Ricerca

8 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Invisibilità come obiettivo
Le aziende che spendono milioni di euro per essere visibili online sono numerose, ma l’invisibilità online sta diventando una tendenza forte che coinvolge milioni di utenti della rete. Anonimato come tentative estremo per difendersi da spam, invasione della privacy, troppa pubblicità, surplus informativo, ecc.
Si trova in Lifestyle
Paradigmi della relazione e credibilità della marca
Per costruire fedeltà e fidelizzazione non è sufficiente disporre di un portafoglio prodotti di qualità. Serve la capacità di ingaggiare e interagire con il cliente a diversi livelli, puntando su fiducia e condivisione, credibilità e reputazione e preoccupandosi anche della felicità del proprio interlocutore.
Si trova in Blog / Tabulario
La fiducia trainata dagli algoritmi
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. E' un mantra a cui si sarebbero dovuti affidare anche gli ultimi trombati della politica che hanno definito le loro strategie sulla base delle informazioni ricevute da consulenti e mezzi di informazione incapaci di leggere la realtà. Fidarsi è diventato difficile anche online, sia perchè la spazzatura e le informazioni false in circolazione sono in costante crescita, sia perchè non si sa più a quali voci credere.
Si trova in Lifestyle
Manager e Linkedin
Tutti conoscono i social ma non è detto che tutti ne comprendano le differenze, l’utilità o la non utilità. Forse non la comprendono neppure i manager d’azienda che, a parecchi anni di distanza dall’arrivo di Linkedin, presenziano ancora in modo limitato il professional network numero uno. Forse la responsabilità è delle aziende e dell’assenza di strategie di comunicazione adeguate. Ma forse la colpa è tutta dei singoli individui, manager spesso pigri, disattenti e/o semplicemente disinteressati.
Si trova in Lifestyle
La reputazione al tempo di Facebook, di Instagram e WhatsApp!
Di reputazione, ossia dell'effetto che facciamo sugli altri e le conseguenze che ne derivano, parla Giorgia Origgi nel suo libro La Reputazione edito da Università Bocconi Editore. Da sempre, ben prima dei social network, due sono le forze che ci possono condizionare. La prima è legata e dipende dalle nostre esperienze dirette e incarnate. La seconda è la nostra identità sociale per come si viene costituendo in base alla nostra reputazione.
Si trova in Lifestyle
Le recensioni Amazon te le scrivo io
Con poche eccezioni, la maggior parte dei libri pubblicati serve oggi a soddisfare e gratificare chi li scrive più che a guadagnare. La situazione non cambia se il libro è digitale. Le librerie online sono numerose, quanto lo erano un tempo le librerie di strada ma nessuna può competere con Amazon. Soprattutto per i suoi algoritmi usati per spingere e promuovere un libro piuttosto che un altro, attraverso il meccanismo delle recensioni e dei commenti.
Si trova in Blog / Tabulario
Credulità va crescendo come risposta a bisogni consolatori reali!
Segnaliamo un interessante articolo di Marino Niola pubblicato sulle pagine culturali di la Repubblica del 20 luglio 2016. L'articolo va ad arricchire molte riflessioni condivise su SoloTablet sul ruolo della tecnologiae i suoi effetti collaterali. In particolare l'articolo di Nioli invita tutti a guardare alla Rete con occhi più attenti e meno creduloni perchè quello che doveva essere uno spazio di conoscenza sta diventando un luogo abitato da "falsi sienziati, autentici lestofanti, guaritori, venditori, imbonitori, persuasori, arruffapopoli, mental trainer, contafrottole, predicatori, somatopsicologi, rabdomanti digitali e altri spacciatori di bufael..." Una lettura suggerita anche a chi la pensa diversamente!
Si trova in Segnalazioni
Profili inanimati e identità digitali
La vita online e sui molteplici schermi dei dispositivi a cui ci siamo ibridati è rappresentata da profili digitali, inanimati e pubblici. Profili generati sempre più con l’aiuto di algoritmi matematici che finiscono per dare descrizioni, forme, personalità e narrazioni diverse dall’originale. Quello che continua a vivere al di qua dello schermo e fuori dalla Rete.
Si trova in Lifestyle