Mercato Italiano /

Verso nuovi ambienti IT ìbridi

Verso nuovi ambienti IT ìbridi

19 Giugno 2020 Gian Carlo Lanzetti
SoloTablet
Gian Carlo Lanzetti
share
Secondo IDC, già nel 2020 oltre il 40% degli investimenti nei data center aziendali sarà impiegato per creare un ambiente IT ibrido.

Siamo entrati in un'era in cui le tecnologie e i processi implementati dalle imprese sono così strettamente legati ai clienti e ai mercati che il confine tra le operazioni aziendali interne e l'ecosistema esterno sta ormai scomparendo. Proprio l'organizzazione IT è al centro di questo eccezionale spostamento di dati e carichi di lavoro, che inevitabilmente cambierà il modo di intendere e gestire il data center aziendale.

Tra oggi e il 2025, IDC prevede che i CIO e i loro team trasformeranno completamente i sistemi informativi aziendali. Secondo IDC, già nel 2020 oltre il 40% degli investimenti nei data center aziendali sarà impiegato per creare un ambiente IT ibrido in cui andare a sviluppare applicazioni e workload che saranno frammentati tra core, edge, siti di colocation e data center di cloud provider. Obiettivo è realizzare un’infrastruttura IT sempre più agile e flessibile, in grado di abbattere i silos interni e capace di integrarsi con i servizi esterni.

Molte realtà operano oggi con un portafoglio applicativo composto da un mix di soluzioni legacy e di nuova generazione. IDC prevede una crescita di questo portafoglio del 50% nei prossimi due anni, una parte significativa della quale deriverà da applicazioni basate sul cloud o cloud-native. La vera svolta che permetteranno i nuovi ambienti IT ibridi è la frammentazione dei carichi di lavoro e delle applicazioni tra core e edge e tra più colocator, provider cloud e tipi di servizi cloud (multicloud).

Per farlo occorre però estendere in logica software-defined la propria infrastruttura, così da permettere una trasformazione digitale che sia da una parte data-driven, quindi centrata sulle effettive esigenze aziendali, e dall’altra possa sfruttare al meglio le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie. E’ poi necessario mettere al centro dell'evoluzione infrastrutturale la sicurezza, così da supportare l'operatività del business e garantire la protezione dei dati. Sicurezza che è anche il cardine su cui si basa la fiducia nell'azienda da parte di clienti, partner e fornitori.

Sono questi i temi sui quali IDC, in collaborazione con VMware e Var Group, organizza un nuovo roadshow tematico intitolato “From Datacenters to Centers of Data” le cui tappe si svolgeranno in formato digitale (webinar e virtual roundtable) il 2 luglio, il 16 settembre e il 28 ottobre 2020.

Nel corso dei tre appuntamenti, gli analisti di IDC, gli esperti delle due società e i CIO aziendali si confronteranno sui temi della data-driven transformation, della security, delle tecnologie SDN, SD-WAN e iperconvergenti.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Softec S.p.A.

Leader in Italia nell'ambito del Mobile Computing, per la realizzazione di...

Vai al profilo

Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo