Ricerca

291 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Il crepuscolo delle macchine di John Zerzan
Cominciamo con ogni probabilità ad assistere al crepuscolo effettivo del paradigma tecno-industriale, o almeno ai suoi primi segnali. Le promesse dell’illuminismo non sono state mantenute; la modernità non solo non funziona, è un disastro in continua crescita e ora chiaramente visibile. La spoliazione della vita quotidiana va di pari passo con quella dell’ambiente fisico e la crisi si acuisce. L’ultima ideologia sembra essere quella della tecnologia stessa. Ma la tecnologia sta peggiorando le cose, dalle malattie resistenti agli antibiotici alla crescente vacuità e freddezza della tecno-cultura. Siamo tutti condizionati e addomesticati da una tecnologia che continua ad avanzare. E lungo la strada spunta la verità più segreta: un’esistenza completamente mediata, protesica, non è vivere per davvero.Ci dev’essere un’alternativa e siamo al punto in cui non è più possibile evitare questa discussione.La situazione drammatica in cui versiamo ci indirizza verso una soluzione: l’abbandono volontario della modalità di vita industriale che non è una rinuncia, bensì una regressione salutare.Il rifiuto di una rottura totale corona e solidifica un pessimismo che spinge al suicidio. I nostri primi passi verso la liberazione possono essere guidati solo da visioni che non siano definite dalla realtà attuale. Non possiamo permetterci di continuare ad agire alle condizioni dettate dal nemico.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
Il crepuscolo delle macchine (Zerzan John)
Il testo rispecchia il pensiero anarchico e primitivista dell'autore, da sempre critico di una civiltà votata al disastro ambientale e alla crescente alienazione dei suoi abitanti, quest'ultima determinata da ansia e depressione crescenti e da elevato stress. Una riflessione di stampo deterministico e fortemente pessimista, finalizzata a illustrare l'ideologia della tecnologia e l'addomesticamento crescente degli esseri umani alla voglia di potenza della tecnologia. Una riflessione svolta per sostenere che una vita di questo tipo, completamente mediata e protesica forse non abbia alcun senso. Il pessimismo è grande ma usato per lanciare un ultimo appello alla ricerca di alternative, rese oggi necessarie e possibili dal fatto che a richiederle sia la stessa realtà.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
Il crepuscolo delle macchine
BIBLIOTECA TECNOLOGICA: Il Crepuscolo delle macchine è un'opera recente di John Zerzan considerato il capofila dell’anarco-primitivismo statunitense. e autore di altri libri come Dizionario primitivista (Nautilus 2004), a Pensare primitivo: Elementi di una catastrofe (Bepress, 2010). Un autore che produce da tempo una riflessione sulla teoria libertaria non facile da districare, fra percorsi eclettici e detrattori accademici, mai in uno scenario catastrofista, tipo La nube purpurea, di M. Shiel (1901), in cui si prospetta l’azzeramento planetario.
Si trova in Tecnobibliografia / Tecnocritica
Il delitto perfetto di Baudrillard Jean
Per essere un testo del 1995 racconta una delle storie più interessanti sulla sparizione della realtà e su chi l'ha uccisa. Il reale come corpo della vittima non è stato trovato e manca il movente. Il delitto descritto è tutto tranne che perfetto ma la perfezione con cui viene praticato è criminale. Il problema da risolvere sta nella identità dell'assassino e nel suo essere la fusione di assassino e vittima insieme. Per capire i mondi simulati e dell'apparire odierni, celati dietro lo schermo di un dispositivo mobile, capire quale sia il delitto perfetto raccontato da Baudrillard potrebbe rivelarsi essenziale.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
Il filtro di Eli Pariser
Un libro per chi è già convinto che Google non è uguale per tutti e per quanti ancora si illudono di raggiungere con il suo motore di ricerca il mondo intero della Rete. Un libro utile anche per coloro che ad ogni domanda cercano una risposta con Google invece che con altri mezzi o con una semplice conversazione. Un libro che si addentra nel concetto della personalizzazione dei risultati di una ricerca e che spiega la bravura di Google nel costruire risposte in base al profilo che si è fatto di ogni utilizzatore del suo motore di ricerca. Le conclusioni e le ricette dell'autore non sono tutte condisibili e/o convincenti ma più di esse conta il tentativo di analisi e il messaggio rivolto a rinvigorire le conversazioni umane al posto di quelle digitali e online. Un modo per evitare o ridurre il ruolo dei numerosi intermediari tecnologici che tutto sono tranne che neutrali.
Si trova in Tecnobibliografia / Recensioni (120+)
IL GIARDINO DELLE MELE di Maria Giovanna Farina
SEGNALAZIONI - Segnaliamo la nuove edizione de IL GIARDINO DELLE MELE di Maria Giovanna Farina. Una seconda edizione ampliata di un testo che parla di prevenzione contro la violenza sulle donne. In versione e-book.
Si trova in Tecnobibliografia
Il giorno del Bianconiglio
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Il libro è l'ultimo lavoro di Alessandro Curioni, esperto di sicurezza che si cimenta in un romanzo giallo che aiuta il lettore a comprendere meglio i segreti della Rete e a diventare (tecno)consapevoli della loro vulnerabilità. La trama del cyberthriller si richiama a fatti concreti e realmente avvenuti negli ultimi cinque anni, attacchi cybercriminali che hanno coinvolto sistemi estremamente critici di diversi Paesi. La storia nasce dalla fantasia dell'autore ma ha trovato riscontri nella realtà.
Si trova in Tecnobibliografia
Il giorno dell'incarnazione
BIBLIOTECA DIGITALE - Alison è una ragazza brillante e geniale. Ha solo un problema: è virtuale, e nel mondo futuro ipotizzato da Walter Jon Williams non tutti i giovani virtuali riescono a sopravvivere fino alla maggiore età….
Si trova in Tecnobibliografia / Fantascienza
Il mondo dato
BIBLIOGRAFIA TECNOLOGICA - "Un mondo costruito attraverso i dati potrà essere buono o cattivo, ma in ogni caso ci attendono tempi estremamente interessanti, Siamo sul punto di reinventare ciò che significa essere una società umana." "Le persone sono disposte a condividere socialmente i propri dati se sanno che sono al sicuro e se capiscono di poter ricavare dalla condivisione un beneficio personale. Ma dovremo anche ridisegnare in modo digitale il concetto delle nostre identità perchè sia allineato al nuovo mondo digitale." - Alex Pentland
Si trova in Tecnobibliografia / Cultura
Il nostro futuro. Scenari per l'umanità
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - "Looking several decades ahead," Rees admonishes us, "we must keep our minds open, or at least ajar, to transformative advances that may now seem [like] science fiction. Doing so may be disconcerting: We can have zero confidence that the dominant intelligences a few centuries hence will have any emotional resonance with us -- even though they may have an algorithmic understanding of how we behaved."
Si trova in Tecnobibliografia / Tecnologia e applicazioni