Segnalazioni /

Il Cyberbullismo nella vita reale e in quella virtuale

Il Cyberbullismo nella vita reale e in quella virtuale

30 Maggio 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Segnaliamo un articolo di Maria Alessandra Monanni tratto dal suo blog Sandyeilweb.com. Il tema trattato è quello del cyberbullismo, nelle forme in cui si manifesta nella vita reale e nelle molteplici vite virtuali che caratterizzano le esperienze di vita di molti ragazzi e ragazze della generazione Millennium.

 

Il primo tema su cui mi preme fare alcune riflessioni è quello che emerge da fatti di cronaca che quasi quotidianamente vengono messi davanti ai nostri occhi attraverso i media, TV, Internet e che generano sgomento e incredulità: i fatti riguardano il bullismo fuori e dentro le scuole con l’aggravante che questi atti vengono registrati dai “bulli” sul proprio cellulare e pubblicati in rete – azione che qualifica il bullismo come “cyberbullismo”.

Si pensi ad esempio ai gravi atti di aggressione e persecutori, avvenuti per oltre un anno in una scuola di Bergamo, ai danni di uno studente disabile da parte dei suoi stessi compagni tutti minorenni, i quali, approfittando della situazione di disabilità e di difficoltà a reagire dello studente, continuavano senza alcun rimorso a beffeggiarlo e percuoterlo, fino al punto di minacciarlo con parole forti: “parla e ti ammazziamo di botte”.  O al caso di Firenze dove un quattordicenne perseguitava i compagni di scuola attraverso telefonate anonime e la pubblicazione in chat di foto offensive, modificate tramite fotomontaggi.  O il caso di Lucca dove sei studenti hanno insultato e minacciato in classe il proprio professore pubblicando poi in rete il video dell’accaduto come nulla fosse.  O al caso avvenuto a Modica dove due minorenni sono stati condannati per omicidio perché circa un anno fa hanno compiuto un atto criminoso picchiando a morte un anziano per “futili motivi”.

E questi sono solo alcuni degli innumerevoli fatti di cronaca che coinvolgono bambini e adolescenti, i quali, spinti da chi sa quale motivazione, compiono atti gravosi su altri bambini e adolescenti visti come più deboli e quindi facilmente aggredibili. I “bulli” compiono l’atto criminoso da soli o in gruppo, uno lo registra sul proprio cellulare (il cui uso a scuola dovrebbe essere vietato)  e poi, come nulla fosse, lo pubblicano in chat o nei Social perché ciò va condiviso con la comunità “virtuale”. Ma cosa gli spinge ad arrivare fino a tanto? Cosa vogliono dimostrare? Perché, agendo in questo modo, danno prova di essere i più forti e i più scaltri? Perché così ottengono il consenso e l’appartenenza ad un gruppo? O perché così facendo riescono a lenire qualche mancanza?

...completa la lettura del testo su sandyeilweb.com

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Synesthesia srl

Synesthesia si occupa di Information Technology da oltre un decennio. Diamo vita alle...

Vai al profilo

Posytron

Posytron è una Software Factory specializzata in progetti Web, Mobile, Social Media e...

Vai al profilo

Techmobile

Vai al profilo

SAYSOON S.r.l.

SAYSOON è la nuova Mobile Innovation Solution Factory, start-up del Gruppo GMDE...

Vai al profilo