Ricerca

24 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
A Natale regala un libro: Insieme ma soli di Sherry Turkle
Se avete amici con figli che passano il loro tempo su Facebook e social network vari, il nostro suggerimento è di regalare il libro " Insieme ma soli " di Sherry Turkle. Il regalo è perfetto anche per persone adulte senza figli e amanti della vita digitale online. Ricco di informazioni, dati, risultati di ricerche e di indagini il testo è una lunga riflessione sugli effetti che la tecnologia sta avendo nella trasformazione del nostro io più profondo e immateriale e dei nostri rapporti sociali. Con la tecnologia pensiamo di essere meno isolati e di avere sempre meno bisogno degli altri, e se ci sbagliassimo?
Si trova in Blog / TECNORAPIDI e TECNOVIGILI
Adolescenti in cerca di benessere online
Senza una connessione alla rete, senza un profilo Facebook o WhatsApp e senza uno smartphone l’adolescente moderno si sente un alieno alla ricerca di felicità. Connesso a Internet con il suo dispositivo mobile e impegnato a ‘messaggiare’ lo stesso adolescente sente di stare bene e non si preoccupa di essere un alieno online!
Si trova in Blog / TECNORAPIDI e TECNOVIGILI
Crescere tecnologicamente allacciati, insieme ma soli! Lo racconta Sherry Turkle.
Il libro “Insieme ma soli” è del 2011 e racconta la storia di una manipolazione molto tecnologica ma anche molto accettata. E’ quella perpetrata dalle nuove tecnologie della comunicazione digitale che ci fanno credere, grazie alle loro attraenti applicazioni online, di essere meno isolati perché siamo sempre connessi e collegati in rete con qualcuno.
Si trova in Blog / Tabulario
Fuggire è un pò morire ma anche una strategia!
"...perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l'unico rimedio all'abitudine, all'indifferenza, alla sazietà. E' tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E' l'elogio dell'immaginazione mai attuata e mai soddisfacente".
Si trova in Focus Italia / I protagonisti italiani
Il futuro è arrivato ma le promesse della tecnologia non sono quelle spesso raccontate
Il pensiero unico dominante descrive un mondo tecnologico ed interconnesso nel quale ad ogni persona è offerta la possibilità di accrescere il suo potenziale umano e professionale, di lavorare, viaggiare e comunicare e interagire in modi diversi. Chi sottolinea rischi ed effetti negative viene visto come menagramo e conservatore. Eppure la verità non sta sempre da una parte sola.
Si trova in Lifestyle / Esperienze
Immagini rimosse e stupidità dei gesti
Le immagini rimosse sono quelle di smartphone, tablet e gadget tecnologici vari. La stupidità è quella ripetitiva dei gesti senza senso che ormai tutti facciamo e che assomigliano tanto a quelli delle slot machine. Un artista americano con i suoi scatti artistici ci aiuta a riflettere sulla realtà virtuale degli schermi e le sue pratiche digitali.
Si trova in Blog / Tabulario
La relazione digitale (3)
La gestione di relazioni online comprende l’abilità di creare nuovi rapporti relazionali così come di mantenere quelli esistenti. L’elemento essenziale è il primo, perché se il collegamento funziona nasce facilmente una relazione del mondo reale. Online si mescolano attitudini individuali e caratteristiche tecnologiche. Entrambi condizionano i comportamenti e le abitudini. Una riflessione sulla relazione digitale in tre parti, per chi anche in vacanza ha deciso di non disconnettersi...
Si trova in Blog / Tabulario
La solitudine dei giovani networker
Dopo dieci mesi di arresti domiciliari e a un mese dal tornare libero, un teenager senza nome ha alzato la voce per dire che non aveva più giochi con cui giocare sulla sua Xbox. Rompendo le regole che lo obbligavano agli arresti in casa, l’adolescente ha deciso di uscire di casa perché la solitudine nel mondo reale era troppo grande da sopportare, nonostante l’ampia disponibilità di contatti virtuali grazie all’accesso internet. Prima di uscire il giovane ha chiamato la polizia anticipando il suo arrivo con la richiesta di essere arrestato e condotto in prigione. Meglio stare con sconosciuti in una cella che da solo in casa e in compagnia online.
Si trova in Blog / Tabulario
La solitudine del social networker e nuove conversazioni umane
La realtà è fatta di selfie e di profili inanimati, oggetti molto virtuali capaci di allontanarci da legami autentici, con noi stessi e con gli altri e di produrre grande solitudine. Google e Facebook sono spazi perfetti per sperimentare la nostra pigrizia e ricerca di comodità. Questa è la condizione umana dell’era digitale fornita da Sherry Turkle nel suo nuovo libro Reclaiming Conversation
Si trova in Blog / Tabulario
La solitudine del social networker
Siamo quasi sette miliardi ma sempre più soli. Le tecnologie mobili e sociali e le applicazioni di social networking hanno moltiplicato i contatti tra le persone ma non sono ancora riuscite a sostituire la potenza di uno sguardo, la valenza di un gesto, il contatto faccia a faccia e le molte emozioni scatenate dai sensi e dagli affetti. Avvertiamo tutti le potenzialità delle nuove tecnologie ma anche il rischio di maggiore isolamento, senso di solitudine e di nuove angosce.
Si trova in Blog / Tabulario