Mobilità /

Tutti connessi con il mobile ma poche transazioni….

Tutti connessi con il mobile ma poche transazioni….

20 Maggio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La realtà raccontata descrive masse di consumatori collegati con i loro piccoli dispositivi mobili alla rete intenti a cercare prodotti da acquistare. La realtà attuale è fatta da molta navigazione e poche transazioni. Nel 2013 su 235 milioni di dollari di acquisti online solo 25 sono stati effettuati con un dispositivo mobile.

A rendere pubblico il dato è stata ComScore che ha messo in evidenza quanto sia ancora grande il gap che separa il volume di affari generatori nei punti vendita rispetto a quello digitale, sottolineando che gli spazi di crescita potenziali sono molto più grandi di quanto si possa pensare.

Secondo Deliotte nel 2013 il 19% degli acquisti nei punti vendita è stato influenzato dall’uso di dispositivi mobili per navigare la rete in cerca di nuove informazioni e dalle attività sociali possibili grazie alle nuove tecnologie. Il valore è probabilmente sottostimato ed è destinato a crescere esponenzialmente nel prossimo futuro, grazie al continuo diffondersi di smartphone e tablet.

L’importanza che sta assumendo il Mobile e le tecnologie ad esso associate rischiano, in un prossimo futuro, di mettere in difficoltà non solo i piccoli negizi ma anche la media e grande distribuzione. I negozi sono da tempo in difficoltà e sembrano incapaci di affrontare la rivoluzione digitale. Sorprende invece che la grande distribuzione stia sottovalutando quanto sta avvenendo online.  Molto potrebbe essere fatto sia per attirare i consumatori sui punti vendita, sia per favorire la loro visita/presenza come conseguenza di una raccolta soddisfacente di informazioni online.

 

 

Ad usare i dispositivi mobili in modo attivo nei loro processi decisionali di acquisto sono ormail l’84% dei consumatori.  La decisione di effettuare un acquisto (conversion rate) è più facile quando i consumatori hanno navigato la rete e usato i loro dispositivi nel processo di acquisto. In confronto nel punto vendita solo il 61% delle persone concludono l’acquisto quando non sono stati usati dispositivi digitali. La percentuale aumenta a 73% / 78% quando il consumatore ne ha fatto uso prima di entrare in un negozio. Se poi il dispositivo mobile è usato anche sul punto vendita, ad esempio per fare dei confronti con prodotti di altre catene di distribuzione, la percentuale di conversion rate sale all’80%. La cosa interessante è che le vendite aumentano quando chi vende dispone anche di punti di vendita fisici e non solo online.

Se questa fotografia è reale la distribuzione deve potenziare la comunicazione e la connettività sui punti vendita, ad esempio introducendo impianti Wi-Fi e facilitando la navigazione online. Utili anche nuove APP finalizzate a creare esperienze utente e favorire l’emergere di nuovi comportamenti di acquisto legati ad un marchio o ad una marca. Le APP dovrebbero cioè essere pensate per creare fedeltà e per lanciare programmi di fidelizzazione.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giorgio Peressin

Dedico il mio tempo alla mia passione: sviluppare app.

Vai al profilo

devAPP

Community italiana di programmatori iOS (iPhone e iPad) e Android. Con devAPP, se siete...

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo

Visureasy

Visureasy fornisce diversi servizi di reperimento visure, alcune tipologie di visure...

Vai al profilo