Tecnologia e Impresa /

Tecnologie e posti di lavoro

Tecnologie e posti di lavoro

16 Dicembre 2019 Gian Carlo Lanzetti
SoloTablet
Gian Carlo Lanzetti
share
Le tecnologie intelligenti hanno trasformato i posti di lavoro, con oltre metà (58%) del campione di una ricerca svolta da Lenovo che crede fortemente nel fatto che la tecnologia stia già aiutando a creare ambienti di lavoro più diversificati, inclusivi e aperti a diversi tipi di persone. Solo l’8% si trova in disaccordo. Gli smart device consentano di risparmiare almeno 30 minuti al giorno grazie alla maggiore rapidità ed efficienza.

La ricerca, condotta su un campione di oltre 15.000 persone in diversi Paesi del mondo, compresi Brasile, Cina, Francia, Germania, Giappone, India, Italia, Messico, Regno Unito e Stati Uniti, ha rilevato che, mentre il 51% del campione ha espresso preoccupazione che le nuove tecnologie possano “eliminare i loro posti di lavoro”, vi è altrettanto ottimismo attorno alle potenzialità dell’automazione. Ad esempio, una quantità leggermente maggiore di persone (il 52%) ha affermato di essere “estremamente” o “molto interessata” nella possibilità che l’automazione si prenda carico degli aspetti più tediosi del loro lavoro, inclusi gli adempimenti burocratici (45%), timesheet e fatture (39%), pulire e organizzare (37%) e prendere appunti (36%).

Vi sono numerosi altri aspetti positivi della tecnologia e del suo ruolo sul posto di lavoro condivisi a livello mondiale, come ad esempio la capacità di migliorare le opportunità e la qualità del lavoro. Il 58% delle persone è convinto che la tecnologia aiuti le persone a trovare posti di lavoro qualificati, con picchi del 75% in Cina, 73% in India e 72% in Messico. 

Analogamente, il 56% del campione crede fortemente nel fatto che la tecnologia faciliti i loro avanzamenti di carriera. Inoltre, esattamente metà delle persone che hanno partecipato al sondaggio ritiene che gli smart device consentano loro di risparmiare almeno 30 minuti al giorno grazie alla maggiore rapidità ed efficienza con cui consentono di svolgere certe attività. 

Per quanto riguarda la responsabilità sociale d’impresa, vi è la convinzione condivisa che le aziende di tecnologia debbano contribuire al bene comune, con un 30% che afferma che il loro ruolo primario debba essere di rafforzare le economie e creare nuovi posti di lavoro. 

Bob O'Donnell, Presidente e Chief Analyst di TECHnalysis Research, osserva: “È legittimo nutrire preoccupazioni sull’impatto delle tecnologie sui lavoratori, ma è altrettanto facile non tenere conto delle molte, incredibili cose che i nostri dispositivi fanno per rendere più facile e appagante il nostro lavoro. I vantaggi offerti dai dispositivi tecnologici, dalla possibilità di conversare faccia a faccia con i colleghi in ogni parte del mondo, alla semplificazione e automazione degli incarichi più tediosi, hanno un impatto più profondo che mai sul nostro modo di lavorare. In futuro renderanno i nostri ambienti di lavoro ancora più interessanti e produttivi”. 

Dilip Bhatia, Vice President, User and Customer Experience di Lenovo, dal canto suo aggiunge: “La nuova generazione di lavoratori, che si aspetta metodi di lavoro più flessibili, è cresciuta con dispositivi tecnologici “always-on” e ne sta promuovendo una rapida adozione negli ambienti di lavoro, sfumando di fatto la linea di demarcazione fra tecnologie consumer e aziendali e utilizzando i dispositivi per facilitare un’efficace integrazione fra lavoro e tempo libero. La ricerca di Lenovo mostra un diffuso ottimismo per il potenziale ancora inespresso delle tecnologie intelligenti nel rispondere alle esigenze future della forza lavoro – dagli smart office ai dispositivi di produttività ultraportatili, fino agli strumenti di videoconferenza”.

 

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MNM dev

Vai al profilo

Mobile App

Mobile app offre una serie completa di apps per tablet e smartphone B2B e B2C, la sua b.u...

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo