Ricerca

149 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
MEDIALE
mediale [dal latino tardo medialis «medio, posto nel mezzo»]. In anatomia e in embriologia, che è in posizione prossima al piano mediano. In linguistica, che si riferisce alla forma media del verbo; che ha il valore di forma media. Si dice che l’azione di un verbo ha aspetto, valore, funzione mediale quando esso, pur non possedendo il medio, esprime un’azione al cui svolgimento e al cui risultato il soggetto è particolarmente interessato. Nel linguaggio giornalistico, relativo ai mass media, cioè ai mezzi di comunicazione di massa: società mediale, caratterizzata dall’uso delle moderne tecnologie della comunicazione; cultura m., quella che si esprime attraverso tali tecnologie.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
Le parole misurano la realtà
Comunicare bene significa saper cogliere le sfumature e trovare le parole giuste per raccontarle.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
LENTEZZA [2]
lentézza [derivativo di lento; lentitia «flessibilità, duttilità»]. – Il fatto d’essere lento, come modo (occasionale o abituale) di muoversi, di avanzare, di procedere, di agire: la lentezza degli atti, del passo; la solita lentezza della burocrazia; è di una lentezza esasperante in tutte le sue cose; con lentezza, in modo lento, senza affrettarsi: muoversi, parlare, agire, risolvere con lentezza.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
TECNORAPIDO
tecnorapido - Tecnorapidi è un neologismo coniato da Carlo Mazzucchelli per descrivere le generazioni di nativi digitali che sono cresciute a merendine, Internet e social network. Insieme ai genitori Tecnovigili sono i protagonisti di un suo e-book: Genitori tecnovigili per ragazzi tecnorapidi - Come mettere al sicuro i propri figli dai rischi della tecnologia moderna.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
SILENZIO [1]
Il Covid ci ha nostro malgrado rallentato e silenziato, svuotando le strade ha ridotto le chiacchiere sui marciapiedi, la confusione operosa dei mercati rionali, gli incontri serali ...
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
CAREZZA [1]
Cosa è la carezza? Un semplice gesto o cifra di un orizzonte ulteriore? è soltanto delicatezza estrema o può nascondere in sé uno schiaffo?
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
ESTASI
èstaṡi [dal latino tardo ecstăsis, greco ἔκστασις «turbamento o stato di stupore della mente (per paura, dolore, ecc.)», derivato di ἐξίστημι «mettere fuori», «uscire di sé»]. Stato di isolamento e d’innalzamento mentale dell’individuo assorbito in un’idea unica o in un’emozione particolare; nella mistica, il rapimento dell’anima che al culmine della sua esperienza religiosa, perduta la coscienza del mondo fisico e di ogni legame corporeo, si innalza alla contemplazione del divino ed entra in immediata comunione con esso. Provare vivo godimento per cosa che riempia di sé tutta l’anima.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
SOFFIO
Soffio[sóf-fio] leggera emissione d’aria intermittente a profondi respiri di aria calda e fredda.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
PRECARIO
precàrio [dal lat. precarius, «ottenuto con preghiere, concesso per grazia», derivato di prex precis «preghiera»]. Incerto, non sicuro, soggetto a subire, da un momento all’altro, un cambiamento, un peggioramento. Che o chi ha un rapporto di lavoro temporaneo senza garanzie di stabilità o continuità, legato a un contratto a termine. "La parola precario viene dal latino "prex", preghiera. Precarium vuole dire dunque ottenuto con preghiere, per volontà e concessione di altri, per grazia. E di ciò i precari della scuola ne sanno qualcosa..." - Silvana La Porta
Si trova in Blog / OLTREPASSARE
MANUTENZIONE
Dal latino medievale manutentio -onis, derivazione della locuzione manu tenere. “Il mantenere in buono stato; in particolare, insieme di operazioni che vanno effettuate per tenere sempre nella dovuta efficienza funzionale, in rispondenza agli scopi per cui sono stati costruiti, un edificio, una strada, una nave, una macchina, un impianto, ecc. Nel linguaggio giuridico, il mantenere o ristabilire nella piena efficienza il possesso di un immobile o di un diritto reale su un immobile altrui.” Nel suo significato comune, “manutenzione” è una parola che descrive l’azione di un soggetto su un oggetto. Un rapporto sicuramente di cura, volta a prolungare la vita dell’oggetto cui è indirizzata, ma di una cura subita passivamente e inscindibile dal possesso.
Si trova in Blog / OLTREPASSARE