Sezioni
Tu sei qui: Home Blog Mercato tablet Anteprima rapporto Assinform 2012
Mercato tablet

Anteprima rapporto Assinform 2012

Per Assinform, nel 2012 Ict a -2,2%, mentre i paesi europei crescono. Colpa anche dell'articolo 18, un tossico per imprese IT, lo dice il presidente Angelucci. In aumento il gap con il resto del mondo dove il comparto IT cresce del 2,4%. L'Italia in forte ritardo sull'agenda digitale.
Anteprima rapporto Assinform 2012

 

Il 2012 dell'IT italiana sarà "nero" e registrerà un -2,3%. Lo racconta l'anticipazione del Rapprto Assinform, sull'andamento del settore dell'Information & Communication Technology  elaborato in collaborazione con NetConsulting, che rileva un calo anche nel 2011, con l'Ict che si contrae del 3,6% e l'IT che si attesta al -4,1%.

Si restringe la spesa pubblica per Ict, una restrizione che ormai dura da anni e che ha obbligato anche  le imprese, che sostengono più del 90% della domanda d'informatica, a dover rivedere in modo consistente gli investimenti in innovazione IT con tagli di circa il 5%.

Le stime in negativo potrebbero cambiare se il clima economico cambiasse e se venisse colta l'opportunità dell'agenda digitale, che per ora in Italia segna il passo. In Europa solo la Spagna fa peggio di noi con un -5,3%.

Il rapporto ebidenzia comunque anche settori in crescita soprattutto in quegli ambiti di offerta volti a trarre vantaggio dal web, dalle nuove tecnologie e da servizi su di esse sviluppati.

Il mercato ICT italiano è stato riclassificato e valutato su un valore complessivo di 70 miliardi di euro. Cresce il segmento del software con un +1,2% e 5 miliardi di valore. Cresce del +7,1% il segmento dei i contenuti digitali e pubblicità on line con un valore complessivo di 7 miliardi. Continua il calo dei servizi IT tradizionali con un -3,8% ma un valore di 40 miliardi. Cala infine il comparto dei “dispositivi e sistemi digitali”, segmento che vale oltre 17 mld di euro, con un trend in discesa di -2,6% (-2,1% 2010/09).

Una nota a margine è il riferimento del presidente di Assinform all'articolo 18 come tossico per molte aziende IT perchè impedirebbe l'evoluzione tecnica, una più facile gestione della variabilità delle commesse, e una maggiore flessibilità.

E chissà se il problema è realmente in un articolo!

 

SHARE THIS
,
comments powered by Disqus