Ricerca

23 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
OLTREPASSARE: una pratica filosofica?
Mi è stato chiesto da Carlo Mazzucchelli se la proposta di Oltrepassare possa essere/diventare una pratica filosofica. La mia risposta nelle righe che seguono.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
I Caffè filosofici di OLTREPASSARE
Dal mese di Maggio, OLTREPASSARE organizzerà dei caffè filosofici online in cui poter riflettere insieme sulle singole parole, sia quelle“oltrepassate”, grazie ai contributi arrivati, che su altre che arriveranno. Gli incontri avverranno tramite link che permetteranno di accedere alla piattaforma digitale Zoom, e saranno poi registrate e caricate sul canale youtube di Oltrepassare.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le parole sono importanti
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Noi di OLTREPASSARE amiamo le parole perchè le parole sono importanti e per questo bisogna dare a esse il meritato valore. Non solo quello etimologico e linguistico ma cognitivo, mentale, emotivo, esistenziale e individuale. Tutti sottovalutiamo le parole che usiamo, leggiamo e sentiamo. Siamo poco abituati a smontarle, a ricercarne le radici, a riconoscerne la ricchezza semantica, le polisemie di cui sono portatrici, financo i prefissi, suffissi e derivati vari che le caratterizzano. Più sono comuni e più le parole sono importanti, lo dice anche Balzano nel suo libro. Le parole sono confini, punti di incontro e di scambio. OLTREPASSARLE è un modo per superare l'oscurantismo, la superficialità e il conformismo dell'era tecnologica attuale. Chi leggesse il libro scoprirebbe che lavorare sulle parole è farsele amiche e avere delle amicizie così coinvolgenti è forse più importante che avere una miriade di contatti sui social.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Le parole che allungano la vita
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Pensare significa Oltrepassare. Il pensiero, il il lógos, è la differenza fondamentale tra l’uomo e la bestia. Grazie al pensiero all'uomo è permesso di vivere e non solo di stare al mondo. Grazie al pensiero si può continuare a essere di questo mondo anche quando si è trapassati ad altra vita. Vivere in fondo non è che che vagare, viaggiare, oltrepassare attraverso i pensieri. L'iniziativa OLTREPASSARE nasce da questo: l'importanza del pensiero, il primato della parola e la necessità di tenerla viva, tirandola fuori dalla palude (melma in alcuni casi) nella quale è precipitata nel linguaggio superficiale, violento e imbarbarito dei tempi presenti. Tempi che stanno trattenendo il nostro sguardo su un presente continua impedendoci di guardare, di traguardare orizzonti verso nuovi scenari, e soprattutto di non vedere il futuro che arriva per andargli incontro.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Parole che contano
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Chi non conosce il significato di una parola, ne vuole trovare gli eventuali sinonimi o contrari usa un dizionario. Usare il dizionario, quello cartaceo, oggi è un esercizio forse considerato desueto, un gesto che se intrapreso potrebbe strappare un sorriso: ma come perchè non uso Google Search? Eppure mai come oggi s'è bisogno che si ricorra a un dizionario per leggerlo come se fosse un libro come un altro e non una semplice elencazione di termini e loro definizioni. Con OLTREPASSARE non stiamo costruendo un altro dizionario online ma cercando di tenere in vita parole dalle importanti risonanze, consonanze, radici, semantica. Lavorare sulle parole è oggi un gesto politico, forse folle vitsi i tempi appiattiti dal conformismo anche linguistico, sempre più necessario. Tutti dovrebbero farlo....
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Il valore delle parole
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Un saggio vero e proprio, breve, ambizioso e complesso perchè centrato sull'impostazione interpretativa e metodologica della semantica di Tullio De Mauro. L'utore della semantica definisce il quadro teorico e terminologico, utile a chi vuole studiare il significato delle parole e vuole andare oltre lo spazio delle linguistica per entrare in ambiti diversi quali le neuroscienze e le intelligenze artificiali. In Capire le parole, del 1994, De Mauro affronta il tema dell’asimmetria fra “parlare” e “capire”. Un messaggio ante litteram valido per i tempi moderni. Tempi nei quali si parla e si scrive moltissimo ma forse senza comprendere, capire e apprendere altrettanto. Con OLTREPASSARE l'invito è alla lentezza, alla rinuncia alla velocità del linguaggio con l'obiettivo di capire meglio il significato delle parole, e di re-imparare ad ascoltare.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Potere alle parole
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Abituati a messaggiare senza riflettere, dentro un surplus cognitivo che non ci arricchisce ma ci fa scoprire ancor più il disagio derivante dal surplus informativo attuale, cominciamo a renderci conto di un disagio quotidiano che potrebbe capitare a tutti: la difficoltà legata alla mancata comprensione di un messaggio. Un modo per superarla potrebbe essere un utilizzo migliore e più intelligente dell'Italiano in modo da imparare a diventare siamo competenti nel conoscere e usare le parole. Con OLTREPASSARE stiamo fornendo uno strumento utile a farlo, utile per approfondire la conoscenza della lingua e a riflettere su che cosa è, a cosa serve e perché parliamo, scriviamo, leggiamo.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Alla fonte delle parole
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Nell'antichità ma forse ancora oggi si pensa che ci sia una coincidenza perfetta tra significante e significato, tra parola e realtà. Senza il significante cane, il cane non esisterebbe. Il nome non è casuale, chi non sa che un cane è un cane? Che i greci pensassero questo forse è comprensibile ma cosa dire dei giorni nostri, pieni di post-verità, false verità, verità alternative, ecc.? Oggi è cambiata la lingua, sono cambiati i mezzi di comunicazione, si è dentro flussi continui di parole ma forse abbiamo difficoltà a comprendere che prima di usarle dovremmo prima capirle. Soprattutto quelle che ci bruciano dentro, che ci creano emozioni, reazioni, dubbi, ecc. Con OLTREPASSARE stiamo contribuendo a favorire una maggiore consapevolezza di sè stessi, attraverso una maggiore e migliore comprensione delle parole. Non basta scoprire l'etimologia, bisogna provare andare a fondo dei significati delle parole e scoprirne i loro significati e sensi nascosti.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
La danza della parola
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Il sottotitolo del libro spiega l'obiettivo dell'autore. L'ironia è un'arma civile per combattere schemi e dogmatismi. Anche se non tutto è meritevole di ironia, oggi di ironia e di pensiero ironico ne abbiamo tutti un gran bisogno. Soprattutto per uscire dall'ambiguità delle parole e dal conformismo della comunicazione, dagli schematismi e dai mezzi di comunicazione a cui ci siamo servilmente adeguati. Danzare la parola, anche praticando l'ironia, è come OLTREPASSARE con l'intenzione di relativizzare le convinzioni solidificate nella nostra testa per cercare di vedere con maggiore equilibrio e saggezza. Un modo per farlo è lavorare sulle parole, sui loro significati, sensi, mancanza di neutralità. Un modo per non dare per scontate parole e gesti, convinzioni e opinioni e per guardare anche , con ironia, ai propri pregiudizi, abitudini e comportamenti.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE
Parlare per immagini
OLTREPASSARE CON UN LIBRO - Il testo di Tarabbia è un libro sulla retorica, un manuale pensato per dimostrare al mondo dei parlanti che nella nostra comunicazione orale e scritta noi ricorriamo a figure retoriche, spesso in modo completamente inconsapevole. E' la stessa cosa che facciamo con le parole che usiamo, spesso senza comprenderne il significato, il senso, la radice e molto altro. Attraverso le forme retoriche si può dare forma a ciò che pensiamo, si possono creare effetti speciali nel discorso attivando immagini sbalorditive in chi ascolta. Con OLTREPASSARE proviamo a fare la stessa cosa, ma con le parole.
Si trova in I Caffè Filosofici di OLTREPASSARE