#CUOREDIFOGLIOLINA /

INIZIARE VOCE DEL VERBO ESISTERE

INIZIARE VOCE DEL VERBO ESISTERE

01 Gennaio 2021 Nausica Manzi
Nausica Manzi
Nausica Manzi
share
Nuovo anno? Cosa significa davvero iniziare? Cosa ci salva dallo scorrere del tempo?

" Gli uomini sono fatti per incominciare" era Hannah Arendt a dirlo: ogni essere umano condivide con il suo creatore la capacità di iniziare qualcosa, di creare, di inventare, di cambiare e, quindi essere nuovi. Una capacità che consegna all'uomo la bellezza e il rischio della sua libertà: responsabilità e meraviglia si intrecciano continuamente nelle vite di ciascuno che, ogni giorno, alzandosi dal suo letto al mattino, incomincia qualcosa di unico, una giornata irripetibile e che non si ridarà mai più alla stessa maniera. Ogni mattina viviamo e creiamo un inizio, non solo il primo gennaio di ogni anno! Ogni giorno siamo creatori di inizi tra l'amore e il dolore, tra la bellezza e la fatica, tra fragilità e forza. Solo ogni primo dell'anno però ci ricordiamo il valore dell'inizio: esso sa accartocciare le anime e i pensieri vecchi e, a poco a poco, trasformali con la luce di un nuovo respirare coraggiosamente e costruire speranza. Il primo gennaio quindi ci ricorda che per essere nuovi non dobbiamo aspettare l'inizio di un nuovo anno, ma soltanto l'alba di ogni giorno: siamo fatti per incominciare in ogni istante.

La nostra anima insieme ai nostri occhi si illumina, cresce e si riempie o svuota continuamente, non siamo mai gli stessi di un minuto fa: tutto scorre, diceva Eraclito ed è proprio così. Cosa ci salva però da questo irrefrenabile scorrere e dall'estenuante attesa di un eterno primo gennaio per ricominciare e, forse, confermare quelle frasi dette a ripetizione, del tipo " l'anno prossimo andrò..", "da Gennaio inizio seriamente...", " dal primo gennaio cambierò..." e altre ancora?

A salvarci sono i dettagli.

dettagli

I dettagli ci fanno essere consapevoli che per iniziare non serve di certo un lunedì, un numero uno sul calendario o un nuovo anno che fa ingresso, ma che per farlo e per essere veri costruttori di speranza e carezze potenti e delicate sull'esistenza, servono solo gli istanti. Gli istanti sono il modo di darsi dei dettagli che ci salvano dallo scorrere inesorabile, dall'eterna voglia di cambiare e promettere cose che non si realizzeranno mai, che ci conducono  fuori da un continuo rimandare e dal dimenticarsi che, in realtà, ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo è un nuovo, dove iniziare, dove camminare, dove essere.

I dettagli sono i sorrisi con cui ci scontriamo, quelli che ci scuotono, quelli che spuntano sul nostro viso senza pensarci e senza essere stati prima "costruiti". Inoltre, sono quelle lacrime che tratteniamo tra le ciglia oppure quelle che scorrono giù dalle guance inarrestabili, solcando profondi percorsi di tenerezza o dolore. I dettagli che ci salvano sono inoltre anche i momenti in cui speriamo guardando il mare, le giornate di lavoro intenso interrotte da una piacevole telefonata magari di un amico che non sentivamo da tempo, oppure i disegni dei bambini che sono sempre in grado di trovare la soluzione più semplice ai problemi più grandi.

I dettagli che ci salvano quindi sono gli elementi silenziosi ma rumorosi, delicati ma potenti, che vengono spesso trascurati, e, alle volte, addirittura, calpestati dalla società e dall'attuale mentalità del mondo, sostenendo che "ci sono tante cose da risolvere" oppure che " è solo un caso" o ancora che "passerà e non si può fare nulla per cambiare". Invece no! Basta con questa mentalità delirante che si arrende alla disperazione, alla nullafacenza o all'indifferenza e che presta attenzione solo alle superficialità, all'interesse, al guadagno, al successo, che parla senza pensare e che del pensiero fa l'ultima spiaggia. Con la loro luce, invece, i dettagli servono invece a ridestare questo pensiero e a farci comprendere come, grazie a loro, ogni elemento, ogni secondo è un nuovo in cui iniziare.

start

Vi auguro dunque un primo gennaio che vi possa far tornare indietro e contemporaneamente avanzare nel tempo, alla luce di dettagli sconosciuti e che improvvisamente emergono in tutto il loro valore, eternamente in sospeso tra forza e fragilità e tra amore e dolore. Vi auguro anche di lasciarvi stupire da questi elementi, di imparare a scovarli nelle vostre vite e di lasciarvi illuminare ogni giorno da essi: l'energia che vi daranno sarà unica!

Solo in questo, capirete e capiremo che per iniziare davvero, per ricominciare, c'è bisogno solo di una cosa: tornare a guardarci intorno, ad osservare l'umanità intera negli occhi degli altri e dentro noi stessi, sotto il cielo e illuminati dal sole, pronti a stupirsi e a camminare. 

Iniziare significa ricordarsi di ringraziare, di accarezzare con il coraggio le anime e così divenire carezza d'esistenza per gli altri e quindi anche per se stessi,  balsamo per le ferite e sorriso aggiunto, e custodire le singole esistenze e tutta la meraviglia fatta di dettagli che rimettono in vita, ogni volta, rendendoci nuovi e pronti ad un nuovo inizio continuamente.

Buona vita nuova!

vita

Nausica Manzi. 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Roma4You

Roma4You è un progetto trasversale unico nel suo genere, contraddistinto da...

Vai al profilo

Bluzz

Bluzz è un marchio che raggruppa professionisti e aziende che operano da più di...

Vai al profilo

Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

Consoft Sistemi S.p.A.

Web & Digital Technology, Big Data, IoT & Telemonitoring

Vai al profilo