Recinti aperti /

🙆🏽‍♂️ Recinti aperti 8: Fragilità

🙆🏽‍♂️ Recinti aperti 8: Fragilità

28 Aprile 2020 Alessandro Bianchi
Alessandro Bianchi
Alessandro Bianchi
share
La domanda era tendenziosa (in Recinti aperti 7).

"Lo smarrimento per un futuro di incerta fragilità" è la risposta per me auspicabile.

Nessuna certezza di un luminoso futuro luminoso di conquista e sviluppo per se stessi e per la patria, che sempre funesta ha suonato nella storia.

La Fragilità è una condizione umana costituente.

Lo è nel bambino che non la percepisce spiacevole e non scollegata, o in contrasto, con la percezione della forza.

Posso essere forte e fragile al contempo.

Così come posso essere coraggioso solo se conosco e provo la paura.

False antitesi che diventano antitesi solo nel pensiero sovranista povero e in mala fede.

Fragilità è cosa diversa da debolezza.

Contrario di "onnipotenza e invulnerabilità", che appartengono non a caso all’ambito del delirio.

Si colloca nel Limite e da esso nasce: la specie non è onnipotente e invulnerabile; solo nel delirio funesto.

Riconoscere il limite e accettare la fragilità sono invece spazio vero di potere e forza.

Ci dice che non siamo autosufficienti e che dobbiamo unirci agli altri per affrontare i pericoli, come per muoverci verso conquiste.

Oggi è la pandemia a disvelarci questa essenzialità.

Riuscirà anche ad alimentare, in un riscatto etico, la forza della solidarietà?

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Third Millenium

Software house dedicata allo sviluppo di App per il mondo mobile

Vai al profilo

Jekolab Srl

JekoLab, un laboratorio creativo Fondata a Torino nel 2011, JEKOLAB è specializzata...

Vai al profilo

Disruptive Innovation

Management Consulting

Vai al profilo

Roma4You

Roma4You è un progetto trasversale unico nel suo genere, contraddistinto da...

Vai al profilo