Ricerca

137 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
CAREZZA [1]
Cosa è la carezza? Un semplice gesto o cifra di un orizzonte ulteriore? è soltanto delicatezza estrema o può nascondere in sé uno schiaffo?
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
EMERGENZA [1]
L’atto dell’emergere, ciò che emerge, in affioramento, il venire alla luce, circostanza imprevista, accidentale, momento critico, emergenziale, stato di emergenza, in alcuni casi anche di pericolo, situazione di difficoltà (in Italia siamo abituati a governi emergenziali…).
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
DIALOGO [1]
dialogo [lat. dialŏgus, gr. διάλογος, der. di διαλέγομαι «conversare, discorrere»], discorso, colloquio tra due o più persone discussione più o meno concorde che mira a un’intesa, un componimento in forma dialogica, molte opere o saggi hanno la forma di dialogo (Platone, Galileo), oggi il dialogo prende forma anche online come commento, interazione e conversazione.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
SOGGETTO [1]
soggètto [dal lat. subiectus, part. pass. di subicĕre «assoggettare» (comp. di sub «sotto» e iacĕre «gettare»]. Posto sotto, sottostante; anche sostantivato, ciò che sta sotto. Dal greco hypokeimenon, ciò che è nascosto all'interno soggettività individuale come suo fondamento ontologico, la sostanza (sub stantia),, l'elemento ineliminabile e costitutivo di ogni cosa e che la caratterizza come distinta da tutto ciò che è accessorio e contingente.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
SOLITUDINE [1]
solitùdine s. f. [dal lat. solitudo -dĭnis, solus, sollus, ma anche dal greco antico olos - ὅλος]. Indica la condizione, lo stato di chi è solo, in situazioni passeggere o durature ma anche essere sufficienti a sé stessi, essere tutto di un pezzo. Può essere amata, cercata, desiderata, sfuggita, temuta, subita. Nell’era tecnologica è la condizione esistenziale di molte persone che si sentono paradossalmente sole proprio mentre sono dentro reti di contatti numerosi con i quali hanno interazioni continue. All’origine di sofferenza esistenziale e psichica.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
PREGHIERA [1]
preghièra - Dalla radice indoeuropea prach- (sanscrito pracchāti = domandare, chiedere) al latino prex (genitivo, precis). In seguito, dal latino popolare precaria, sostantivazione femminile di precarius = "ottenuto con preghiere", si arriva al provenzale preguiera da cui l'italiano preghiera. La parola è strettamente legata all'atto di chiedere, di domandare. Pregare implica, primariamente, mettersi in relazione con la divinità ma anche porre delle richieste a qualcuno in segno di umiltà, sottomissione, con cortesia
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
DOMANI [1]
domani [lat. tardo de mane, propr. «di mattina»]. – Il giorno che segue a quello di oggi, al mattino o nel pomeriggio partiremo per un viaggio senza fine. Domani indica un tempo futuro, spesso in contrapposizione con oggi: domani, una volta o l'altra, un giorno o l'altro, fra non molto torneremo a viaggiare, a OLTREPASSARE pandemie e confini, da soli ma meglio se in compagnia. Bisogna pensare al futuro, un domani potrebbe accadere.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
CONTATTO [1]
contatto [dal lat. contactus -us, der. di contingĕre «toccare», part. pass. contactus]. Il toccare, il toccarsi, venire in contatto, perdere il contatto, evitare il contatto (con gli occhi), relazione, rapporto, prendere contatto con qualcuno, presa di contatto, inizio di una conoscenza, contatti telefonici, area di contatto, contatto (collegamento) elettrico, processo o metodo di contatto, persona comune in contatto,
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
CONFORMISMO [1]
conformismo [der. di conforme, sull’esempio di conformista]. – Tendenza a conformarsi, anche solo in apparenza, a dottrine, usi, tendenze, gusti, mode, comportamenti, opinioni prevalenti socialmente e politicamente, anche online.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
COMPASSIONE [1]
compassióne [dal lat. compassio -onis, der. di compăti «compatire», per calco del gr. συμπάϑεια]. Pietà, pena, commozione, dolore, commiserazione, compatimento, comprensione, miseicordia, infulgenza, clemenza, clemenza, carità, bontà, generosità, sensibilità e umanità. Un concetto che prende forma da quello di pietà, anche nel suo significato dispregiativo. La radice della parola evidenzia il suo significato valoriale nella forma di partecipazione alla sofferenza dell'altro (sentimento di pietà verso chi è infelice, anche il patire insieme evangelico). Espressione di un sentimento d'amore autentico, agito anche senza un tornaconto personale. Punto di partenza per una comunicazione dialogante e empatica.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE