Mercato Mobile /

Qualità dei prodotti, durata e mercato smartphone

Qualità dei prodotti, durata e mercato smartphone

27 Febbraio 2019 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Si dice che il mercato smartphone è maturo e saturato da una moltitudine di dispositivi. I produttori devono fare i conti con aggiornamenti tecnologici rinviati nel tempo, minori vendite e il calo dei guadagni. E se la colpa fosse della elevata qualità e durata?

 

Negli anni abbiamo assistito a un aumento costante nella qualità dei prodotti, determinata in parte anche dalla qualità dei materiali utilizzati per costruirli. La qualità è maggiore nella fascia alta del mercato ma è aumentata su tutte le tipologie di prodotto. Ciò vale oggi anche per il mercato tecnologico più ricco come lo è quello degli smartphone, dispositivi diventati pervasivi, vere e proprie protesi umane e sempre presenti nella vita di ogni giorno di miliardi di persone. Anche per la loro resistenza, qualità e durata, oltre che per le loro funzionalità e caratteristiche tecnologiche.

La qualità crescente degli smartphone è diventata sempre più uno degli attributi principali per la scelta di acquisto, capace di generare le giuste motivazioni nella decisione finale. Lo è stata e lo sarà anche con la nuova generazione di smartphone pieghevoli che dal 2019 caratterizzeranno il mercato, favorendone forse una sua ripartenza e crescita. E non è un caso che a determinare la potenzialità di mercato dei nuovi dispositivi sia il display e l’uso del vetro che già oggi ricopre in molti smartphone , principalmente di fascia alta, anche il retro del dispositivo, sostituendo l’alluminio e altri metalli simili.

galaxy fold

All’origine del successo degli smartphone il display ha contribuito a determinarne la qualità in termini di esperienza utente, interazione tattile e look&feel. Oggi il vetro usato sul retro del dispositivo gioca un ruolo importante anche nella protezione del dispositivo, nella ricarica wireless e nella ricezione del segnale e per la connettività. Il display dello smartphone lo ha reso più attrattivo e amichevole, è diventato specchio, finestra, lavagna, schermo cinematografico e molto altro. Ha potuto diventarlo per la qualità crescente, la risoluzione sempre migliore e le esperienze utente che è stato in grado di soddisfare. Il vetro sul retro del dispositivo è nel frattempo diventato uno standard. Già oggi i dispositivi che ne fanno uso rappresentano, nel mercato premium, la fetta più grande del mercato (80%) ma entro il 2020 rappresenteranno il 60% dell’intero mercato smartphone. Tutti gli smartphone lanciati nel 2018 sono stati rilasciati con vetro su entrambi i lati del dispositivo.

Secondo gli analisti di mercato il successo del vetro posteriore sta nell’avere migliorato l’attrattività del dispositivo e il suo design ma anche l’adozione crescente da parte dei consumatori della modalità di ricarica wireless. Più efficiente con il vetro che con il metallo, grazie alla tecnologia Qi. Inoltre il vetro non interferisce con le onde radio favorendone il passaggio veloce che assicura segnali forti per le connessioni LTE, Wi-Fi e Bluetooth.

La qualità dei materiali usati per gli smartphone, compreso il vetro, ha migliorato la durata dei dispositivi determinando comportamenti di acquisto che si sono trasformati per i produttori in un incubo, il calo delle vendite e il rinvio nel tempo di nuovi aggiornamenti tecnologici. Oggi il consumatore medio si tiene il suo dispositivo per tre o quattro anni prima di sostituirlo con uno nuovo. O lo sostituisce prima nel caso in cui venga danneggiato. Ad esempio nella parte posteriore. Non è un caso che alcuni produttori usino vetro di elevata qualità per il display ma materiali simili al vetro, come vari tipi di plastiche o materiali policarbonati, per il retro del dispositivo.

Il mancato ricambio del dispositivo è forse all’origine del declino delle vendite o della loro stasi. La novità potrebbe venire dalle innovazioni introdotte in termini di design per gli smartphone pieghevoli. Il loro costo attuale sembra proibitivo per molti consumatori ma spiega anche l’attenzione posta dai produttori, che per primi hanno messo sul mercato i nuovi prodotti (Galaxy Fold di Samsung), a non bruciarsi l’opportunità a causa di prodotti ancora in fase prototipale, soprattutto per i materiali e la loro potenziale durata.

La qualità deve essere garantita nonostante la ricerca di approcci finalizzati a motivare ricambi tecnologici più frequenti. Deve esserlo perché lo smartphone non è più da tempo un mezzo per telefonare ma si è trasformato in strumento diffuso di personal computing, usato per una miriade di scopi, attività e funzionalità. L’aspetto positivo per i produttori è che, benchè il consumatore punti sulla durata garantita dalla qualità dei materiali con cui sono fabbricati i prodotti, lo smartphone si è trasformato nel dispositivo più usato da tutti e come tale il più soggetto a usura.  Prima o poi dovrà essere sostituito, probabilmente con uno dei modelli pieghevoli in arrivo!

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Visual Meta

La più innovativa app per lo Shopping online è ShopAlike.it, la piattaforma...

Vai al profilo

Panda-Rei

Panda Rei is a small company devoted to mobile games development. Located in Italy...

Vai al profilo

Sudformazione srl

Scuola di formazione tecnica specialistica. Ci occupiamo di formazione in materia di...

Vai al profilo

Twinbo snc

Twinbo è un'azienda giovane e dinamica, specializzata nello sviluppo di applicazioni...

Vai al profilo