Lifestyle /

Public shaming pandemic

Public shaming pandemic

09 Dicembre 2020 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Molta attenzione è stata dedicata in questi giorni al fenomeno del Public Shaming Pandemic. Il tutto è nato da un articolo del prestigioso New Yorker. Il testo è servito a molti giornalisti e blogger per rielaborare i temi in esso proposti e presentarli, a volte anche in modo critico, alle platee nazionali. Lo ha fatto anche Silvia Renda nell'articolo sull'Huffingtonpost che qui segnaliamo e nel quale sostiene che: il virus è un nemico invisibile da combattere, i social cercano allora connotati più delineati verso i quali è possibile sfogare la paura tramutata in rabbia e frustrazione: il trasgressore delle norme, o anche solo presunto tale.

Qui l'articolo del New Yorker da cui tutto ha avuto inizio.  


 

La passeggiata della vergogna trova su internet la sua passerella. “Shame” scandisce l’utente, lasciando che la sua campana rintocchi a suon di emoticon contrariate e punti esclamativi, mentre il presunto trasgressore sfila sotto il biasimo degli altri utenti. “Dagli all’untore” che ha deciso di tornare a casa per le feste di Natale e dunque di uccidere i propri genitori, che corre per strada senza mascherina, che è partito per un viaggio. La “Public shaming pandemic” è un fenomeno nato con la pandemia: il virus è un nemico invisibile da combattere, i social cercano allora connotati più delineati verso i quali è possibile sfogare la paura tramutata in rabbia e frustrazione. Il trasgressore delle norme, o anche solo presunto tale, viene esposto alla gogna pubblica, costretto a provare vergogna per le sue azioni. Nella cassa di risonanza social, la platea accresce di minuto in minuto. Non importa se in alcuni casi le motivazioni siano valide, se le precauzioni siano state effettivamente prese. La sentenza del tribunale online è immediata, non lascia appello, non offre arringa alla difesa, soffocata sotto il dito accusatorio di centinaia, migliaia di utenti che emettono la condanna di “mostri assassini”.

La vergogna non è una risposta nuova dell’umanità alla malattia, ma il web le ha offerto un nuovo mezzo, sostiene D.T. Max, scrittore e giornalista per il The New Yorker: “Internet, con la sua opportunità di anonimato, la sua assenza di mediatori e il suo ingigantimento di danni temporanei, ha reso estremamente facile generare indignazione di massa istantanea”. Le campagne di vergogna online possono essere un valido strumento di lotta per ottenere diritti civili, ma possono diventare ingiuste e sproporzionate, se rivolte contro il privato cittadino, con una “portata devastante”.

...completa la lettura su Huffingtonpost Italia 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


B p 2 srl

Dal 2001 Bp 2 offre la piu ampia scelta di software gestionale online per le aziende e la...

Vai al profilo

Mr. APPs srl

Siamo un'azienda di giovani professionisti e creativi impegnati nello sviluppo di...

Vai al profilo

ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo