Ricerca

137 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
GENTILEZZA [1]
GENTILEZZA [dal latino gentile “appartenente a una famiglia” poi “nobile”, der. da gens, gentis “famiglia, schiatta”]. Per analogia cortesia, carineria, garbatezza (garbo e grazia), delicatezza, riguardo, finezza, premura, tatto, attenzione, cura. Anche buona educazione, buone maniere, nuona grazia, bei modi, compitezza, creanza, urbanità e civiltà, correttezza, fair play, cordialità, affabilità, cavalleria, squisitezza, galanteria, disponibilità. Alla base di buone relazioni, strumento potente per costruirle, alimentarle e rafforzarle nel tempo.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
ATTESA [1]
attésa s. f. [der. di attendere]. Definisce il tempo che si attende: nella sala d'aspetto, in fila per il vaccino, a causa del ritardo altrui, per conoscere l'esito di un esame medico, per una chiamata che non arriva. Descrive anche lo stato d'animo di chi attende, l'ansia con cui si attende l'arrivo di una lettera o di una risposta. L'attesa può essere penosa, noiosa, breve, lunga, piacevole, irritante...
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
CONTATTO [2]
contatto [dal lat. contactus -us, der. di contingĕre «toccare», part. pass. contactus]. Il toccare, il toccarsi, venire in contatto, perdere il contatto, evitare il contatto (con gli occhi), relazione, rapporto, prendere contatto con qualcuno, presa di contatto, inizio di una conoscenza, contatti telefonici, area di contatto, contatto (collegamento) elettrico, processo o metodo di contatto, persona comune in contatto,
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
SOSTENIBILE [1]
sostenìbile [der. di sostenere]. Che si può sostenere: una tesi difficilmente sostenibile. Che può essere affrontato: una spesa sostenibile; questa situazione non è più sostenibile. Compatibile con le esigenze di salvaguardia delle risorse ambientali: locuzione con la quale si indica una strategia di sviluppo tecnologico e industriale che tenga conto, nello sfruttamento delle risorse e nelle tecniche di produzione, delle condizioni e delle compatibilità ambientali.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
DEBITO [1]
débito [dal latino debĭtus, da debere «dovere»; propr. «ciò che è dovuto»]. Il dovere in quanto imposto da una legge morale: è dovere dei genitori educare i figli; è dovere dei cittadini rispettare le leggi; assolvere il proprio dovere verso la patria, verso la società; per dovere di coscienza. Con senso più generico, essere, sentirsi in dovere verso qualcuno, essere o sentirsi impegnati verso di lui: non mi sento in dovere di aiutarti, di risponderti, ecc.; dovere coniugale, Obbligo del debitore di adempiere una determinata prestazione a vantaggio del creditore, consistente di solito nel dare o restituire qualcosa, soprattutto denaro.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
CASA [1]
CASA [dal latino: casa, capanna, casupola]. Costruzione eretta dall’uomo per propria abitazione; più propriamente il complesso di ambienti, costruiti in muratura, legno, pannelli prefabbricati o altro materiale, e riuniti in un organismo architettonico rispondente alle esigenze particolari dei suoi abitatori. Anche abitazione, dimora, albergo, tetto nativo, focolare domestico, tetto coniugale, ostello, magione, domicilio, residenza, guscio, quattro mura E via andando di analogia in analogia: bugigattolo, baracca, catapecchia, stamberga, tugurio, topaia, tana, grotta, capanna, palazzo, edificio, castello, appartamento, casa chiusa, prigione, casa da gioco, parrocchiale, dello studente, ecc. mansarda, abbaino.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
RISCOPERTA [1]
riscopèrta [der. di riscoprire (part. pass. riscopèrto)]. L’atto, il fatto di riscoprire. Spesso usato in senso figurativo, in particolare in ambito letterario e mediatico: ritorno di interesse e di apprezzamento nei confronti di un autore, un’opera, per fatti culturali o fenomeni di costume, per luoghi, usi, consuetudini dimenticati o non più apprezzati.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
VOCE [1]
vóce [lat. vox vōcis] ma anche vocerella, vocetta, vocina, vociona. Si può usare per parlare, gridare, cantare. Si presenta come "una serie o insieme di suoni articolati emessi dall’uomo (v. fonazione), o di suoni inarticolati emessi da varî animali (o anche dall’uomo), alla cui produzione concorrono fondamentalmente, soprattutto nell’uomo, l’apparato respiratorio, con funzione di mantice, che ne condiziona l’intensità, la laringe, che ne regola l’ampiezza, la faringe con la cavità orale e le fosse nasali che ne determinano il timbro" (Treccai). La voce, maschile, femminile, infantile, anziana, può essere alta o bassa, forte o esile, profonda o tonante, piena o balbettante, intensa, acuta, argentina, squillante, cupa, grave, sorda, chiara, limpida e così via. Oggi, al tempo del coronavirus, può essere anche veicolo di contagio, in particolare se è urlata...
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
TOLLERANZA [1]
tolleranza [dal lat. tolerantia, der. di tolerare «sopportare, tollerare»]. La capacità, la disposizione a tollerare, e il fatto stesso di tollerare, senza ricevere danno, qualche cosa che in sé sia o potrebbe essere spiacevole, dannosa, mal sopportata. Atteggiamento di rispetto o di indulgenza nei riguardi dei comportamenti, delle idee o delle convinzioni altrui, anche se in contrasto con le proprie. Si ha tolleranza al freddo, al caldo, a determinati cibi, a un medicinale. Ci può essere una tolleranza immunitaria o immunobiologica. Si può tollerare che qualcosa esista, sia fatta come è fatta, avvenga, ecc. Si può essere tolleranti in fatto di religione, politica, etica, scienza, arte, ecc. Grazie alla tolleranza si possono rispettare le convinzioni degli altri, anche se diverse dalle proprie.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
COMUNICAZIONE [1]
COMUNICAZIONE [dal lat. communicatio -onis, in tempo arcaico co-moin-em, greco koinós]. In fatto generico è il fatto di comunicare, trasmettere ad altro o ad altri, rendere partecipi, condividere idee, pensieri, principi. Alla base delle relazioni tra le persone, a livello emotivo, cognitivo, spirituale, operativo, ecc. Praticata per far conoscere, rendere noto, relazionare, presentare, diffondere messaggi, trasferire informazioni e conoscenze. Può essere anche non verbale, animale (biocomunicazione), posturale, tattile, elettrica, cinestetica, chimica, olfattiva, ecc. Nella forma di telecomunicazione è il processo per cui i messaggi generati da una sorgente vengono riprodotti in forma più o meno fedele presso il destinatario, collegato alla sorgente da un mezzo trasmissivo o canale. Oggi anche Social Networks.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE