Ricerca

21 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Exposed: Desire and Disobedience in the Digital Age
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Ogni qualvolta usiamo un media tecnologico regaliamo informazioni su noi stessi. L'autore crede che si debba riflettere sull'uso che di queste informazioni viene fatto, soprattutto perchè qualsiasi attività onlie viene registrata e archiviata per usi futuri. Meglio allarmarsi e disubbidire alle pratiche comuni. Se non lo facciamo rischiamo di essere complici di attività di videosorveglianza. data mining, monitoraggio e profilazione. Il desiderio del titolo accoomuna l'autore a quanto scrive Sherry Turkle sulla società connessa e sulla dipendenza delle menti umane dalla tecnologia. Disconnettersi è difficile e quasi impossibile ma resistere bisogna. Lo si può fare sfruttando le stesse tecnologie (dispositivi più sicuri, sistemi di protezione e sicurezza, ecc.) o disubbedendo alle pratiche comuni.
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
L’importanza degli ecosistemi
Chi ha un iPhone, dispone probabilmente anche di un Mac, potrebbe avere un iPad e una WevTv Apple. Abita in un ecosistema da cui è probabilmente complicato andarsene. E cosa succede se, stanco dell’iPhone e intrigato dalle tate novità della concorrenza, decidesse di optare per un Galaxy Samsung o per un Huawei?
Si trova in Blog / Mercato Mobile
La democraticità del motore di ricerca.
Il motore di ricerca di Google è in grado di soddisfare quasi 70.000 ricerche ogni secondo, miliardi al giorno. Con i suoi algoritmi intelligenti è anche capace di facilitare la ricerca proponendo, mentre si sta scrivendo, la composizione della frase con cui svolgere la ricerca stessa. Il come Google lo fa è però esemplificativo di quanto la Rete sia diventata uno strumento potente per la creazione di realtà e verità, anche quando quelle proposte non lo sono o andrebbero quantomeno falsificate.
Si trova in Lifestyle
La società della trasparenza, un libro di Han Byung-Chul
La trasparenza è tema letterario e narrativo da sempre, oggetto di dissertazioni dotte e intellettuali sulla pretesa tutta moderna di rappresentare se stessi e vedere al tempo stesso l'intimità delle persone con cui si interagisce. Oggi la trasparenza è oggetto di grande interesse e trattazioni da parte di coloro che hanno dimestichezza con la trasparenza della Rete e con la pratica trasparente che caratterizza i numerosi social network come spazi di comunicazione e relazione sociale. La trasparenza di cui parla Byung-Chul Han non è invisibile, è praticata e suggerita da Facebook ed è direttamente funzionale al controllo politico e sociale che caratterizza la fase attuale di evoluzione della nostra società capitalistica e tecnologica. E' una trasparenza che dà l'illusione della chiarezza, della facilità di comprensione o di intuizione del senso o del significato, della socialità e della condivisione ma in realtà è oggi alla base della costruzione di nuove distopie che si stanno realizzando grazie alle nuove tecnologie e a chi le sta producendo e gestendo.
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
Marketing 2016: più preciso, personalizzato e capace di raccontare storie
La tecnologia sta cambiando tutto, compreso il modo di fare marketing e comunicazione. Lo sta facendo da tempo ma, dall’avvento delle tecnologie Mobile, tutto si è accelerato, è diventato più urgente sapere innovare e sapersi rinnovare e soprattutto saper raccontare storie migliori. Il marketing è in affanno perché chi lo pratica deve superare vecchie abitudini, approcci convenzionali che non funzionano più e trovare nuove idee per soddisfare nuovi bisogni. Fortunatamente la tecnologia e la scienza stanno fornendo ancora una volta l’opportunità per innovare e cambiare.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Ambiti di applicazione e Strategie
Il dominio della tecnologia e Flatlandia
La tecnologia non sta solo continuamente cambiando e innovando sé stessa ma producendo cambiamenti profondi, culturali, cognitivi, sociali, economici e sulle persone. Tutto grazie alla sua pervasività e connettività.
Si trova in Blog / Tabulario
Il CRM di Oracle va anche sui dispositivi mobili
Oracle ha rilasciato la versione 19 di CRM OnDemand ora personalizzata anche per l’accesso via iPad, iPhone e Blackberry. Le nuove funzionalità introdtte aprono l'accesso ai nuovi dispositivi mobili rendendo più semplice ed usufruibile l'applicazione all'utente in mobilità.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Customer Relationship
Se la privacy non è una necessità, neppure percepita...
E' di questi giorni la pubblicazione di un'indagine di Save the Children, condotta da Ipsos, che evidenzia come il 90% dei ragazzi italiani, ma una percentuale simile interessa anche gli adulti, non abbia alcuna percezione dell'importanza della privacy personale nella loro vita digitale, online e mobile. Adulti e ragazzi vivono intensamente una cita sempre più socialmente digitale ma sono quasi inconsapevoli delle conseguenze, degli effetti e dei rischi associati al mancato controllo della privacy dei loro dati personali online.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Sicurezza Mobile
Il nostro tempo nell’era dell’attenzione
Le vacanze stanno finendo e molti dovranno fare i conti con il tempo passato davanti ad un browser o al display del loro dispositivo tecnologico rispetto a quello dedicato alle relazioni e agli incontri faccia a faccia con relativi benefici affettivi, emozionali, erotici, ecc. Se il primo risulterà maggiore del secondo una risposta consolatoria può essere derivata dalla difficoltà a difendersi da media sociali e gadget tecnologici che hanno fatto della nostra attenzione il target da conquistare, colonizzare e occupare.
Si trova in Lifestyle
Facebook: trasparenza, personalizzazione e algoritmi per mondi plasmati a sua immagine
Google, Facebook e altre piattaforme simili agiscono ormai come un medico che distribuisce placebo a pazienti che lo desiderano. Lo fanno usando semplici algoritmi, anche Facebook che ha recentemente chiuso il suo dipartimento editoriale che si occupava di decidere cosa fosse trendy e pubblicabile e cosa no. La scelta era dettata da pregiudizi e opinioni personali e ora sarà in mano ad algoritmi disegnati da ingegneri…senza pregiudizi e opinioni individuali?
Si trova in Lifestyle