Ricerca

125 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Quello che vuole la tecnologia
BIBLIOGRAFIA TECNOLOGICA - Kevin Kelly, tecnologo, è da sempre un visionario e un anticipatore di scenari futuri, un autore e pensatore in grado di cogliere nel presente i semi del futuro, di raccontarli anni prima che germoglino e di farlo i modo leggibile e comprensibile. Per tecnologia Kelly non intende solo la tecnologia dell'informazione ma la tecnologia in senso lato. La tecnologia è tutto ciò che l'uomo ha inventato. Per meglio comprenderla nelle sue multifotmi forze e capacità Kelly conia il termine di Technium, un nuovo termine che riprende la terminologia greca di Techne integrandola con le nuove tecnologie. Secondo Kelly «in fondo la tecnologia vuole ciò che vogliamo anche noi. Molte cose, ma soprattutto l'aumento delle possibilità umane. È una tendenza ineluttabile, nel lungo periodo, e tale quindi è anche l'avvento delle tecnologie specifiche che la renderanno possibile».
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
Il Simbionte. Prove di umanità futura
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un libro di Giuseppe Longo. Il Simbionte è datato (pubblicato da Meltemi nel 2003) ma il cui valore sta non tanto nel fornire un aggiornamento sullo sviluppo dell'automazione e della tecnologia ma nell'aprire alla riflessione e all'approfondimento. "Si dice spesso che la tecnologia disumanizza. Non sono d'accordo, per la semplice ragione che l'uomo è naturalmente tecnologico: ovvero concepisce degli strumenti che a loro volta retroagiscono su di lui cambiandolo. Da qui, anche, i problemi: perché di sicuro l'uomo col computer non è uguale all'uomo senza computer. La tecnologia non ci lascia indenni".
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
Luomo neuronale
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un testo di Jean-Pierre Changeux che ha rappresentato alla sua uscita una vera e propria bomba epistemologica. La neurobiologia non nasce con Jean-Pierre Changeux, ma il successo del suo libro ha reso la disciplina nota al grande pubblico inaugurando l'era del neurocognitivismo. A distanza di anni la ricerca dello scienziato continua a emannare un fascino potente anche per avere dischiuso nuove prospettive sulla frontiera della conoscenza che l’uomo può acquisire su di sé attraverso lo studio del cervello. Il tema del libro è il funzionamento del cervello. L'utore porta il lettore in un viaggio riduzionistico di smontaggio pezzo per pezzo delle varie parti e funzioni cerebrali per poi cercare di darne una visione complessiva a partira dalle connessioni che legano tra loro i vari componenti.
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
La Nuova Era Digitale
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - La sfida del futuro per cittadini imprese e nazioni, un libro di Eric Schmidt (Presidente esecutivo di Google), Jared Cohen (direttore di Google Ideas). Un testo con cui gli autori condividono la loro visione e il loro pensiero su numeorse tematiche e prspettive del futuro tecnologico globale come quelle legate al potere, al ruolo dei cittadini e dello Stato nelle democrazie future, del terrorismo e della sicurezza e molto altro. Il testo tratta di relazioni sociali e diritto alla privacy, di guerre e tecnologie ad essa dedicate, di diplomazia, di economia e di rivoluzioni (primavere arabe e non solo). Ricco di suggetsioni, il libro è fonte di ispirazione e delinea con precisione le promesse e i pericoli che ci attendono nei prossimi decenni. Una lettura che suggeriamo a chi vuole capire dove sta andando il mondo e come cambierà la vita delle persone, delle imprese e degli Stati.
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica
La civilizzazione video-cristiana
BIBLIOGRAFIA TECNOLOGICA - De Kerckhove ricostruisce la storia dell'Occidente come un fitto intreccio di virate tecnologiche e trasformazioni della coscienza collettiva. L'alfabeto fonetico e la scrittura lineare hanno impresso la prima svolta fondamentale. Lo sviluppo della propensione occidentale all'astrazione ha origine con questa tecnologia che a livello neurologico si traduce in un'ipertrofia dell'emisfero sinistro. Ma sono soprattutto l'ebraismo e il cristianesimo ad appropriarsi di queste tecniche (Dio è il Verbo) e a forgiare la coscienza collettiva, creando una civiltà visuale. A conferma di questa tesi è ricordato l'irresisitbile impatto televisivo che papa Wojtyla ha saputo esercitare e il fenomeno americano del tele-evangelismo.
Si trova in Segnalazioni / Bibliografia Tecnologica