Il consulente filosofico

Il consulente filosofico

Era tecnologica e consulenza filosofica

 

L’era tecnologica e digitale suggerisce leadership riflessive, dialoganti, capaci di interpretare le categorie dell’efficienza organizzativa, delle capacità individuali e dell’efficacia alla luce della rivoluzione tecnologica e nell’ottica delle persone. 

Internet, smartphone, piattaforme social hanno trasformato ogni attività online in conversazioni, spesso caratterizzate dalla superficialità dell’interazione e dalla brutalità del linguaggio. Conversare però non è dialogare. Dialogo (διάλογος, derivato di διαλέγομαι «conversare, discorrere») significa parlare attraverso, con il desiderio di trovare un punto in comune. Il dialogo è anche mettersi nei panni degli altri, non è un semplice scambio di opinioni, neppure una discussione dialettica finalizzata ad avere ragione. Si basa sull’ascolto dell’altro, sulla capacità di catturare l’attenzione reciproca e sull’ottenimento di un consenso generale. 

Il dialogo oggi è anche strumento della pratica filosofica che il consulente filosofico utilizza con persone che vivono l’era digitale attuale con incertezza, disagio, ansia, stanchezza e insoddisfazione. Il dialogo serve a porsi domande, a guardare alla realtà in modo diverso, a superare schemi fissi e i paradigmi che li sostengono, bias di conferma, per andare alla ricerca di nuove strade. Il dialogo è importante, fondamentale, per superare i conflitti e nella consulenza filosofica diventa cura e prendersi cura.

Di dialogo, consulenza filosofica, era tecnologica, leadership e organizzazioni abbiamo deciso di parlare con manager d’azienda, consulenti filosofici, leader di mercato e studiosi. 

 

L'iniziativa, animata da Carlo Mazzucchelli (fondatore di www.solotablet.it e scrittore) e Maria Giovanna Farina (filosofa, Consulente filosofico e scrittrice), è costruita su INTERVISTE con domande in forma di riflessioni sulle molteplici tematiche che interessano la consulenza filosofica. L'intervista tiene conto del contesto tecnologico che caratterizza la vita di tutti, in ogni ambito di vita, individuale e sociale, lavorativa e professionale.

Le domande sono articolate in modo da offrire numerosi spunti di riflessione ma anche vie di fuga e scappatoie verso altri argomenti e nuove riflessioni.

Tutte le interviste saranno pubblicate in uno spazio dedicato di SoloTablet.

Chi avesse visitato questo spazio e fosse interessato a partecipare alla nostra iniziativa può o contattarci direttamente, anche tramite i nostri profili  Linkedin.

 

Collaborano a questa iniziativa

 

Carlo Mazzucchelli 

Dirigente d'azienda, filosofo e tecnologo, Carlo Mazzucchelli è il fondatore di SoloTablet, un progetto dedicato a una riflessione critica sulla tecnologia finalizzata alla Tecnoconsapevolezza.

Esperto di marketing, comunicazione e management, ha operato in ruoli manageriali e dirigenziali in aziende italiane e multinazionali.

Focalizzato da sempre sull'innovazione ha implementato numerosi programmi finalizzati al cambiamento, a incrementare l'efficacia dell'attività commerciale, il valore del capitale relazionale dell'azienda e la fidelizzazione della clientela, attraverso tecnologie all'avanguardia e approcci innovativi.

Giornalista e storyteller, autore di 20 ebook e libri, formatore, oratore in meeting, seminari e convegni. È esperto di Internet, social networking, ambienti collaborativi in rete e strumenti di analisi delle reti sociali. 

 

Giovanna Maria Farina 

Pioniera in Italia della consulenza filosofica, crea nel 2001 a Milano Heuristic Institution da cui nasce il metodo Euristica e Istituzioni. Con l'uso pratico della Filosofia ispirato alla tecnica del dialogo di Socrate, ha costruito un metodo per comprendere e aiutare adulti e bambini a superare i disagi esistenziali. Attraverso le tecniche già esistenti e la continua ricerca di nuove metodologie nel campo delle scienze umane, persegue una maggiore conoscenza del Sé, dell'Altro e delle discipline interessate ai rapporti interpersonali.

Chi è il filosofo? È colui che studia, ricerca e sperimenta i principi generali delle cose, ed in particolare i fondamenti della realtà, i modi e i metodi della conoscenza, i problemi e i valori connessi all'animo e all'agire dell'uomo in tutte le sue forme ed espressioni.

L'Euristica è arte e tecnica della ricerca filosofica e scientifica, studia i metodi per arrivare ad uno scopo, le Istituzioni sono il complesso delle nozioni principali di una disciplina. Impostare istituzioni di euristiche vuol dire lavorare per trovare il modo migliore per raggiungere obbiettivi.

Nella filosofia, madre di tutte le scienze, vive integro il patrimonio culturale ed emozionale utile all'uomo del nostro tempo per ri-trovare se stesso. Si tratta di un ri-trovare nel senso proprio di ri-trovarsi dopo essersi persi. Ludwig Binswanger (1881-1966) psichiatra e filosofo di ispirazione fenomenologica e fondatore dell'analisi esistenziale, disse che l'uomo è un essere-nel-mondo e come tale deve essere osservato in rapporto con gli altri.

L'uomo e le sue relazioni sono il mio oggetto di ricerca privilegiato perché là, in quel luogo, sono rintracciabili le sfasature e le distorsioni della comunicazione umana. L'analisi e l'interpretazione di queste discordanze ci dà la possibilità di ritrovare quell'armonia interiore grazie alla quale è possibile recuperare il proprio essere autentico perché libero da pregiudizi, incomprensioni e idee confuse.