Lifestyle /

Guida alla sostituzione delle batterie negli apparecchi acustici

Guida alla sostituzione delle batterie negli apparecchi acustici

14 Dicembre 2022 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Chi soffre di problemi all'udito, oggi può utilizzare dei piccoli apparecchi acustici, generalmente alimentati tramite pile a bottone sostituibili.

Quando la batteria dispone di una carica troppo bassa per far funzionare correttamente il dispositivo, quest'ultimo emette un segnale d'allarme per avvisare che è arrivato il momento di sostituirla.

Per fortuna, sostituire la batteria non è per nulla complicato; si tratta di un'operazione che può essere compiuta da chiunque, in totale autonomia. L'unica accortezza che bisogna avere consiste nel tenerne sempre qualcuna di scorta.

Batteria a bottone per l'apparecchio acustico: quale scegliere

Prima di togliere la pila esausta, è dunque importante acquistarne qualcuna nuova.

Dato che la qualità, in questo caso, è molto importante, in quanto influisce sulla durata, è sempre preferibile effettuare l'acquisto presso rivenditori di fiducia; si possono ad esempio acquistare pile a bottone sul sito di RS, scegliendo tra una vasta gamma di prodotti.

Prima di procedere con l'acquisto, bisogna verificare quale tipo di pila è necessario acquistare. Le pile rotonde non sono infatti tutte uguali, ma variano per spessore e diametro. Il modello viene identificato attraverso un codice alfanumerico generalmente riportato sulle istruzioni dell'apparecchio, ma anche sulla confezione.

Come sostituire la batteria esausta

Il procedimento per sostituire la batteria a bottone è davvero semplice. Per prima cosa è necessario togliere l'apparecchio acustico dall'orecchio e individuare lo sportellino che protegge la pila e che, a seconda dei casi, potrà essere a incastro oppure con chiusura a vite.

Dopo aver rimosso lo sportellino, si dovrà togliere la pila ormai scarica; per effettuare questa operazione è possibile, in caso di difficoltà, utilizzare un'asticella magnetizzata che, posta a contatto con la batteria, ne facilita il sollevamento.

A questo punto, si potrà aprire la confezione della nuova pila e posizionarla nel vano, facendo attenzione a inserirla nel verso corretto; nel caso in cui l'apparecchio utilizzasse pile a bottone del tipo zinco-aria, sarebbe necessario, dopo la rimozione della pellicola, lasciarla riposare all'aria per un paio di minuti, così da permetterle di accumulare tensione.

Per finire, si dovrà richiudere lo sportellino e accendere il dispositivo. Se la pila è stata inserita nel modo corretto, questo dovrebbe ricominciare a funzionare senza problemi.

Smaltire nel modo corretto le pile esauste

Benché siano molto piccole, anche le batterie bottone devono essere smaltite nel modo giusto. Si dovrà dunque evitare di gettarle nel contenitore della raccolta indifferenziata o, ancora peggio, abbandonarle nell'ambiente.

Il modo giusto per smaltire consiste nel conferirle negli appositi contenitori oppure portarle presso un'isola ecologica; in questo modo potranno essere riciclate e i materiali recuperati verranno utilizzati per la produzione di nuove batterie o altri articoli.

Quanto durano le pile piatte

Questo tipo di pila è in grado di unire le piccole dimensioni a una lunga durata. Naturalmente quest'ultima varia in base ad alcuni fattori, in particolare la composizione chimica, il tipo di apparecchi nel quale viene inserita e l'utilizzo che ne viene fatto.

All'interno di un apparecchio acustico utilizzato quotidianamente, la pila a bottone potrà durare anche due o tre settimane.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Appytech Srl

Vai al profilo

Zirak Srl

Zirak mobile è una società da anni impegnata nello sviluppo di applicazioni per...

Vai al profilo

Softec S.p.A.

Leader in Italia nell'ambito del Mobile Computing, per la realizzazione di...

Vai al profilo

Roma4You

Roma4You è un progetto trasversale unico nel suo genere, contraddistinto da...

Vai al profilo