Ricerca

66 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Facebook, instant article e quotidiani
Segnaliamo un interessante articolo di Remo Bassetti dal titolo: Perchè non giova ai quotidiani imparentarsi con Facebook
Si trova in Segnalazioni
Si naviga molto, si legge sempre meno!
A guardare i dati che ogni anno emergono dalle indagini che analizzano quanto si legge in Italia si scopre la lettura non è un passatempo per molti. Si legge sempre meno o forse, per continuare a essere ottimisti, si legge diverso. In entrambi i casi il quadro che emerge vede un calo costante della lettura, nonostante una produzione libraria crescente.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Tecnologia e media tradizionali
L'arrivo di Trump alla Casa Bianca e la sua idiosincrasia verso i media tradizionali li sta facendo tornare a nuova vita. In pochi mesi i giornali americani hanno visto crescere lettori e abbonamenti. Una situazione probabilmente dettata dala eccezionalità americana. Nella realtà la tecnologia sta creando ai media tradizionali problemi esistenziali ai quali non sembrano esistere rimedi immediati.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Il futuro incerto del giornalismo
I media tradizionali e i loro giornalisti sono l'oggetto preferito delle accuse di quanti stanno celebrando la vittoria di Trump avvenuta senza che stampa, sondaggisti e motori di ricerca l'avessero prevista. Le critiche rischiano di essere come gli spari sulla croce rossa. Il giornalismo ha da tempo un futuro incerto e ora un bel libro ne illustra anche il perchè.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Si legge di meno, si legge diverso
E’ opinione diffusa tra gli editori tradizionali che l’e-book abbia raggiunto il suo livello massimo di diffusione. Negli Stati Uniti il rallentamento nelle vendite è stato del 10%. Il calo ha entusiasmato coloro che vi hanno letto un ritorno al libro cartaceo, dovuto in particolare a nuove abitudini di lettura dei Millennial che sembrano preferire i libri “veri”.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Le narrazioni che nessuno trova mai!
Si scrive sempre di più ma si legge sempre meno, oppure si legge in modo diverso dal passato. Lo sanno molto bene quanti in questi anni si sono trasformati in scrittori di e-book, produttori di contenuti, blogger o social networker. Lo sanno bene anche le aziende che investono migliaia di euro per far produrre contenuti e narrazioni che nessuno legge perché pochi riescono a trovarle attraverso gli strumenti di ricerca che utilizzano.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Millennial e giornalismo
Il giornalismo non è morto ma i giornali quasi! Tutti i giornali vendono meno copie, alcuni sono in fase agonica, altri sono già passati alla sola versione digitale senza avere alcuna garanzia di mantenere i propri lettori. Il fenomeno non è nuovo, risale al boom di Internet ma soprattutto all’arrivo dell’iPhone nel 2007. Un debutto che nessuno avrebbe mai collegato al boom attuale degli smartphone e al loro ruolo come strumento di informazione.
Si trova in Lifestyle
Edition at Play per andare oltre gli e-book: Google prova a reinventare il libro
Google non è solo il suo motore di ricerca da anni, da quando grazie ad esso ha intrapres la conquista e la successiva colonizzazione del Web. A inizio 2016 con l’annuncio di Editions at Play, Google marca un altro passaggio importante nella sua strategie di produttore globale capace di interpretare l’evoluzione della nostra era tecnologica caratterizzata da due miliardi di smartphone in circolazione ma soprattutto da un consumo fast-food delle informazioni e di una cultura ridotta a semplici assaggi e bocconcini facilmente digeribili e altrettanto facilmente espellibili.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali
Amazon: una storia intrigante che porta all’apertura di 300-400 librerie nelle strade delle città americane
La decisione sembra essere presa. Dopo l’esperimento di Seattle, Amazon sembra prepararsi ad aprire 300-400 nuove librerie. Una decisione che può stupire ed è nei fatti molto intrigante venendo dall’azienda tecnologica che più di altre a contribuito alla crisi dell’editoria ma soprattutto alla chiusura di migliaia di librerie in tutto il mondo.
Si trova in Produttori / Amazon
Il futuro dell’editoria? Un orizzonte in digitale!
Chi ama leggere ma non è un editore è interessato ad informarsi e a conoscere quali possano essere i destini futuri dell’editoria. Le informazioni disponibili online sono numerose ma non è detto siano tutte veritiere o accurate. La verifica della loro attendibilità può essere cercata online ma anche nella vita reale di tutti i giorni e nelle esperienze che guidano i lettori alla ricerca di librerie che sembrano sempre più delle arche perdute.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Soluzioni editoriali