Ricerca

268 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Data Trash (Arthur Kroker)
Un libro scritto a quattro mani con Michael Weinstein completamente in Rete e senza che gli autori si incontrassero per cinque anni (lo ha raccontato Kroker). Un libro chiave, seppure non di semplice lettura, per chi vuole riflettere sull'emergere e la formazione di una nuova classe virtuale di persone e sulle sue conseguenze. Un testo che ha anticipato molti lavori successivi sottolienando, già negli anni 90, il ruolo della Rete nella vita delle persone e come esperienza concreta. Un testo sul suicidio dell'essere umano e sul nichilismo che ha portato alla umiliazione dell'uomo e alla sua riduzione a semplice servo-meccanismo. È l'umiliazione della carne sostituta dai prodotti digitali degli scanner di Realtà Virtuale.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
Death of expertise
BIBLIOTECA DI TECNOLOGIA - Sembra un libro scritto per le elezioni politiche italiane, almeno se ci si fermasse alle narrazioni mediatiche. Il tema è quello della competenza e del fatto che chi crede di averne ritiene anche di vedersi riconosiuto un ruolo superiore rispetto a quello della gente comune. Oggi però ciò non è più ritenuto vero e perchè percepito come espressione di un elitismo che deve essere combattuto (uno vale uno). Secondo Michols al contrario avere tutti gli stessi diritti non signifca che tutti dispongano degli stessi talenti, di uguali capacità e conoscenze. In particolare non tutte le opinioni devono essere ritenute valide allo stesso modo. Nella realtà attuale però sembra che il pensiero dell'autore sia condiviso da una ristretta cerchia di persone. Tutti gli altri, anche quando sono incompetenti e ignoranti, pensano di avere uguai diritti, capacità e conoscenze, senza essere consapevoli del fatto che avere forti opinioni su qualcosa non significa necessariamente conoscere qualcosa.
Si trova in Tecnobibliografia / In lingua inglese
Demenza digitale (Spitzer Manfred)
Chi pensa che la tecnologia e Internet rendano stupidi troveranno in questo libro ulteriori motivazioni per continuare a pensarlo. Il libro è simpatico, ricco di dati, aneddoti e dissertazioni specialistiche, semplice e facile da leggere, non va in profondità ma ha il merito di offrire una visione tecnofoba coerente. Una posizione sostenuta in modo deciso, quasi ideologico e sostenuta dalla condivisione di molti documenti e studi così come di casi esemplari. La passione messa nel sostenere le sue tesi sui pericoli che gli effetti della tecnologia possono avere sui cervelli umani, in particolare di quelli dei più giovani, dipende probabilmente dai sei figli di cui Spitzer è padre.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
Digital dominance
BIBLIOGRAFIA TECNOLOGICA - Un libro illuminante sul potere dei grandi gruppi tecnologici. Un testo che illustra come questo potere abbia superato ogni altro precedente economico nell'intera storia umana. Un libro che invita a riflettere sul ruolo economico e finanziario ma soprattutto politico raggiunto dai produttori di tecmologia e suggerisce alcune domande utili per l'autodifesa rispetto alla pressione da essi esercitata.
Si trova in Tecnobibliografia / In lingua inglese
DOCUMANITA'
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Il nuovo saggio di Maurizio Ferraris che ci invita a guardare con più ottimismo le sorti future dell'umanità tecnologizzata e sperimentare il Web come strumento di liberazione.
Si trova in Tecnobibliografia / Filosofia e tecnologia
E’ scoppiato il futuro. Virale Digitale Ibrido
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - “La tecnologia non è buona né cattiva e nemmeno neutra” recita la prima legge dell’“information age” di Kranzberg. Ciò significa che internet non ha inventato i balordi, i malvagi, i cattivi, però li ha resi più potenti. Li ha “aumentati”.
Si trova in Tecnobibliografia / Cultura
Ecologia della parola
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Il sale, gli occhi, le stelle, l’aratro, il dono…: conversazioni per un altro modo di sguardare la realtà
Si trova in Tecnobibliografia / Filosofia e tecnologia
Educare robot? Pedagogia dell'intelligenza artificiale
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - L'intelligenza artificiale è oggetto fisso della narrazione mediatica del momento. Si parla delle sue potenzialità presenti e ancor più di quelle future, oltre che dei rischi e degli effetti che avrà sulla vita di tutti i giorni. Secondo Malavasi quello che manca è uno sforzo educativo rivolto a tutte le professionalità coinvolte nello sviluppo delle menti artificiali e di quelle umane, in contesti sempre più mediati tecnologicamente e caratterizzati dalla continua interazione con le macchine.
Si trova in Tecnobibliografia / Intelligenza Artificiale
Emotional CRM
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Oggi come ieri le relazioni sono il cuore pulsante delle attività commerciali. Saper gestire una conversazione attraverso tutti i punti di contatto (touch point) con il consumatore, durante la sua esperienza di acquisto, consente ad aziende e professionisti di abbassare i costi e godere di vantaggi come passaparola e fidelizzazione che portano frutti nel tempo. Per ricavare dei risultati dovrai trasferire alla tua lista di clienti e potenziali tali un valore non solo quantitativo ma qualitativo, traducendo i dati in azioni e impostando dei sistemi di “allerta” nel caso qualcosa nei processi smetta di funzionare.
Si trova in Tecnobibliografia / Tecnologia e applicazioni
Epocalisse. Appunti di un cronista pessimista
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un testo intelligente scritto da un giornalista della carta stampata che invita a riflettere sull'era presente condividendo un pensiero non propriamente ottimista e con uno sguardo ad autori che sulla tecnologia hanno espresso da tempo il loro pensiero come Nicholas Carr e Byung-Chul Han. Il libro propone una critica radicale dell'ottimismo che tanto accompagna le rivoluzioni tecnologiche attuali e che impedisce di vedere cosa siamo diventati: consumisti compulsivi, disattenti alle problematiche dell'ambiente e della democrazia, aggressivi verbalmente e politicamente, in fuga dalla precarietà e dalla complessità del mondo per ripararsi all'interno delle cucce digitali dei social network.
Si trova in Tecnobibliografia / Tecnocritica