestre 2015, Facebook continua a macinare risultati economici e finanziari importanti. Grazie a una base installata che continua a crescere e a rimanere molto numerosa.
Si trova in Produttori
Trump e i Signori della Silicon Valley
L'argomento tecnologico non buca le pagine di giornali piene di considerazioni politiche e di mea-culpa di firme giornalistiche e redazioni che non hanno colto l'onda anomala in arrivo. Il tema però merita una breve riflessione per due motivi: parte del voto per il nuovo presidente americano è stata determinata dal ruolo che la tecnologia sta giocando nella precarizzazione e nella perdita di posti di lavoro, quasi tutta la Silicon Valley tecnologica, con pochissime eccezioni, sosteneva la Clinton.
Si trova in Blog / Mercato Mobile
Un autunno segnato da annunci hardware
Come ogni inizio autunno, anche quest'anno i principali protagonisti del mercato tecnologico useranno il tempo che li separa alla stagione degli acquisti di fine anno con nuovi annunci. Ha iniziato Samsung, seguirà Apple, Google e gli altri. Tutti gli annunci a cui viene data grande enfasi dai produttori e dai media sono di prodotti hardware. E il software?
Si trova in Produttori
14000 posti di lavoro a rischio in Cisco
Se la notizia troverà conferma Cisco Systems Inc. taglierà 14000 posti di lavoro, il 20% della sua intera forza lavoro. Lo ha raccontato un servizio della CRN.com. La riorganizzazione testimonia il cambiamento costante del mercato che vede tutte le aziende tecnologiche tradizionali, prevalentemente basate sulla vendita di sistemi hardware, fare i conti con scenari completamente mutati e con la maturità del mercato.
Si trova in Produttori / Cisco
La società per azioni più grande al mondo è diventata Alphabet (Google)
Dal primo febbraio 2016 la socità per azioni più grande al mondo non è più Apple ma Alphabet, la nuova società creata da Google e da essa controllata. La perdita della leadership coincide con una prestazione 2015 di Apple considerata non brillante dal mercato. Mentre percezioni, risultati e analisi hanno riposizionato Apple, Alphabet ha annunciato di avere raggiunto 4,9 miliardi di dollari di profitto, solo nell’ultimo trimestre 2015. Un dato che ha fatto crescere il titolo boristico del 6% e il totale del capitale azionario proiettando l’azienda alla leadership mondiale.
Si trova in Produttori / Google
2018: anno di cambiamenti o consolidamenti?
2018, anno del cane! Come ogni anno, con l'avvicinarsi della fine anno, la Rete si diletta a fare previsioni e a raccontare ciò che potrebbe succedere e arrivare. Fare previsioni è sempre difficile se non impossibile ma leggere i trend emergenti, capirne gli orientamenti e le direzioni, verificarne la diffusione e la profondità sono tutti esercizi ottimi per non trovarsi impreparati di fronte alle novità che arriveranno.
Si trova in Lifestyle