Ricerca

179 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
L'impero virtuale di Curcio Renato
Il libro di Curcio si presta per una lettura veloce, anche grazie al linguaggio discorsivo utilizzato. È breve ma così ricco di spunti da aprire la strada a numerose riflessioni su tematiche che sono oggi oggetto di analisi approfondite, per l'emergere prepotente di una realtà virtuale con effetti e conseguenze che stanno richiamando l'attenzione di un numero crescente di studiosi. Piscologi, economisti, antropologi, filosofi e sociologi che, come il sociologo Curcio, evidenziano nella realtà fisica della Rete il ruolo della componente digitale e virtuale e i suoi effetti di colonizzazione dell'immaginario individuale, collettivo e di controllo sociale. Dietro i mondi virtuali della Rete è cresciuta una oligarchia tecno-economica esperta nell'esercizio del potere digitale e nell'imporre nuove forme radicali e inedite di sudditanza. Al termine del libro la ricca bibliografia fornita evidenzia quanto i temi trattati siano oggi di interesse generale e offre a chi lo volesse nuovi strumenti per ulteriori conoscenze e approfondimenti.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
L'era dello schermo di Codeluppi Vanni
Un testo breve ma intenso pensato per suggerire un'etica specifica dei media tecnologici in grado di porre dei limiti ai comportamenti dei soggetti coinvolti, ma soprattutto per contribuire all'alfabetizzazione e sensibilizzazione degli utenti. La lettura fornirà maggiore consapevolezza sulla invadenza mediatica dei molteplici schermi all'interno dei quali abbiamo trasferito buona parte della nostra vita personale. Fortunatamente non tutta!
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
Umani e umanoidi (Cingolani Roberto)
Un libro per conoscere l'evoluzione dei robot e i loro limiti ma anche per misurare quanto si è pronti a convivere con macchine umanoidi sempre più intelligenti e, a tendere, anche capaci di provare emozioni. Da suggerire a chi è ancora fermo ai robot della letteratura fantascientifica e ai protagonisti C1P8 e C3PO di Star Wars e non si è accorto delle numerose macchine intelligenti che stanno popolando ambiti di vita sempre più numeorosi. Da usare come guida per prepararsi alla scelta futura dei Robot umanoidi da usare come assistenti personali, personale domestico, lavoratori per ambienti manifatturieri e uffici e ... come amanti per esperienze erotiche ancora tutte da immaginare.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
Realtà virtuali di Silvio Canavese
Un testo corale a cura di Silvio Canavese, inserito in questa bibliografia per essere stato uno dei primi libri a trattare l'argomento della Realtà Virtuale con contributi letterari mentre proliferavano i libri dotti e culturalmente più impegnativi di filosofi e autori internazionali. Vi si parla di Realtà Virtuale della Tecnologia, della Fantasia e dei meandri della psiche.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
Uomini e macchine intelligenti di Bernstein Jeremy
Un libro interessante per le numerose notizie fornite sugli albori dello studio e delle ricerche sulla Intelligenza Artificiale. Interessanti i numerosi aneddoti raccontati su Marvin Misky, lo scienziato che più di altri può essere cosiderato il capostipite dell'intelligenza artificiale (AI), e si altri scienziati che hanno dato un contributo fondamentale allo sviluppo delle macchine pensanti odierne e delle loro intelligenze artificiali.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
Il delitto perfetto di Baudrillard Jean
Per essere un testo del 1995 racconta una delle storie più interessanti sulla sparizione della realtà e su chi l'ha uccisa. Il reale come corpo della vittima non è stato trovato e manca il movente. Il delitto descritto è tutto tranne che perfetto ma la perfezione con cui viene praticato è criminale. Il problema da risolvere sta nella identità dell'assassino e nel suo essere la fusione di assassino e vittima insieme. Per capire i mondi simulati e dell'apparire odierni, celati dietro lo schermo di un dispositivo mobile, capire quale sia il delitto perfetto raccontato da Baudrillard potrebbe rivelarsi essenziale.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni
Programmare: Impara a scrivere qualsiasi tipo di software
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Opera di un programmatore che scrive software dall'età di 10 anni, esperto varie tipologie di linguaggi: Java, Swift, Javascript, C e C++, Python e altri. Un libro scritto con l'obiettivo di aiutare chi ha deciso di intraprendere la professione del programmatore ma anche per chi si diverte a usare linguaggi di programmazione e a codificare software. Il libro è composto da quattro: 1. analizzare e risolvere problemi, 2. linguaggi di programmazione, 3. web e database, 4. applicazioni per smartphone
Si trova in Tecnobibliografia / Tecnologia e applicazioni
Neurodidattica
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - La ricerca nelle neuroscienze apre strade interessanti per il mondo della scuola. Le tecniche di «teaching brain» o «learning brain» offrono benefici a studenti e insegnanti. Purché resti la relazione
Si trova in Tecnobibliografia / Cultura
Caos quotidiano. Un nuovo mondo di possibilità
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un libro ricco di spunti per riflettere sui nostri modi, tutti umani, di conoscere, interpretare e prevedere la realtà. In genere applicando modelli che rischiano di rendere superficiale il nostro sguardo e di non permettere di raggiungere la complessità del mondo e della realtà. Il mancato risultato nasce dalla nostra incapacità a comprendere ciò che crediamo di conoscere e che il mondo non è così ordinato come vorremmo crede o come ci raccontiamo che esso sia.
Si trova in Tecnobibliografia / Cultura
La conversazione necessaria di Sherry Turkle
È un libro pieno di nostalgia. Più che la riflessione critica sulla realtà tecnologica attuale con i suoi effetti sulle relazioni sociali e umane e sulla conversazione, a suggerire la lettura di questo libro sono l'evocazione e il rimpianto di un'epoca passata. Un'era percepita quasi geologicamente lontana, probabilmente non più recuperabile, nella quale la conversazione umana, la privacy e la discussione complessa qualificavano l'esistenza donandole maggiore complessità e profondità. La nostalgia che emana dalle pagine esprime un sentimento che ispira tecnofobia ma è anche un invito a gustarci fino in fondo ogni attimo che, recuperando il ritmo e la profondità delle conversazioni di una volta, ci venisse dedicato o decidessimo di dedicare agli altri. Meglio se potesse avvenire senza l'ausilio di un dispositivo elettronico, dedicando più tempo a se stessi e al tempo privato che non ha bisogno di rincorerre i MiPiace e il consenso degli altri.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni