Ricerca

20 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Il rumore delle parole
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - «Parole, soltanto parole, faticosamente ripetute e combinate per metterle in ordine. È tempo invece che si ritorni ai bisogni dell’uomo, a un’essenzialità che riporti al senso del quotidiano.» Il ritorno, raccontato dall'autore, passa anche attraverso un lavoro fatto in solitaria e al computer, fatto di riflessioni su alcune parole che hanno riempito la sua esistenza. Parole come democrazia, assurdità, bellezza e vecchiaia. Quattro parole sulle quali nascono quattro lezioni virtuali, buttate in Internet alla ricerca di qualcuno disposto ad ascoltarlo. E ciò che succede sorprende il protagonista anziano del libro di Andreoli che con un certo stupore scopre che il suo pubblico cresce lezione dopo lezione. Si rende conto di avere di nuovo una voce. Sa di essere fragile, ma è proprio la sua fragilità a renderlo più umano. Un libro, questo di Andreoli, che calza a pennello con OLTREPASSARE, una iniziativa finalizzata a far rumore sulle parole che contano e farlo facendo emergere e costruendo un NOI salvifico che ci possa salvare.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Il libro delle parole altrimenti smarrite
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Ci sono parole che, con il mutare continuo della lingua, smettono di essere usate, svaniscono nel dimenticatoio della storia e dell'uso quotidiano. Parole smarite che però non smettono di essere attuali, anzi alcune rappresentano un tesoro nascosto su cui poter contare. Alcune di queste parole mostrano come situazioni, vizi e virtù umani rimangano sempre gli stessi, anche se le parole cambiano. Parole smarrite però hanno una carica descrittiva, semantica ed etimologica potente, una capacità particolare nel descrivere in modo minuzioso atteggiamenti, pregi e difetti inestirpabili, nonostante lo scorrere del tempo. Parole come scopamestieri (precariato di una volta), ventisettaio (giorno di paga), e molte altre. Sarebbe interessante se anche in OLTREPASSARE qualcuno adottasse le parole smarrite per ricordarne la validità attuale e farle risorgere.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le parole sono finestre (oppure muri)
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Un libro sulle parole, ma soprattutto contro l'imbarbarimento della lingua, accresciuto dall'uso sbagliato dei media tecnologici. Un libro che attraverso racconti, esempi, semplici dialoghi, ci insegna a manifestare maggiore comprensione rispettosa per i messaggi che riceviamo, a collegarci alla ricchezza della vita e agli schemi di pensiero che portano alla collera e alla depressione, a dire ciò che desideriamo senza suscitare ostilità, a comunicare utilizzando il potere curativo dell'empatia. L'invito è a immettersi su un percorso di libertà. Nel mettersi in viaggio serve lucidità, capacità critica, coerenza, responsabilità, gentilezza, consapevolezza, generosità. Solo alcune delle parole usate per descrivere ciò che è oggi necessario fare per ridare un senso alle relazioni con noi stessi e con gli altri. Tante parole che rientrano nell'elenco di quelle che l'iniziativa OLTREPASSARE ha deciso di analizzare.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Consolazioni
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - David Whyte, poeta e saggista, nel suo libro, rilegge aspetti cardine della nostra esistenza. Che nell’anno della pandemia acquistano significati nuovi
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Wittgenstein e i limiti del linguaggio
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Il linguaggio che usiamo influenza alterando in modo profondo cosa e come si pensa; anche la percezione del mondo esterno è condizionata dai propri personali limiti linguistici. Il mondo non è mai conoscibile in sé, ma solo attraverso il linguaggio che lo descrive. Ludwig Wittgenstein è famoso per avere enunciato uno dei concetti più intriganti e rivelatori della filosofia del linguaggio: quando non abbiamo a disposizione una parola per esprimere un concetto, non possiamo formularlo. Un enunciato sul quale linguisti di tutto il mondo hanno condotto esperimenti affascinanti i cui risultati si sono dimostrati inequivocabili. A partire da questo enunciato e altre teorie di Wittgenstein, Hadot analizza le opere del filosofo viennese con l'obiettivo di fornire i fondamenti di una prassi il cui scopo è avvicinare l’individuo alla felicità possibile. Lo stesso obiettivo di Wittgenstein perseguito nella consapevolezza che le forme logiche con cui esprimiamo il mondo è quindi sempre approssimata.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le magnifiche 100
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Le parole indispensabili sono parole che tuto possono, nella loro duttilità, magia, concretezza, crudeltà. Sono parole polisemiche e dalle molteplici personalità, capaci di generare narrazioni diverse, sia individuali sia mediali. Molte di queste parole popolano le vite di tutti e molte di esse sono così importanti da essere appunto indispensabili. Parole come; bene e male, amore e odio, religione e destino, caso e caos, tempo e spazio e altre che richiamano temi generali. Tante parole tutte descritte, sezionate, celebrate in questo libro con 100 racconti, tutti da leggere, anche senza alcun ordine sequenziale, ma come se fosse pun dizionario.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Senza parole. Piccolo dizionario per salvare la nostra lingua
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Nel suo delizioso Senza parole. Piccolo dizionario per salvare la nostra lingua, il linguista Massimo Arcangeli ha lanciato l’allarme su almeno una cinquantina di parole (abulico, solerte, sordido, modico, ecc.) prese ad esempio che hanno avuto, hanno e devono avere ancora un ruolo importante nella nostra vita, ma stanno via via perdendosi perfino fra gli studenti universitari. Il libro è il risultato di un lavoro durato anni, fatto a diretto a contatto cn gli studenti e che ha permesso di Identificare via via tante parole italiane a rischio di sparizione.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Femminili singolari. Il femminismo è nelle parole
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - L'autrice Vera Gheno, sociolinguista specializzata in comunicazione mediata dal computer, in questo libro smonta le convinzioni linguistiche della comunità italiana, rintracciandone l’inclinazione irrimediabilmente maschilista. Lo fa a partire dalle sue esperienze personali, abitando le piattaforme tecnologiche e di lavoro con l’Accademia della Crusca. Con ironia la Gheno suggerisce di operare per una rideterminazione del femminile a partire dalle parole che lo contengono e lo raccontano e da un uso consapevole delle stesse.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le parole valgono
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - «le parole sono importanti!» urlava Moretti in Palombella Rossa. Lo pensano anche gli autori di questo libro convinti che con le parole si può incidere positivamente sulla realtà circostante arrivando a fare cose eccezionali, come dire l’indicibile ed esprimere il genio, sconfiggere la tortura e la pena di morte, fare l’Italia e resistere al nazifascismo, migliorare il mondo. L'urlo di Moretti è storicamente datato. Urlare quanto le parole siano importanti e valgano è tanto più importante oggi, in una realtà dominata dalla brutalità crescente del linguaggio, dall'uso violento, offensivo e complottistico della lingua attraverso i vecchi e soprattutto i nuovi media. La riflessione degli autori serve a sottolineare l'importanza della parola come strumento per esprimere ragionamento, condivisione, confronto tra posizioni diverse e sempre con un fine costruttivo e rispettoso, finalizzato alla crescita della democrazia.
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le parole dell'umanità
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Ci sono parole che ci cambiano la vita. Altre che sono la vita stessa. Conoscerle e conoscere la loro traduzione in 24 lingue diverse è un grande passo verso la comprensione tra le genti. Aida Aicha Bodian, nata in Senegal ma lei preferisce definirsi «un’essenza afroitaliana», ne ha messe in fila un bel po’. Sono parole che usiamo tutti, quasi senza pensarci. Ma dire «ciao» non è solo emettere un suono che rappresenta quattro lettere e tre vocali. È gettare un ponte anche verso gli altri. Così come «amore», «speranza», «benvenuto», «sorridi» fino a «umanità», non possono essere considerati solo vocaboli ma valori fondanti del nostro vivere civile. Che ce lo ricordi, con le illustrazioni di Nicola Grotto, una straniera di origine ma di «essenza afroitaliana», non è solo una bella cosa. È pure la fotografia delle nuove generazioni di oggi, dove il colore della pelle è memoria di radici ma non di differenze. Cosa che molti nati qui prima o poi dovranno imparare, anche da questa donna che oggi vive in Francia dove si occupa di moda, ma che nel suo vissuto porta ancora con sé l’impegno civile dopo aver fondato Roots Evolution e militato nei movimenti Italiani Senza Cittadinanza, Io sono Rosa Parks e Blaq Italiano. Fabio Poletti
Si trova in Immagini / I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE