Sezioni
Tu sei qui: Home Blog Mercato tablet

Mercato tablet

Il tablet in pausa di riflessione: iPad barometro di un mercato tablet appannato

I media hanno bisogno di trovare ogni giorno spunti per una narrazione. Quest'anno l'attenzione si è concentrata sul declino del tablet. Una condizione di mercato normale dopo il boom derivato dal primo innamoramento e che ha portato ad un assestamento e consolidamento. Per capire realmente cosa sta succedendo è sufficiente provare a segmentare il mercato e gurdare con attenzione alle scelte dei produttori protagonisti.

Vendite Tablet in stallo, PC in costante discesa!

Meno tablet e ancor mano PC, sembra questa la novità della prima metà dell’anno 2014. Pesa il calo di vendite di iPad nel primo trimestre 2014 ma il calo ha radici più profonde. Il mercato è maturo e i consumatori possono fare scelte più consapevoli. Il calo nelle vendite di PC conferma una tendenza che si va consolidando. Il dispositivo mobile di personal computer non è più necessaroiamente un laptop. In molti casi basta e avanza lo smartphone!

Il personal computing come evoluzione tecnologica continua

C'erano una volta i grandi calcolatori o mainframe, erano grandi e complessi e non erano semplici da usare. Poi sono arrivati computer più piccoli, più semplifi e facili da usare. Dai grandi Data Center il computer è entrato nelle nostre tasche e in futuro potrebbe essere un ologramma o una calcografia sul polso di una mano. Mentre il mercato cerca di capire se il PC è morto e se lo smartphone o il tablet potrebbero sostituirlo, staimo vivendo una vera e propria rivoluzione di cui non conosciamo ancora destinazione e futuro.

Primo trimestre 2014: tablet +19%

Apple avrà pure fatto flop con il suo iPad, ma il primo trimestre del 2014 registra un nuovo boom di tablet sul mercato internazionale. La crescita sta rallentanda ma ha comunque segnato un +19%. A trarne maggiori vantaggi le piattaforme Android con Windows che mantiene la sua quota di mercato e Apple che deve accettare un calo consistente a causa dell forte pressione competitiva e in assenza di nuovi modelli iPad.