Ricerca

8 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
👩‍🚀️👩‍🚒️ La lingua dice molto di noi
La lingua italiana è gentile, nonostante gli anglicismi, le sgrammaticature e l’uso aggressivo, brutale e violento che ne viene fatto, soprattutto sulle piattaforme sociali.
Si trova in Tecnopillole
Antisocial, un libro di Andrew Marantz
In un panorama italiano trasformato in un acquario di sardine può essere interessante porre una lente di attenzione sul libro, da poco pubblicato negli States, di Andrew Marantz dal titolo Antisocial. Un saggio ma anche un romanzo capace di raccontare con efficacia le distopie del momento. Una su tutte, quella caratterizzata dall’odio e cavalcata alla grande e con successo dalle destre, populiste, sovraniste, estremiste e nostalgiche di molti paesi occidentali.
Si trova in Blog / Tabulario
Elezioni, false notizie e rituali social
Ogni mattina in Italia, un social networker si sveglia, sa che deve accedere al suo dispositivo Mobile più in fretta possibile per non perdersi messaggi, notifiche, novità e false notizie. Ogni mattina un altro social networker si sveglia e sa che deve scrivere qualcosa, messaggiare, pubblicare e mettere online messaggi e notizie. Quando il sole sorge tutti i social networker sanno che, per avere partecipato al rito del social networking, hanno contribuito alla produzione, diffusione e viralità di buone e false notizie.
Si trova in Blog / Tabulario
L’attesa ai tempi di WhatsApp
Abituati al tempo continuo e rapido della tecnologia, cadenzato dalla binarietà senza intervalli di stimolo e risposta, abbiamo perso l’abitudine dell’attesa. Un ritardo nel feedback digitale ci mette in ansia, ci infastidisce mettendoci in crisi. Tutta colpa del tempo reale e della simultaneità che hanno trasformato la vita di molti in una clessidra senza sabbia e in orologi senza lancette.
Si trova in Blog / Tabulario
La setta delle piattaforme social
Segnaliamo un articolo di Jaime D'Alessandro sul quotidiano la Repubblica del 19 febbraio 2018 dal titolo "Garcia Martinez l’ex di Facebook che allerta il mondo sulla “setta dei social”.
Si trova in Segnalazioni
Piattaforma social: effetti e conseguenze
Molti cominciano a pensare che ci sia un lato oscuro dei social a cui dovrebbero pensare per primi gli stessi produttori tecnologici. Facebook non è stata creata per essere usata come piattaforma per incursioni spionistiche o di hakeraggio russo e neppure come strumento per raccontare o anticipare stragi primatiste. Di fatto però lo è diventata, evidenziando la necessità di un ripensamento delle favola tecno-progressista.
Si trova in Lifestyle
Social Media 2019: tendenze e strategie
Chi può resistere alla visibilità dei media sociali? Chi rinuncia a trarre vantaggio da influencer e storyteller vari? Chi ha veramente capito come usarli e trarne vantaggio? Nel 2019 non sarà sufficiente solo esserci e abitarli, sarà necessaria una strategia, la collaborazione con partner qualificati e un budget.
Si trova in Tecnologia e Impresa / Ambiti di applicazione e Strategie
Social media per le aziende e loro inutilità
Nell'era della cosiddetta new o net economy il mantra delle aziende era avere un sito web, oggi avere una presenza sulle piattaforme social. Da tempo molte aziende hanno compreso che avere una vetrina online è inutile se non ci sono strategie articolate di storytelling, content marketing e per la generazione di opportunità. Quante aziende hanno già compreso che forse anche i media sociali sono inutili, o quantomeno insufficienti?
Si trova in Tecnologia e Impresa / Ambiti di applicazione e Strategie