TREND e STRATEGIE /

Dalla Customer Experience alla Phygital Experience

Dalla Customer Experience alla Phygital Experience

04 Settembre 2017 Gian Carlo Lanzetti
Gian Carlo Lanzetti
Gian Carlo Lanzetti
share
Il punto di contatto tra azienda e cliente deve oggi estendersi abbracciando mondo virtuale e realtà fisica degli oggetti e ambienti tra loro connessi in rete

Molte organizzazioni aziendali, specificamente tutte quelle realtà che dispongono di punti di contatto fisici con i clienti – dal settore retail a quello finanziario, dal comparto pubblico a quello privato –, stanno vivendo una fase di profonda trasformazione delle modalità di interazione con i consumatori dovuta all’avvento delle tecnologie digitali, all’introduzione di nuovi modelli di consumo e alla caduta delle tradizionali barriere di settore.

Via via che aziende e consumatori adottano tecnologie allo stato dell’arte che spingono più in là i livelli di connettività, integrazione, usabilità e scalabilità, i touchpoint che accolgono fisicamente questi consumatori evidenziano limiti e inadeguatezze. Sull’onda della trasformazione digitale, il cliente iperconnesso è diventato l’indiscusso protagonista dei mercati, obbligando il punto di contatto tra azienda e cliente a estendersi abbracciando il mondo virtuale e la realtà fisica degli oggetti e degli ambienti tra loro connessi in rete. Sia questo punto di contatto un negozio, un’agenzia, una filiale o un esercizio pubblico.

Le tecnologie “phygital” - per la convergenza appunto tra mondo fisico e digitale - giocano un ruolo fondamentale ai fini di una customer experience personalizzata e di qualità. Reti wireless, cloud, Internet of Things, bots, intelligenza artificiale, realtà aumentata e virtuale offrono nuovi modelli d’interazione, semplicità d’uso e migliore esperienza d’acquisto ai consumatori, e contestualmente garantiscono più efficienza ed efficacia alle aziende, con la possibilità di implementare attività avanzate di proximity marketing e customer analysis.

Un’indagine di IDC condotta su oltre 7.000 consumatori europei evidenzia che il 21% utilizza il proprio device mobile per effettuare un acquisto mentre è dentro un negozio, che il 36% consulta per informazioni il proprio device prima di completare l’acquisto in negozio, e che il 30% verifica la disponibilità del prodotto presso un altro punto vendita. Offrire una migliore esperienza d’uso in-store a questi consumatori significa trasformare un potenziale acquirente in un cliente.

Non è un caso che in Italia, secondo IDC, il 65% delle grandi aziende considera la capacità di offrire servizi di qualità e una customer experience superiore una priorità degli investimenti di trasformazione digitale: concentrare l'attenzione sull’interazione fisica e virtuale con il cliente genera opportunità e vantaggi che vanno ben oltre l'aumento della fedeltà e della redditività

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo

Spindox

Spindox opera nell’ambito ICT, fornendo servizi di consulenza, system integration...

Vai al profilo

Catalab

CATALAB è il progetto imprenditoriale di una realtà commerciale giovane e dinamica in...

Vai al profilo