Tabulario /

NIETZSCHE E ELON MUSK

NIETZSCHE E ELON MUSK

02 Dicembre 2022 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Chi ha studiato un po’ di filosofia si ricorderà la teoria del superuomo di Nietzsche, un filosofo che ha cambiato il pensiero filosofico per sempre, non necessariamente in meglio.

Al superuomo ho pensato oggi leggendo che Elon Musk ha annunciato di essere pronto (sei mesi) a sperimentare l’impianto della sua tecnologia Neuralink nel cervello delle persone in modo da rendere possibile comunicare attraverso il pensiero con un dispositivo elettronico. Il tutto ovviamente comunicato via Twitter, una piattaforma di microblogging trasformata da Elon Musk in semplice strumento privato di propaganda e narcisismo personali. Una dimostrazione del fare trasformativo del superuomo che Musk tende a rappresentare.

Elon Musk si conferma come il perfetto rappresentante di una malattia mortale che, mentre celebra il potere del fare ("Saremo tutti morti prima che accada qualcosa di utile"), del prodotto, della tecnica, dimentica aspetti quali la dimensione umana, la mente, la coscienza e l’etica.

Elon Musk, in buona compagnia nel suo andare al di là del bene e del male e nell’esercitare la volontà di potenza, si è messo al comando di una nave tecnologica dei folli sulla quale vorrebbe imbarcare tutti, trattati da deboli e semplici pedine, ma solo per mandarli verso un iceberg, con la certezza di potersi sempre salvare.

Il pensiero di Nietzsche è servito a dittatori come Mussolini e Hitler a costruire i loro imperi autoritari e del male. A cosa porteranno le grandi innovazioni di Elon Musk? Ai cyborg prossimi futuri che da Neuromanti del terzo millennio non avranno più bisogno dello smartphone per averlo impiantato e sempre attivo nello spazio interno del cervello? E se la teoria che ci descrive come semplici macchine biologiche analoghe a un computer fosse vera, che tipo di coscienza farebbe emergere? Come interagirebbe con il mondo esterno, che non sia il computer da cui è condizionate e a cui è collegata? E come verrebbero comunicate le emozioni? Ci sarà una versione 2 di Neuralink che ci darà una versione 2 di coscienza? E infine quali algoritmi saranno in funzione nel microchip impiantato nel cervello? Aumenteranno in potenza il nostro modo di pensare o colonizzeranno la mente?

Ai posteri l’ardua sentenza.

Come cantavano i Nomadi e Guccini, NOI NON CI SAREMO!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


AteneoWeb S.r.l.

AteneoWeb è un circuito di Professionisti (dottori commercialisti, consulenti del...

Vai al profilo

Padiglio

Padiglio è una rivoluzionaria custodia per iPad, e tablet in generale, che consente a...

Vai al profilo

Inglobe Technologies Srl

Fondata nel 2006 essa basa la sua professionalità sull'esperienza e la competenza di un...

Vai al profilo

Agorà Telematica

Agorà Telematica è un fornitore specializzato di servizi tecnologici capace di...

Vai al profilo