IDEOSCRIPTURA /

Ideoscriptura: scrittura-figura-azione

Ideoscriptura: scrittura-figura-azione

08 Giugno 2016 Claudio Benzoni
Claudio Benzoni
Claudio Benzoni
share
Da sempre siamo circondati dai segni e, grazie ai segni, impariamo a comunicare. I nostri antenati probabilmente utilizzavano un sistema di espressione fatto della convergenza di gesto, suono, visione, esercitati e vissuti come un atto universale. E noi ogni volta che li “ri-tracciamo” non facciamo che duplicarli nella rappresentazione, creando sempre qualcosa di nuovo e di diverso.

È la nostra stessa storia sommersa che ci portiamo dentro fin dalle origini, dagli stili che si sovrappongono, ma che alla base mantiene le stesse radici, gli stessi archetipi. Per questo i simboli dell’ideoscriptura ci rivelano modi di pensare vedere e comunicare primordiali. E in questi riscopriamo parti di noi stessi, caratteristiche del nostro linguaggio visuale.

Opera di Claudio Benzoni

Se guardiamo alla configurazione delle nostre lettere alfabetiche scopriamo che non è affatto arbitraria o convenzionale; esse sono state generate dall’arte preistorica. Ogni lettera è un disegno “decaduto” o stilizzato la cui origine va rintracciata proprio nelle figure e nei segni del paleolitico e del neolitico. Ma rispetto al passato c’è qualcosa che abbiamo perduto. Sicuramente l’unità di scrittura, figura e azione. Le parole si sono separate dalla loro figura, si sono “s-figurate”, diventando astratte e autonome. La figura si è svuotata della presenza originaria che l’abitava: il mondo, la vita. Perché la scrittura, come semplice pratica alfabetica, lasciando traccia di sé per dilatare i nostri orizzonti conoscitivi, costruisce progressivamente una distanza tra l’agire in forma diretta e l’apprendere in forma replicabile. È dunque necessario recuperare i simboli che sono in grado di unire e rimette insieme quello che è stato separato.

Da ciò lo stimolo a ipotizzare espressioni artistiche e altri strumenti di comunicazione, quali il linguaggio, in un’unica forma espressiva, scritta e simbolica, come l’ideoscriptura, che deve essere vista, letta, compresa insieme allo stesso modo di un’opera pitturorica: la parola come scrittura della voce, i segni e i gesti come scrittura del corpo,. Un’espressione che nel tempo si trasforma, dando vita a nuove sinergie che mutano senso, contesto e usanze.

 

8 Giugno 2016

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Nex Mobile Apps

Vai al profilo

GetConnected Srl

GetConnected progetta e sviluppa applicazioni mobile chiavi in mano, partendo...

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo

Italia Multimedia

Italia multimedia, web agency a Milano, progetta, disegna e realizza Siti Web, Portali...

Vai al profilo