Esperienze /

Vite digitali senza senso….

Vite digitali senza senso….

25 Novembre 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Le nostre vite digitali sarebbero senza senso se non ci fossero lo smartphone e il tablet. Il display di questi dispositivi è al centro dei nuovi stili di vita digitali e uno specchio sempre attivo nel quale riflettiamo il nostro essere digitale, sempre connesso, comunicante e online. Un rispecchiarsi che cancella l’ambiente esterno ma ne costruisce uno virtuale più esteso ed emozionante.

Per capire quanto i nuovi dispostivi mobili abbiano già cambiato il nostro modo di vivere e trasformato le vite di molte persone in esperienze digitali, è sufficiente osservare l’uso che di smartphone, e a volte tablet, viene fatto in metropolitana. Si tratta di un uso diffuso e praticato soprattutto dalle nuove generazioni di nativi digitali che non riescono a staccare un attimo dalle appendici tecnologiche con le quali sono ormai abituati a convivere e a comunicare. A facilitare e diffondere i nuovi comportamenti è stato l’arrivo di dispositivi intelligenti con interfacce tattili che ne permettono il loro utilizzo praticamente in ogni luogo e in ogni istante.

Nel giro di pochi anni il display, più o meno grande, dello smartphone ed oggi del phablet e dei nuovi gadget indossabili, è diventato il fulcro intorno al quale è cresciuta la nostra vita digitale e i relativi nuovi stili di vita. Abbiamo tutti sperimentato una semplice evoluzione tecnologica che ci ha portato, dallo schermo del personal computer e da quello ridotto dell’iPod,  ad un display intelligente capace di condizionare la nostra vita e le attività che le danno forma ed esistenza. Grazie ai nuovi dispositivi ci portiamo appresso dati e informazioni archiviate e organizzate per noi nella Nuvola del Cloud Computing e del Big Data, ascoltiamo la nostra musica preferita, conversiamo con amici e conoscenti, fissiamo appuntamenti e calendarizziamo le nostre attività professionali e soprattutto ci teniamo in costante contatto con parenti, amici e conoscenti e da loro siamo sempre raggiungibili. Se poi lo schermo è quello di un gadget tecnologico indossabile o di un orologio intelligente, possiamo monitorare, in modo costante, la pressione sanguigna, le calorie disponibili o consumate, e molte altre informazioni utili al benessere fisico e mentale giornaliero.

Con i nuovi dispositivi possiamo riprendere fatti e paesaggi di cui siamo testimoni, possiamo registrare voci e conversazioni, possiamo trovare luoghi e farci trovare. Il tutto gestito con semplici gesti tattili su un piccolo display, sempre più componente integrata e protesi tecnologica del nostro corpo fisiologico e reale.

Il futuro che ci aspetta sarà ancor più digitale e sempre più caratterizzato dall’indispensabilità di dispositivi mobili nei quali avranno un ruolo sempre maggiore nuovi sensori e nuove capacità di comunicare ed interagire con altri oggetti tecnologici che nel frattempo avranno popolato altri aspetti della nostra vita quotidiana. Le nuove tecnologie ‘sensoriali’, denominate Beacon trasformeranno i dispositivi tecnologici mobili e indossabili in veri  e propri centri ricettivi e capaci di registrare e  interagire con il mondo esterno e interconnesso frequentato. I negozi e i punti vendita interagiranno inviando promozioni speciali e sconti personalizzati, cinema, stadi, sale di concerto saranno in grado di presentaci i loro programmi ma anche profili biografici dei vari protagonisti in azione, recensioni e interviste e molto altro.

Non sembra esserci dubbio alcuno sul ruolo che il display dei nostri dispositivi mobili giocherà nelle nostre vite digitali future, ma rimane la curiosità su quale schermo possa prevalere. I più ritengono che a dominare sarà il display da 4-6 pollici dello smartphone e del phablet, altri puntano su quello del tablet.

Senza un display in ogni caso le nostre vite digitali future ci sembreranno senza senso……

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Appspa - Sviluppo App Personalizzate

Sviluppiamo l'app personalizzata per il tuo business! L'app che realizzeremo per te ti...

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Terra dei colori

Storia interattiva, destinata sia ai bambini che ai più grandi La storia di...

Vai al profilo