Ricerca

24 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Sicurezza personale e intelligenza artificiale
Il tema della sicurezza sta diventando il nuovo cavallo di battaglia di una campagna elettorale mai così spenta e priva di interesse. Più che di sicurezza si parla della sua percezione e di come essa possa influenzare le decisioni di voto. Nessuno parla del ruolo che la tecnologia può avere nel modificare il comune sentire sul tema. Eppure l'evoluzione delle intelligenze artificiali offre tante opportunità per farlo.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Sicurezza Mobile
Malvertising
"Internet è da sempre sinonimo di libertà, oggi la sua pervasività suggerisce una maggiore consapevolezza e riflessione critica sull’uso che ne viene fatto. Le nuove tecnologie sono strumenti potenti di libertà ma tutto dipende dalla conoscenza che ne abbiamo e dall’uso che ne facciamo per interagire con la realtà, per modificarla e per soddisfare i nostri bisogni più concreti. [...]Senza consapevolezza Siamo pesci sempre pronti ad abboccare all’amo…?" - I pesci siamo noi di Carlo Mazzucchelli
Si trova in Tecnopillole
SMISHING
Pratica cybercriminale finalizzata al furto delle credenziali di accesso a risorse personali. La tecnica si basa sull'uso di dispositivi Mobile e applicazioni di email e messaggistica per consegnare messaggi fraudolenti con l'obiettivo di trarre in inganno l'utente. L'inganno sta solitamente nel mittente del messaggio, riconoscibile riconducibile a entità o realtà conosciute come banche , le Poste, ecc. Il successo dell'inganno mette a rischio informazioni ma anche patrimoni personali. Cadere nell'inganno è come aver consegnato le chiavi di casa o della macchina a ladri che le useranno a loro beneficio e bantaggio.
Si trova in Tecnopillole
Voi vi fidereste ancora di Yahoo?
Yahoo sembra esserci ricascata ma questa volta i numeri sono impressionanti: un miliardo di account Yahoo violati. Un dato non positivo per un paese come gli Stati Uniti che è sulle prime pagine dei media anche per le presunte violazioni di hacker russi ai server del partito democratico durante le recenti elezioni presidenziali. Un paese che, attaccato su più fronti, mostra la mondo intero una vulnerabilità che nessuno gli avrebbe mai accreditato visto il predominio tecnologico posseduto dalle sue aziende. E' come se, in modo presupponente, non avesse investito a sufficienza in sicurezza.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Sicurezza Mobile