Ricerca

13 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Gli attacchi ransomware che provano la debolezza verso la tecnologia
In Austria un attacco ransomware ha impedito a 180 clienti di un Hotel di lusso di accedere alle loro camere. Per permettere agli ospiti di prender possesso dell loro camere ed evitare il panico è stato necessario pagare quanto richiesto dai criminali digitali. Un prezzo basso, subito pagato, a criminali pronti a colpire immediatamente da qualche altra parte.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Sicurezza Mobile
Incapaci di resistere a click, Like e Share: sicuri che non vi serve un'assicurazione?
Si sta come / d'autunno / sugli alberi / le foglie, scriveva Ungaretti. E se anche in Rete fossimo tutti come foglie che si preparano ad essere colte? Non solo in autunno ma in ogni momento e senza neppure sapere di esserlo? Abituati come siamo a cliccare, apprezzare con un Like qualsiasi cosa appaia sul display del nostro dispositivo o a condividerlo, ci sfugge di essere semplici pedine di un gioco grande le cui regole sono sconosciute e in continuo divenire. Ci sfugge anche di essere diventati potenziali vittime di attacchi digitali e tecnologici sempre più diffusi, aggressivi e attrezzati, sia nella vita personale sia in quella professionale. Forse sarebbe bene disporre di una assicurazione speciale da sottoscrivere al più presto!
Si trova in Lifestyle
Malware alla fase due del coronavirus
Tanto tuonò che piovve! Dopo innumerevoli gossip, anticipazioni, detti e non detti, il presidente Conte parlò e tutti gli italiani seppero che una fase due esiste (Eureka!). Chissà se i cybercriminali hanno anch’essi pianificato una fase due. E chissà se chi in azienda è preposto a tenerli a bada o lontani lo ha fatto. Con quali strumenti e agendo in quali ambiti, con quali strumenti? Si dice che dopo il contagio nulla sarà più come prima. Vale anche per l’ambito della sicurezza informatica? E se il dopo fosse peggio del prima? Acculturarsi, attrezzarsi, dotarsi di strumenti efficaci e innovativi è forse il modo corretto per favorire l’emergere di futuri sicuri ma anche per costruirli e dare loro forma. Parafrasando Nietzsche noi “siamo attori del presente e costruttori di avvenire”.
Si trova in Tecnologia e Impresa / GDPR, Privacy e Sicurezza